Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 8 aprile 2022

Consacrazione Russo-Ucraina. La FSSPX e il Vescovo di Mosca si sono uniti al Papa

Due notizie interessanti.
Luigi

30 Marzo 2022, Marco Tosatti

[...]
“La Società Sacerdotale San Pio X ha appreso con gioia l’annuncio della consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria, prevista per il 25 marzo.
Dopo una lunga attesa, scandita da ferventi crociate e assidua recita di rosari, la Società San Pio X è felice di vedere presa in considerazione la richiesta di Nostra Signora di Fatima, che richiedeva un atto solenne del Papa in unione con tutti i vescovi.
La Società San Pio X ripone più che mai la sua fiducia nella recita del rosario e nella pratica della penitenza. Essa prega in modo speciale per la pace nel mondo, sempre più convinta che le nazioni troveranno la concordia solo con una vera conversione a Cristo Re, attraverso il Cuore Immacolato di Maria”.
Il giorno della consacrazione, la SSPX ha fatto una dichiarazione ufficiale sull’incontro personale che il Superiore Generale ha avuto con il Santo Padre settimane prima, l’8 febbraio. La dichiarazione diceva che

“Questo incontro ha permesso di mostrare che la SSPX non ha altro obiettivo che servire la Chiesa in mezzo alla crisi attuale. Pagliarani ha avuto l’opportunità di far capire al Papa che tutto ciò che la Società fa ha in mente solo questo servizio. Sono stati scambiati anche buoni ricordi reciproci dell’Argentina.

La breve dichiarazione si è conclusa con queste parole di speranza orante, pubblicate poco dopo la conclusione della Consacrazione della Russia a Roma:

Non manchiamo di pregare per le autorità ecclesiastiche e specialmente per Papa Francesco. Attraverso queste preghiere, possa la Tradizione cattolica riconquistare tutti i suoi diritti nella Chiesa, in modo che il maggior numero possibile di anime possa beneficiarne ed operare la loro salvezza eterna”.

Cosa ha fatto la SSPX nel giorno della consacrazione?
Sebbene la SSPX non sia stata direttamente invitata da Roma a partecipare all’atto di consacrazione, è stato un evento che è stato una risposta a decenni di preghiere per il clero e i fedeli. Per la SSPX, non era necessario alcun invito per unirsi a quello che dovrebbe essere considerato un giorno storico, indipendentemente dal risultato.
“Non siamo stati invitati, ma vogliamo assolutamente essere parte di questo”, ha detto Sua Eccellenza, il vescovo Bernard Fellay, nelle sue osservazioni prima dell’atto di consacrazione.
“Abbiamo molte ragioni per festeggiare oggi. Sembra come se la nostra preghiera al cielo per decenni chiedendo al Cuore Immacolato di Maria che il papa consacrasse la Russia secondo le sue esigenze”, ha detto Fellay, “beh, sembra che questo stia per accadere oggi. E così, con tutto il nostro cuore, vogliamo unirci a questo atto, aspettandoci tanti buoni frutti che sono stati promessi”.
Prima dell’atto di consacrazione, Sua Eccellenza ha ricordato il contesto della richiesta della Madonna, ricordando ai fedeli che “Dio aveva messo nelle sue mani la pace delle nazioni”.


A San Pietroburgo, l'arcivescovo Kondrusiewicz ha presieduto l'Atto di Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria
Il Sismografo, 29-3-31

(Catholic.by - Traduzione Google) La sera del 25 marzo, in occasione della celebrazione dell'Annunciazione, l'arcivescovo emerito di Minsk-Mahilëŭ (Bielorussia), Tadeusz Kondrusiewicz, ha celebrato la Santa Messa nella Chiesa di Nostra Signora di Lourdes a San Pietroburgo (Russia), dove ha anche presieduto l'Atto di Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria.
Colui che fu all'origine della rinascita della Chiesa cattolica in Russia dopo un periodo sovietico di persecuzione della fede, più di un quarto di secolo fa in questo santuario fece un'analoga consacrazione, che ora è stata nuovamente voluto da Papa Francesco in unità con la Chiesa universale.
Nella sua omelia, l'arcivescovo Kondrusiewicz ha ricordato l'importanza della Chiesa di Nostra Signora di Lourdes di San Pietroburgo nella sua vita personale, poiché durante i suoi anni da studente nella città sulla Neva, era l'unico santuario cattolico operante qui. Grazie a questa chiesa, il futuro sacerdote riuscì a mantenere la fede nei tempi difficili dell'ateismo nella città delle tre rivoluzioni.
“All'inizio degli anni '90 iniziò il processo di rinascita della Chiesa a San Pietroburgo e nella Russia nordoccidentale. Questa chiesa ha svolto a lungo il ruolo di Curia estemporanea della regione nord-occidentale della Russia, dove il vescovo ha incontrato sacerdoti, persone consacrate e fedeli. Decreti e altri documenti sono stati scritti qui. In questa chiesa ho consacrato la Russia al Cuore Immacolato di Maria durante il pellegrinaggio dell'immagine della Madre di Dio di Fatima, avvenuto nel 1996-1997”, ha detto l'arcivescovo, aggiungendo che "un quarto di secolo dopo la Provvidenza di Dio ha voluto che consacrassi Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria in comunione con Papa Francesco e con i vescovi di tutto il mondo".
Monsignor Kondrusiewicz ha raccontato ai fedeli i suoi tre incontri con la veggente di Fatima, Suor Lucia, durante i quali ha sottolineato l'importanza della consacrazione di San Giovanni Paolo II del Mondo e della Russia al Cuore Immacolato di Maria nel 1984 e i cambiamenti che ne sono seguiti, soprattutto nel campo della libertà religiosa.
Il prelato ha poi sottolineato che alla luce della tragedia agli occhi del mondo intero dell'Ucraina, la consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria "è di grande importanza".
“Il messaggio di Maria del 1917 può essere riassunto nelle seguenti parole: “Se ti converti e preghi, tutto andrà bene. In caso contrario, il mondo sarà in gravi difficoltà". L'umanità ha disobbedito a Maria e sono arrivati ​​i guai. Questa è la seconda guerra mondiale con i suoi milioni di vittime. Sono anche tre generazioni di persecuzione della fede. Oggi è inammissibile calpestare lo stesso rastrello per la seconda volta! ” ha avvertito l'arcivescovo.
Ha infine invitato i fedeli ad unirsi spiritualmente nell'Atto di consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria in unità con il Papa, i Vescovi e i fedeli di tutto il mondo. L'arcivescovo Tadeusz Kondrusiewicz ha anche incoraggiato tutte le persone di buona volontà a pregare incessantemente per la pace in Ucraina.