Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 26 aprile 2022

Cardinale Pell: Il Papa “dovrà parlare” contro il Sinodo pro-omosessuale tedesco dissidente

Sempre sul Sinodo tedesco.
Luigi

Di Sabino Paciolla, Aprile 24 2022

“Non riesco a vedere come sia possibile che un uomo (il card. Hollerich, ndr) che insegna l’eresia esplicita, per esempio, sulla morale sessuale, possa essere il relatore, il principale motore del Sinodo [sulla sinodalità]”. “Sarebbe assolutamente senza precedenti nella storia cattolica per un uomo che è esplicitamente eretico su qualche punto particolare avere una posizione del genere”, ha detto il cardinale Pell ad Ashenden.
Si seguito la sintesi fatta da Raymond Wolf dell’intervista del Card. Pell al dottor Gavin Ashenden. 

L’articolo è apparso su Lifesitenews e ve la propongo nella mia traduzione.

Il cardinale George Pell in una nuova intervista ha criticato la deriva dissidente della Chiesa in Germania e ha detto che il papa “dovrà parlare” contro la “via sinodale” pro-omosessuale e riaffermare l’insegnamento cattolico.

“Indubbiamente, il Santo Padre parlerà, dovrà parlare su questo argomento per chiarire e ribadire la Tradizione”, ha detto al dottor Gavin Ashenden, un convertito cattolico ed ex cappellano della regina Elisabetta II, sul podcast Merely Catholic Herald di giovedì.

“La Chiesa cattolica, a differenza delle comunioni ortodosse e anglicane, abbiamo uno strumento che crediamo ordinato da Dio: Pietro, l’uomo della roccia”, ha detto il cardinale Pell. “Il ruolo speciale del papato è quello di mantenere la purezza della Tradizione Apostolica e di mantenere l’unità della Chiesa intorno a quella tradizione. Quindi, sono fiducioso che il Santo Padre parlerà”.

“Ho grande fiducia nel successore di Pietro”, ha detto.

Il cardinale conservatore australiano e prefetto emerito della Segreteria per l’Economia del Vaticano ha condannato con forza il Cammino sinodale tedesco, un processo pluriennale di “rinnovamento” lanciato in mezzo alla crisi degli abusi sessuali clericali in Germania che cerca di rivedere l’insegnamento cattolico, anche sull’ordinazione femminile e sulla morale sessuale.

Un documento approvato dai partecipanti in un voto di 174 a 22 all’inizio di quest’anno chiede una “rivalutazione” dell’insegnamento della Chiesa contro l’omosessualità e la revisione del Catechismo della Chiesa Cattolica, sostenendo che gli atti omosessuali non sono “un peccato”.

I burocrati “che dominano il cammino sinodale” e la maggior parte dei vescovi tedeschi, ha detto il cardinale Pell, “pensano che adottando gli insegnamenti del mondo intorno a loro, stanno andando ad aiutare la Chiesa.” “Si stanno dirigendo e guardando nella direzione sbagliata, stanno peggiorando una brutta situazione”.

“Ci appelliamo a Cristo, ci appelliamo alla Rivelazione, alla nostra tradizione giudeo-cristiana, non alla sociologia o alla medicina”, ha sottolineato il cardinale.

Ad un livello più fondamentale, e “specialmente i nostri fratelli tedeschi lo ignorano in maniera studiata”, ha detto, non si tratta solo di essere d’accordo o meno con il Catechismo. “Si tratta di sapere se si crede che noi stiamo sotto la Tradizione Apostolica o ne siamo i padroni”.

“Ci sentiamo liberi di rifiutare gli insegnamenti di San Paolo, quello che era ovviamente il punto di vista e le pratiche di Gesù, tradizione quasi unanime, non solo tra gli ebrei, ma tra i cristiani?” ha continuato. “Ci sentiamo in grado di farlo, o la Rivelazione, gli insegnamenti di Gesù e degli Apostoli hanno un’autorità speciale per noi?”

“È una sfida fondamentale da affrontare”.

Correzione fraterna dei vescovi tedeschi, “incoraggiamento” di Papa Francesco

Il cardinale Pell ha evidenziato una recente “lettera aperta fraterna” ai vescovi tedeschi firmata da lui e da più di 80 altri prelati di cinque continenti, avvertendo che il cammino sinodale porterà “inevitabilmente” a “potenziali scismi”. I vescovi della Scandinavia e il presidente della conferenza episcopale polacca hanno pubblicato lettere simili.

La lettera di correzione fraterna, che il cardinale Pell ha definito “un’iniziativa enormemente importante”, mira a incoraggiare sia i fedeli che il papa a sostenere la dottrina cattolica, ha detto.

“Ricorda alla nostra gente che, per esempio, sulla questione delle donne sacerdote o dell’attività omosessuale, la situazione non è confusa e poco chiara, dove le persone possono scegliere tra una varietà di opzioni”, ha affermato il cardinale australiano.

Ha citato una conversazione riportata da un’amica italiana in cui una nonna italiana ha detto ad un’altra che suo nipote aveva intrapreso una relazione omosessuale. “Ah, sì, ma anche la Chiesa ora dice che questo è OK”, ha risposto l’altra nonna.

“Beh, dobbiamo parlare per chiarire che questo non è l’insegnamento cristiano”, ha detto il cardinale Pell.

“La lettera ha anche lo scopo di incoraggiare i fedeli cattolici tedeschi”, oltre alla “stragrande maggioranza” delle persone in Europa e nel mondo di lingua inglese che “vogliono ancora che gli uomini sposino le donne, crescendo i bambini”, ha aggiunto.

La maggior parte delle persone in Occidente “lamentano la rottura del matrimonio, lamentano i bambini senza padre, e abbiamo bisogno di dare un chiaro aiuto dottrinale alle persone per aggrapparsi a questo”, ha detto il cardinale, sottolineando che l’eteronormatività è “assolutamente necessaria per la salute della nostra società”.

“E, inoltre, questa lettera è un incoraggiamento per il Santo Padre e forse per la Congregazione per la Dottrina della Fede”, ha continuato. “Questa lettera rassicura [Papa Francesco], naturalmente, che la stragrande maggioranza dei vescovi cattolici di tutto il mondo sta con la Tradizione. Questa sarà un’importante rassicurazione per lui”.

Nel ribadire “l’insegnamento fondamentale”, il messaggio dei firmatari è fondamentalmente “un messaggio d’amore”, ha spiegato il cardinale Pell:

Noi crediamo che l’insegnamento cristiano, che spesso in molti settori dicono, per esempio, sul perdono, è un insegnamento molto, molto duro, ma contribuisce alla fioritura umana. E nel tentativo di essere comprensivi, sentimentali con le persone, di confondere le acque su ciò che è dottrinalmente corretto o meno, alla lunga, aumenta la sofferenza.


‘Eresia esplicita’.

Il cardinale Pell ha nuovamente attaccato il cardinale Jean-Claude Hollerich, che Papa Francesco ha scelto per guidare il Sinodo della Sinodalità e che recentemente ha affermato che la millenaria condanna della Chiesa della sodomia è ora “falsa” perché “il fondamento sociologico-scientifico di questo insegnamento non è più corretto”.

In una lettera del 15 marzo, il cardinale Pell ha esortato il Vaticano a censurare sia Hollerich che il vescovo George Bätzing, il capo della conferenza episcopale tedesca, per il loro “rifiuto totale ed esplicito dell’insegnamento della Chiesa cattolica sull’etica sessuale”.

“Non riesco a vedere come sia possibile che un uomo che insegna l’eresia esplicita, per esempio, sulla morale sessuale, possa essere il relatore, il principale motore del sinodo”, ha detto il cardinale Pell ad Ashenden.

“Sarebbe assolutamente senza precedenti nella storia cattolica per un uomo che è esplicitamente eretico su qualche punto particolare avere una posizione del genere”.

“Senza dubbio, il maligno, il diavolo, sarà all’opera nel processo sinodale per portarlo fuori strada”, ha ammonito il cardinale.

La rivoluzione sessuale e la “disintegrazione” dell’Occidente

Gran parte della “disintegrazione” della società, ha osservato anche il cardinale Pell, è radicata nella disgregazione della famiglia, in particolare a causa delle “conseguenze sociali rivoluzionarie” della pillola anticoncezionale.

Egli ha elogiato l’enciclica di Papa San Paolo VI del 1968 contro la contraccezione, Humanae vitae, come “in molti modi … un documento profetico, perché ha predetto queste difficoltà”.

“Io c’ero a quel tempo”, ha osservato il prelato australiano, ricordando le affermazioni secondo cui il controllo delle nascite avrebbe prodotto solo “bambini desiderati” e avrebbe “stabilizzato la vita familiare” e “aiutato i matrimoni”.

“È stato esattamente l’opposto”, ha detto il cardinale Pell.

Mentre le forze secolariste radicali e malvagie intensificano gli attacchi alla civiltà occidentale, la Chiesa cattolica funge da “baluardo” per “spiegare e difendere la nostra cultura ereditata”, ha aggiunto. “Siamo in minoranza. Metaforicamente parlando, siamo in minoranza. E questo è il contesto generale in cui ci troviamo”.

Ma la rinascita dipende dalla “fedeltà agli insegnamenti di Cristo e della Chiesa”, ha detto il cardinale, riflettendo sulla sua esperienza di mesi di reclusione per accuse di abuso ora screditate:

Gli insegnamenti di Cristo funzionano. La nostra forza è nella fedeltà agli insegnamenti di Cristo e della Chiesa. Se non avessi avuto fede in un Dio buono, se non avessi avuto fede nella Provvidenza, anche se fosse stato solo nella successiva vita che le cose si sarebbero bilanciate, che la giustizia e l’amore avrebbero prevalso, se non avessi creduto nella realtà della sofferenza redentrice – e questo è assolutamente cruciale per noi come cristiani e perché crediamo di essere stati salvati, soprattutto attraverso la sofferenza e la morte di Cristo.

I cattolici “hanno un enorme vantaggio sui secolaristi quando ci avviciniamo alla sofferenza”, ha osservato il cardinale Pell. “Neanche loro possono sfuggirle, ma non hanno alcuna spiegazione, niente di buono per loro può venire dalla sofferenza” o “l’insegnamento cristiano del perdono”.

“Man mano che la società si allontana da Cristo, diventerà una società più dura, più spietata, che non perdona”, ha concluso. “Perdonare gli altri, credere che Dio ci abbia perdonato, possono essere cose molto, molto difficili, ma il perdono è liberatorio”.