Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 3 marzo 2022

Una svolta per la Diocesi di Parigi. II - Verso un’altra epoca?

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 850 pubblicata da Paix Liturgique il 22 febbraio 2022, in cui si esaminano con attenzione i vari candidati alla sede arcivescovile di Parigi dopo le (traumatiche) dimissioni di mons. Michel Christian Alain Aupetit (QUI, QUI, QUI e QUI).
Il nome più accreditato è quello di mons. Jean-Marc Noël Aveline, attuale arcivescovo metropolita di Marsiglia; il tutto con un occhio (anzi due, e ben aperti) alle ripercussioni tale scelta avrà sui coetus tradizionali (e non sarebbe una brutta notizia).

L.V.


In una recente Lettera (n. 848, 7 febbraio 2022: Paix Liturgique France), abbiamo parlato delle ferite e degli urti che colpiscono oggi la diocesi di Parigi.

A chi potrebbe rimanere questa diocesi traumatizzata? È possibile – ma in questa materia il possibile non è mai certo – che il Papa colga l’occasione per chiudere l’era Lustiger. Nell’ipotesi opposta, o Mons. Éric de Moulins-Beaufort, arcivescovo di Reims e presidente della Conferenza Episcopale, sarebbe la scelta ovvia per continuare, il che non sarebbe una cattiva notizia per la liturgia tradizionale, che ora tratta con un realismo benevolo, o Mons. Matthieu Rougé, vescovo di Nanterre, che non è a priori un nemico del mondo tradizionale. Tra i non parigini, si parla di mons. Lebrun, arcivescovo di Rouen, di mons. François-Xavier Bustillo, arcivescovo di Ajaccio (cfr. la nostra lettera 801 del 7 giugno scorso, dove abbiamo citato il bel libro: La vocazione del prete di fronte alle crisi. La fidélité créatrice, Nouvelle Cité, 2021), e il più preoccupante Mons. Laurent Ulrich, arcivescovo di Lille, rifiutato per la nomina a Parigi dal cardinale Vingt-Trois.

Anche Jean-Marc Aveline, arcivescovo di Marsiglia, è spesso menzionato come uno dei nuovi cardinali per il prossimo concistoro. È questa ipotesi che presentiamo qui come tale, una semplice ipotesi.

Un altro uomo per un’altra epoca?

Si stima che l’appuntamento parigino potrebbe avvenire tra Pasqua e Pentecoste. A meno che non passi la Trinità… In ogni caso, la nomina del nuovo arcivescovo avverrà nell’ultima fase del pontificato di Papa Francesco. Molte cose potrebbero essere capovolte, sia nella Chiesa nel suo insieme che a Parigi.

Se consideriamo l’ipotesi Jean-Marc Aveline, scopriamo un prelato chiaramente classificato tra i prelati progressisti. Intelligente, flessibile, molto caldo nelle relazioni umane, è considerato un grande amico del Papa.

Nato nel 1958 a Sidi Bel Abbés, in Algeria, è stato ordinato sacerdote da Mons. Dufaux per la diocesi di Marsiglia nel 1984. Direttore di studi al seminario di Marsiglia, ha fondato l’Istituto di Scienza e Teologia delle Religioni (ISTR) nel 1992, e ha ottenuto un dottorato in teologia nel 2000: Pour une théologie christologique des religions. Tillich discute con Troettsch. È stato notato da Mons. Coffy, da cui ha ereditato il pastorale, ma è stato dimenticato per quasi due decenni, poiché era considerato dai nunzi apostolici ratzingueriani come troppo di sinistra (aveva pubblicato: Dialogue islamo-chrétien dans l’esprit d’Assise, con Roger Michel (Gallimard, 2011).

Mons. Pontier, il suo nuovo protettore, l’arcivescovo di Marsiglia, lo ha assunto come ausiliare nel 2013, ed è abbastanza naturale che gli succeda nel 2019.

Accogliere i migranti

Presidente del Consiglio per le relazioni interreligiose e le nuove tendenze religiose della Conferenza episcopale francese, Jean-Marc Aveline è molto impegnato nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso. È molto chiaramente a favore dell’accoglienza dei migranti in Francia, essendo Marsiglia un osservatorio privilegiato di questo fenomeno. Sono stato immerso in questa città», ha detto a La Croix (8 agosto 2019), «sono impregnato della sua cultura e della sua vocazione. Una vocazione che definisce «europea e mediterranea», con allo stesso tempo un forte legame con i cristiani orientali.

La sua nomina a capo di «questa piccola Chiesa atipica che assomiglia a quella del Maghreb», come la descrive ancora Mons. Aveline secondo La Croix, fu accolta calorosamente dal trombinoscopio Golias 2019 che gli assegnò 5 mitre: «La nomina di Mons. Aveline, che succede al coraggioso Georges Pontier che era arrivato alla fine delle sue forze». E Golias continua: «Un uomo intelligente, vero senso pastorale, preoccupato dei suoi parrocchiani e del dialogo con le altre culture […]; non teniamo il broncio nel nostro piacere, respireremo l’intelligenza a pieni polmoni».

In una conferenza sul dialogo cristiano-musulmano (Conferenza sul dialogo cristiano-musulmano a Boulogne-Billancourt il 19 ottobre 2021), ha spiegato: «È nel fare e vivere insieme più che nelle discussioni e nei dibattiti teorici che la vita interreligiosa e l’azione cristiano-musulmana possono e devono svilupparsi. È importante, secondo lui, non studiare le religioni come dottrine diverse che si scontrano, ma è preferibile mettersi sul terreno della vita, per cercare di rispondere insieme alle domande fondamentali che tutti affrontiamo: «Cos’è la vita? Cos’è la morte? Cos’è la sofferenza? Cos’è il male? La felicità? Per noi a Marsiglia, per esempio oggi: come lottare contro le mafie che uccidono i piccoli?

Tuttavia, Mons. Aveline non è riuscito a convincere Papa Francesco a venire a Marsiglia per presiedere una grande celebrazione sul tema della migrazione mediterranea.

Ma è un campione della Legione Straniera

Ma il 27 gennaio 2019, questo pied-noir originario di Sidi Bel Abbès, culla della Legione Straniera, gli ha reso un vibrante omaggio, sul tema: per i legionari come per i preti, il meraviglioso annuncia il tragico e la missione è talvolta sinonimo di sacrificio; i legionari cadono per la Francia in Africa mentre i preti muoiono per la loro fede nel cuore di un quartiere musulmano delle Filippine: «Non deviare dalla propria missione, anche a rischio della vita, è sperimentare la salvezza, si va alla fine per quello che si crede. […] Nella Legione accogliamo i giovani che, nonostante il loro passato, hanno promesso di dare la loro vita alla Francia. E i sacerdoti danno la loro vita a Dio, cercando di assomigliargli fino alla fine.

Forse sono le sue riflessioni contro il secolarismo e l’islamismo (vedi liceo Notre-Dame de Sion a Marsiglia, novembre 2020), in nome di una «sana laicità», che hanno particolarmente attirato l’attenzione delle alte autorità ecclesiastiche: «Cittadini di Francia, vigiliamo! Non permettiamo all’emozione di sopraffare la riflessione. Non lasciamo che la paura spenga la speranza. Non inginocchiamoci davanti agli idoli di oggi: né davanti al terrore minaccioso dell’islamismo, quell’ideologia travestita da religione, né davanti all’ingiunzione provocatoria del laicismo, quell’intransigenza travestita da moralismo. Il laicismo vorrebbe escludere il religioso dallo spazio pubblico, rendendolo così, paradossalmente, ancora più pericoloso. Il laicismo, al contrario, veglia sulla libertà di credere e di non credere.

È ancora difficile abituarsi, i vescovi di Francia (vedere il documento della CEF: L’Espérance ne déçoit pas. Déclaration du Conseil permanent à l’occasion de l’année électorale 2022 - Bayard, Mame, Cerf, 2021) invocano ora la laicità «buona» in soccorso della libertà cattolica…

E non un nemico della liturgia tradizionale

Nella diocesi di Marsiglia, c’è un numero significativo di messe tradizionali:

. Messe della FSSPX, ad Aix-en-Provence, Alleins, Carnoux, a Marsiglia, nella bella chiesa di San Pio X, rue du Tapis-Vert e anche nella cappella dell’Immacolata Concezione, rue de Lodi e nel priorato di Saint-Ferréol.

. E le messe «ufficiali»:

. Delle Missionarie della Divina Misericordia, nella chiesa di Saint-Charles, rue Grignan, a Marsiglia.

. Alla cappella del Buon Gesù, da padre Héry dell’IBP, a Marsiglia.

. All’ospedale militare Laveron, da un sacerdote delle forze armate, a Marsiglia.

. E in un ambiente parrocchiale, a Salon-de-Provence, nella chiesa di Saint-Michel, da preti diocesani.

Tutti hanno notato che, domenica 9 gennaio, Mons. Aveline è venuto a celebrare una messa pontificale in rito tridentino, nella chiesa di San Carlo, servita dai Missionari della Divina Misericordia (Abbés Éloi Gillet e Vincent Marie-Jeanne). In questa occasione, ha ringraziato i Missionari per il loro lavoro esemplare e per tutto ciò che portano alla diocesi.

Non sorprende quindi che un profilo episcopale come quello di Jean-Marc Aveline sia piaciuto al cardinale Ricard, che avrebbe voluto vederlo succedere a Bordeaux. Il fatto è che la diocesi di Bordeaux, sotto la guida del cardinale Ricard, è stata una delle più accoglienti in Francia per le varie correnti tradizionali. Lo stesso progressismo liberale, insomma, rende questi due uomini simili.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione