Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 17 marzo 2022

Una nuova edizione del Martirologio Romano

Siamo lieti di segnalare ai nostri lettori una nuova iniziativa editoriale dell'Associazione Cristomorfosis di Brescia: l'Edizione bilingue Latino-Italiano del Martyrologium Romanum Tradizionale, destinata ad accompagnare l'uso del Breviarium Romanum Vetus Ordo.

Come leggiamo sul sito dell'Associazione, «questa nuova edizione bilingue (latino-italiano) del Martirologio Romano tradizionale nasce con l’intento di facilitare la preghiera di quanti, soprattutto dopo la promulgazione del Motu Proprio Summorum Pontificum, hanno riscoperto la liturgia di sempre e hanno iniziato ad alimentare a questa fonte plurisecolare la propria vita di fede e il proprio culto alla SS. Trinità. L’opera esce in quattro volumi trimestrali ed è pensata per un uso maneggevole e comodo accanto all’uso del Breviarium.
Ogni volume, oltre a contenere i tre mesi del trimestre corrispondente riporta anche l’ultima settimana del mese precedente e la prima settimana del mese successivo.
Si è fatta questa scelta per facilitare l’uso del Martirologio a chi, trovandosi magari in viaggio in concomitanza col cambio di trimestre, gli convenga evitare di portare con sé due volumi.
Nella traduzione pur cercando di rimanere i più fedeli possibile al testo latino, si è optato, tuttavia, in molti casi, per periodi più brevi e l’utilizzo della forma attiva rispetto a quella passiva di gran lunga preferita dal testo latino».

L'editore, dunque, si augura «di offrire un servizio gradito a quanti desiderano pregare con i testi tradizionali e tuttavia, per varie ragioni, non hanno familiarità con la lingua latina, per rendere anche in questo modo Maggior Gloria a Dio».

L'opera è acquistabile a questo link.


PS. Poiché non si tratta di un lezionario, l'opera non incorre nel divieto stabilito dai nota Responsa ad dubia dello scorso dicembre, in base ai quali, com'è ben noto, «non potrà essere autorizzata nessuna pubblicazione di Lezionari in lingua vernacola che riporti il ciclo di letture del rito precedente» 😉.