Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 11 marzo 2022

Stato delle vocazioni sacerdotali negli Stati Uniti

Abbiamo costantemente dato conto ai nostri lettori delle molte vocazioni ed ordinazioni degli Istituti ex Ecclesia Dei (tradizionali) (i più recenti QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI e QUI) e della forte crisi che si sta abbattendo da tempo su molti seminari diocesani (da ultimo, QUI il preoccupante caso di Bergamo, raccontato con compiacimento dall’interno).
Di recente il sito Vocation Ministry ha pubblicato un accurato ed aggiornato rapporto, che vi proponiamo nella nostra traduzione, sullo stato delle vocazioni sacerdotali nelle 177 diocesi degli Stati Uniti, che, con spirito tipicamente anglosassone, impietosamente offre anche una «graduatoria» sulla salute delle diocesi stesse.


L.V.


Sei il primo a vedere il rapporto annuale sullo stato delle vocazioni sacerdotali e scoprire lo stato di salute delle diocesi degli Stati Uniti per le vocazioni. Utilizzando gli Official Catholic Directories del 2015-2021 e i siti web diocesani e i social media, abbiamo informazioni pertinenti su tutte le 177 diocesi. Ecco la panoramica generale:

13 - Diocesi sane
36 - Borderline Diocesi sane
76 - Diocesi in buona salute
52 - Diocesi malsane

38 Diocesi hanno ordinato 0 nuovi sacerdoti nel 2021

*L’età media di un prete statunitense è di 67 anni. Tra pochi anni, questi sacerdoti andranno in pensione. Non abbiamo usato il tasso di pensionamento per i nostri calcoli perché quel numero è diverso per OGNI diocesi. Potete scoprire di più sull’impatto del pensionamento dei sacerdoti leggendo questo articolo.

Per uno sguardo più ampio sullo stato delle vocazioni nel mondo, guardate questo articolo. Per saperne di più sui Religiosi Neo Ordinati e Professi, leggete il Rapporto Cara per la Classe di Ordinandi 2021 e la Classe di Professi 2021.

Conoscete il detto: «Devi sapere dove sei per sapere dove devi andare». Abbiamo molto lavoro da fare per le vocazioni, specialmente in Europa e nelle Americhe.

Come sempre, sappiate che siete nelle mie preghiere. Se ci pensate, per favore pregate anche per il nostro ministero.

Dio vi benedica!
Rhonda Gruenewald

Risultati e criteri per una diocesi sana

Punti dei criteri per una diocesi sana, al limite della salute e che si mantiene sana:
1. Ordinare 1 nuovo sacerdote per ogni 100.000 cattolici in una diocesi all’anno
2. La diocesi ha abbastanza seminaristi per sostenere le ordinazioni necessarie, determinate al punto #1
3. Meno del 15% dei sacerdoti sono sacerdoti esterni (non incardinati in una diocesi, ad esempio, sacerdoti missionari)
4. Meno del 15% delle parrocchie senza un prete residente

Diocesi sane
Covington, Kentucky
Harrisburg, Pennsylvania
Lafayette-in-Indiana, Indiana
Lafayette, Louisiana
Lago Charles, Louisiana
Lansing, Michigan
Lexington, Kentucky
Louisville, Kentucky
Monterey, California
Peoria, Illinois
Ordinariato della Cattedra di San Pietro
Worcester, Massachusetts
Youngstown, Ohio

Diocesi sane al limite
(necessitano di miglioramenti in uno dei quattro criteri di cui sopra)
36 Diocesi

Diocesi di mantenimento
(hanno bisogno di miglioramenti in due dei quattro criteri di cui sopra)
76 Diocesi

Criteri Punti per una Diocesi malsana:
1. Non ordinare 1 nuovo sacerdote ogni 100.000 cattolici in una diocesi per anno
2. La diocesi non ha abbastanza seminaristi per sostenere le ordinazioni necessarie, determinate al punto #1
3. Più del 50% dei sacerdoti sono sacerdoti esterni (non incardinati in una diocesi, ad esempio, sacerdoti missionari)
4. Più del 50% delle parrocchie senza un prete residente

Diocesi malsane
(necessitano di miglioramento in tre o più dei criteri di cui sopra)
52 Diocesi

Di seguito il rapporto completo


5 commenti:

  1. Esiste un rapporto simile anche in Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se anche esistesse le allegre comari di Windsor , quelle che fanno applaudire anche nelle disgrazie, non le renderanno mai note. Nel frattempo le diocesi rimangono senza preti.
      Poi, nella situazione attuale, chi farebbe la pazzia di entrare in un qualsiasi seminario regionale o pontificio dove vengono spiati se indugiano nella preghiera o dell'adorazione davanti al Santissimo nella cappella?
      Chi è così masochista da cercare di beccarsi l'esaurimento nervoso?

      Elimina
    2. a parte questo, essere preti oggi non è molto attrattivo, perchè spesso i fedeli hanno richieste assurde da molti preti, e li vogliono superuomini con un'intensa vita di preghiera, amati da tutti, che fanno tutte le attività della parrocchia
      uno può avere anche la vocazione, può sopportare anni di seminario ingoiando rospi, ma poi chi glielo fa fare di diventare il tuttofare 24h su 24 dei parrocchiani?

      Elimina
    3. Nella chiesa modernista e nella percezione stessa della gente ormai il prete è un mestiere per extracomunitari. Esattamente come l'operaio non specializzato o la badante. E la considerazione sociale è la stessa.

      Elimina
  2. Per me la questione è più cruda. Non li fanno sposare e quindi molti rinunciano a questo tipo di missione. Una volta facevano più come volevano, anche alla luce del giorno. Farsi prete, a parte la più piccola quota dei divenuti santi, non voleva dire rinunciare proprio ad un bel niente perché avevano il potere. Ora sono più spiati e controllati, non tutti psicologicamente riescono nella vita ipocrita e chi riesce nella doppia vita non è granché e i fedeli lo percepiscono. Non è solo una questione sessuale, bensì affettiva.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.