Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 1 marzo 2022

Nuovo e-book gratuito: in difesa di Padre Pio

Riceviamo e pubblichiamo.
Luigi

Il nuovo e-book e' scaricabile gratuitamente dal sito dei libri: http://www.totustuus.cloud/

In difesa di San Pio da Pietrelcina

Da oggi diffondiamo 5 (cinque) volumi – alcuni ormai introvabili – che narrano le tribolazioni sofferte da Padre Pio nel corso della sua vita.
Tutti i volumi sono stati scritti da figli spirituali di Padre Pio per amore di verità.
Talvolta i testi sono leggibili con difficoltà: ce ne scusiamo, ma la scansione è la migliore che siamo riusciti ad ottenere.

Avvisiamo fin da subito il lettore che, proprio per amore di verità, in alcuni casi non vengono taciute le nefandezze di chi ha calunniato il santo quando era in vita, anche se costui portava l’abito talare. Pertanto, la lettura di alcune pagine può risultare non adatta alle anime più sensibili.

Eccovi una sintesi di ciascun e-book:

Emanuele Brunatto, Israele il mio primogenito (1955).
Prima di essere beatificato (nel 1999) poi canonizzato (nel 2002) da S. Giovanni Paolo II, san Pio da Pietrelcina fu condannato, impedito o limitato nel suo apostolato dal Sant’Uffizio (nel 1923, nel 1931 e nel 1960). La prima agiografia, Padre Pio da Pietrelcina, scritta dallo stesso Emanuele Brunatto (nel 1926, sotto lo pseudonimo di Giuseppe De Rossi), nella sua qualità di testimone molto vicino, sarà messa all’Indice. Questo testo, invece, è stato redatto quasi trent’anni dopo, con il permesso di Padre Pio.

Capitano John Willoughby, Gli anticristi nella Chiesa di Cristo (1933)
Il testo è la denuncia dei cattivi sacerdoti che per primi hanno perseguitato Padre Pio. Lasciata da parte ogni polemica dottrinale, il testo presenta, in dodici capitoli, una serie di documenti, accompagnati da un rapporto di stile poliziesco, privo di ogni commento.

Francesco Morcaldi Podestà di S. Giovanni Rotondo, Lettera alla Chiesa (1929)
Contiene la testimonianza– autorevolissima e documentata – dell’effetto santificatore che la presenza di Padre Pio produsse sulla popolazione, tanta era la differenza tra l’umile cappuccino e il clero locale.

Assoc. Figli Spirituali Ginevra (Brunatto 2), Padre Pio (1963)
Il testo non ha alcuna intenzione di chiamare in giudizio la Chiesa, rispetto la quale gli autori dichiarano: “vi apparteniamo corpo e anima”. Il presente Libro Bianco denuncia gli individui e i sistemi che, lungi dall’identificarsi con la Chiesa, rappresentano dei valori antitetici a quelli su cui essa si fonda.

Giuseppe Pagnossin, Il calvario di Padre Pio (1978).
Si tratta del testo più completo sulle persecuzioni a Padre Pio.
I due volumi sono stati divisi in 10 files a causa delle numerose fotografie di documenti originali.
«Non si deve minimizzare, né tanto meno nascondere, come vorrebbero tante, troppe “parti interessate”, questo grande tesoro di sofferenza eroica che Padre Pio ha accumulato in terra in mezzo secolo di malevolenza umana contro di lui scatenata. Quella di conoscere le cattiverie, in questa storia tutta di bontà, è una via obbligata per capire chi è stato, veramente, Padre Pio da Pietrelcina. E per rendere giustizia, oltre che a Lui, anche alla verità».

Totustuus.it