Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 24 marzo 2022

Card. Müller: esigere l’aborto come un diritto umano non ha eguali nel cinismo

Una bella intervista al card. Gerhard Müller.
Luigi

19 Marzo 2022, Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mi sembra interessante offrire alla vostra attenzione questa intervista al card. Gerhard Müller, realizzata da Lothar Rilinger per kath.net, che ringraziamo per la cortesia, nella mia traduzione. Buona lettura.

Card. Müller: “Esigere l’aborto come un diritto umano non ha eguali nel cinismo”

Vaticano (kath.net) L’immagine cristiano-umanista dell’uomo sarà sostituita da quella ateo-evoluzionista. Questa immagine dell’uomo rappresenta un dualismo secondo il quale il corpo e lo spirito sono separati. Il corpo è visto come una cosa, come un oggetto giuridico, così che l’essere umano diventa portatore di diritti solo quando ha lo spirito – solo allora l’essere umano diventa un soggetto giuridico che può disporre dei diritti, specialmente dei diritti umani. Questa scissione dell’essere umano in oggetto giuridico e soggetto giuridico ha conseguenze sul diritto umano alla vita che devono essere viste come un cambiamento di paradigma nella visione della vita dell’essere umano. Non è più l’essere umano in sé ad essere protetto dalla legge, ma solo lo spirito umano, che si manifesta nell’autoriflessione e nell’autodeterminazione formale. Vogliamo avvicinarci a questo cambiamento e fare luce sulle conseguenze nel diritto dell’aborto di “ammassi di cellule” o “tessuto gestazionale”, come vengono chiamati gli esseri umani non nati nella visione ateo-evoluzionista degli esseri umani. Abbiamo chiesto al cardinale Gerhard Ludwig Müller, che Papa Francesco ha recentemente definito un “maestro dell’insegnamento cattolico”, un commento.

Lothar C. Rilinger: La concezione ateo-evoluzionista dell’uomo si basa sul dualismo di corpo e spirito. Si può accettare questa visione dell’uomo da una prospettiva cristiana?

Cardinale Gerhard Ludwig Müller: Il rigido dualismo della mente come cosa pensante (res cogitans) e il corpo come cosa estesa (res extensa) risale in questa forma al filosofo francese René Descartes. Non si considerava affatto un ateo e presentava persino prove impressionanti dell’esistenza di Dio, che come idea necessaria risulterebbe evidentemente dalla nostra autocoscienza.
Solo con i materialisti dell’Illuminismo popolare, come il barone d’Holbach, Helvetius o La Mettrie, l’uomo fu ridotto alla materia. L’uomo, sostenevano, non era altro che una macchina che poteva essere spiegata interamente dalle leggi della meccanica. Oppure l’uomo era solo la somma delle sue condizioni sociali, come dicevano Comte e Marx, e quindi doveva prima essere creato in un uomo nuovo attraverso il miglioramento.
L’ateismo della critica alla religione nei secoli XIX e XX di Max Stirner e Feuerbach, in combinazione con l’evoluzionismo darwiniano, non poteva più riconoscere alcuna differenza di essenza tra gli animali e gli uomini. Per Nietzsche, l’uomo era “l’animale non ancora stabilito”, che si era sviluppato in un “uomo superiore” solo in pochi esemplari, mentre le grandi masse rappresentavano un “surplus di disadattati, malati, degenerati, infermi, necessariamente sofferenti”. Nietzsche – questo filosofo del nichilismo e araldo della “morte di Dio”, al quale si riferivano, a torto o a ragione, gli eugenisti e i razzisti del XX secolo – rimprovera al cristianesimo il “deterioramento della razza europea” attraverso la “rivalutazione” dei deboli in forti e il disprezzo dei sofferenti in compassione per loro nel suo scritto: “Al di là del bene e del male” (cfr. § 62). L’uomo era solo il pezzo intermedio tra l’animale e il prossimo “superuomo”, che era così “caro al cuore di Nietzsche”. L’attuale transumanesimo o postumanesimo segue il canto delle sirene del suo folle profeta: “Addio! Addio! Voi umani superiori! – mentre gridava – Solo ora la montagna del futuro dell’uomo gira. Dio è morto: ora vogliamo – che il superuomo viva”. (Friedrich Nietzsche, Also sprach Zarathustra, Parte IV, Vom höheren Menschen, 2, (Leipzig 1923), 418). In questo, l’élite globalista di oggi si sente indirizzata, indulgendo in tutti i privilegi e prescrivendo alle masse ottuse di miliardi, chiamate “marmaglia” da Nietzsche, la cura da cavallo dell’autodecimazione e al resto dell’umanità la felicità delle vacche al pascolo (cfr. Klaus Schwab e Thierry Malleret, La grande narrazione. Per un futuro migliore, 2022). “Ma mentre l’uguaglianza davanti a Dio era quella che spronava allo sforzo, l’uguaglianza degli ‘ultimi uomini’ è quella di una famigerata consolazione, perché non c’è più niente che valga la pena di sforzarsi, né c’è più nessuno che la rivendichi”. (Herfried Münkler, Marx – Wagner – Nietzsche. Welt im Umbruch (Berlino ³2021) 222).
Questa è precisamente la linea di faglia tra la visione dell’uomo come immagine e somiglianza di Dio (Genesi 1:27; Salmo 8:6; Romani 8:29) e la riduzione naturalistica dell’uomo al prodotto accidentale dell’evoluzione, la sociologia e l’essere umano geneticamente arricchito come futuro ibrido di organismo biologico e intelligenza artificiale, l’homunculus o cyborg. Per noi vale la verità rivelata sull’uomo: “Perché anche la creazione sarà liberata dalla schiavitù della corruzione nella libertà e nella gloria dei figli di Dio”. (Romani 8:21).


Rilinger: È eticamente giustificabile descrivere una creatura di Dio, come viene considerato anche un bambino non ancora nato, come una “cosa” o “cosa”, che dopo tutto deve essere velata dalla qualifica di “mucchio di cellule” o “tessuto di gravidanza”, per non permettere ovviamente che la piena verità sia rivelata alla popolazione?

Card. Müller: Ogni essere umano deve la sua reale esistenza fisica all’essere stato generato e concepito da suo padre e sua madre. I genitori non producono un tessuto che poi accidentalmente effettuerebbe una sorta di trasformazione dell’essere in un essere umano. Dall’inizio del concepimento, ogni essere umano possiede un DNA distintivo come base fisica della sua identità personale. Ogni essere umano, in quanto persona di natura spirituale-corporea, è dall’eternità voluto, amato e destinato da Dio alla salvezza, alla comunione con Lui senza fine; “… perché chi ha conosciuto in anticipo, ha anche predestinato in anticipo ad essere reso partecipe della natura e della somiglianza del suo Figlio …” (Romani 8:29)


Rilinger: La gravidanza è ovviamente considerata come una malattia nella nuova concezione dell’uomo; il termine “salute riproduttiva” come sinonimo di aborto non può essere inteso altrimenti. Si può considerare la gravidanza come una malattia e quindi l’aborto come il ripristino della salute?

Card. Müller: La gravidanza non è altro che la simbiosi corporale del bambino concepito da un uomo con la donna che è e resterà sua madre fino alla morte.
La gravidanza offre al bambino la culla della vita e la sua crescita fino al giorno in cui il bambino vede la luce del giorno nella nascita. La malattia, d’altra parte, significa la limitazione e la minaccia alla vita, alle funzioni corporali o all’integrità mentale e spirituale. La procreazione di un bambino, la gravidanza, la nascita, la cura del neonato, il suo nutrimento con il latte materno, i baci e le lacrime della madre, la cura per la crescita sana del bambino sono tutt’altro che un incidente che chiama in causa il funzionamento di un “prodotto” tecnico.
La procreazione di un nuovo essere umano nel grembo materno non è una riproduzione di un oggetto di piacere o un oggetto d’uso, ma una partecipazione dei genitori al piano di creazione e di salvezza di Dio. Gesù, il Figlio di Dio, ha mandato a chiamare i bambini per benedirli e per raccomandarceli nella loro semplicità e incorruttibilità come esempio della nostra figliolanza con Dio. (Mt 18, 1-4). Egli è quindi l’archetipo della bontà di Dio verso i bambini. Ci dà uno spunto di riflessione quando dice: “Quando una donna sta per partorire, piange perché è giunta la sua ora; ma quando ha dato alla luce il bambino, non pensa più alla sua angoscia sopra la gioia che un essere umano è venuto al mondo”. (Giovanni 16:21).


Rilinger: Poiché la sessualità è spesso staccata dalla procreazione di un essere umano e quindi non serve alla continuazione della società, ma piuttosto al guadagno di piacere dell’individuo, la gravidanza è talvolta vista come una menomazione del guadagno di piacere. Questa menomazione potrebbe essere considerata come una malattia?

Card. Müller: Non tutte le unioni sessuali tra uomo e donna portano alla gravidanza. Ma non si deve nemmeno separarle fondamentalmente da essa per “usare” il mero piacere sessuale – senza amore personale – come una droga contro l’esperienza dell’insensatezza dell’esistenza o come una mortificazione o un aumento dell’autostima.
Il matrimonio è un’unità olistica dell’uomo e della donna nell’amore che porta i due partner oltre se stessi nell’esperienza dell’amore incondizionato di Dio, che è la nostra felicità eterna. “L’atto coniugale è meritorio in vista del premio della vita eterna e senza alcuna colpa, pesante o leggera, se rimane ordinato alla procreazione dei figli e alla loro educazione al culto di Dio” (Tommaso d’Aquino, Commento a 1 Corinzi, cap. 7), anche se de facto – senza l’intenzione escludente dei genitori – non nasce nessun nuovo essere umano.


Rilinger: Nella nuova concezione dell’uomo, l’essere umano non nato è considerato come una cosa. Questa qualificazione giuridica di un essere umano non ancora nato come una cosa ha lo scopo di ottenere la possibilità di poterlo uccidere fino all’ultimo secondo logico di gravidanza senza un reato di omicidio?

Card. Müller: Una cosa è un essere inanimato come un libro, una macchina, un computer. Ma un essere umano nello stato embrionale del suo sviluppo è un essere vivente con gli organi umani che gli permettono di pensare e agire in modo veramente umano.
Anche una donna non partorisce una cosa, ma un bambino, che spera di poter tenere tra le braccia sano e vivo.
Un’argomentazione contro questo modo di pensare disumano nei confronti del bambino nel grembo materno è superflua, perché l’essere umano del bambino nel grembo materno è evidente e la sua negazione è la giustificazione del più efferato crimine contro la vita. Dichiarare un bambino nel grembo materno una cosa è altrettanto perverso che rendere schiavi degli esseri umani e poi dichiararli una cosa per giustificare questo orrendo crimine contro l’umanità.


Rilinger: Il Parlamento europeo ha approvato il cosiddetto Rapporto Matic nell’estate del 2021, secondo il quale l’aborto dovrebbe essere considerato un diritto umano. Potete immaginare che il rifiuto di osservare questo cosiddetto diritto umano appena inventato avrà conseguenze civili o penali?

Card. Müller: Quando questi atei e agnostici neopagani parlano di diritti umani e di valori europei, ammettono a malincuore che esistono norme etiche.
Anche se, nel loro disorientamento metafisico derivante dalla perdita di fede nel Dio onnipotente, nostro Creatore e giudice incorruttibile delle azioni buone e cattive, rifiutano norme morali oggettive e universalmente vincolanti, devono però almeno riconoscere come minimo etico il limite dell’autodeterminazione nel corpo e nella vita dell’altro essere umano.
Coloro che pensano che i potenti, i sani e i ricchi hanno più diritto alla vita dei deboli, dei malati e dei poveri, si condannano come discepoli del darwinismo sociale, che ha portato a milioni di vittime delle ideologie politiche nel XX secolo. Non basta invocare il proprio antifascismo e antistalinismo, bisogna piuttosto rinunciare ai loro principi disumani nel pensiero e nell’azione. Nonostante tutti gli appelli all’emancipazione dal decalogo, o gli appelli alle decisioni della maggioranza nei parlamenti, o al mutato senso del popolo, la legge morale naturale che brilla nella ragione e nella coscienza di ogni essere umano è ancora applicabile. Coloro che sono così criminalmente frivoli con le vite degli altri urlano più forte quando – come si può vedere nei processi per crimini di guerra – loro stessi lo prendono nel collo.
Nel decreto conciliare Gaudium et Spes, il Concilio Vaticano II esigeva il rispetto della persona umana con le parole: “Tutti, senza eccezione, devono considerare il prossimo come “un altro se stesso”, preoccupandosi soprattutto della sua vita e delle condizioni necessarie per una vita degna di un essere umano. Altrimenti assomiglieranno a quell’uomo ricco che non si preoccupò affatto del povero Lazzaro. Oggi, in particolare, siamo urgentemente obbligati a farci il prossimo per eccellenza di ogni essere umano e ad aiutarlo energicamente ovunque ci incontri, sia che si tratti di anziani abbandonati da tutti, o di un lavoratore straniero che incontra un ingiusto disprezzo, o di uno sfollato, o di un figlio illegittimo che soffre immeritatamente per un peccato che non ha commesso, o di un affamato che smuove la nostra coscienza ricordandoci la parola del Signore: In quanto l’avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me. (Mt 25,40)”.
Esso afferma inoltre: “Tutto ciò che è contrario alla vita stessa, come qualsiasi tipo di omicidio, genocidio, aborto, eutanasia e anche il suicidio volontario; tutto ciò che viola la santità della persona umana, come la mutilazione, la tortura fisica o mentale e il tentativo di esercitare la coercizione psicologica; tutto ciò che offende la dignità umana, come condizioni di vita disumane, arresti arbitrari, rapimenti, schiavitù, prostituzione, traffico di ragazze e giovani, quindi anche condizioni di lavoro indegne in cui il lavoratore è trattato come un semplice mezzo di acquisizione e non come una persona libera e responsabile: tutti questi e altri atti simili sono di per sé una vergogna; sono una decomposizione della cultura umana, degradando molto di più chi fa il male che chi lo subisce. Allo stesso tempo, sono al massimo grado una contraddizione contro l’onore del Creatore”. (Vaticano II, Gaudium et Spes, 27)


Rilinger: Può – come è richiesto nella nuova immagine dell’uomo – essere vietato a un medico di rifiutarsi di uccidere un essere umano non nato contro la sua coscienza morale?

Card. Müller: Costringere una persona ad agire contro la sua coscienza è di per sé immorale. Punirlo per questo è il segno sicuro di una perversione della giustizia in una società totalitaria che ha perso la sua pretesa allo stato di diritto, anche se formalmente avrebbe ancora l’aspetto di una democrazia.


Rilinger: Il rifiuto di un medico di eseguire un’uccisione prenatale può essere considerato come una “violenza di genere contro le donne” come richiesto dalla visione ateo-evoluzionista dell’uomo?

Card. Müller: L’aborto è una violenza di genere contro una donna come madre e contro sua figlia o figlio.


Rilinger: È compatibile con il nostro sistema legale che ogni ospedale, incluso un ospedale cattolico, debba eseguire aborti?

Cardinale Müller: Non si può arbitrariamente-positivisticamente dichiarare giusto ciò che è eticamente sbagliato.


Rilinger: Nel caso della gravidanza, i diritti umani della madre e del nascituro possono collidere se la vita della madre è messa in pericolo dalla gravidanza. In questo caso, si deve fare un bilanciamento di interessi, per cui il medico deve decidere tra la vita della madre e quella del nascituro?

Card. Müller: Nessun medico ha il diritto di disporre della vita e della morte di un altro essere umano. Piuttosto, il suo compito è quello di salvare delle vite. In un caso estremo, quando solo una vita può essere salvata a spese di un’altra vita, nessuno può decidere dall’esterno. Qui inizia una logica di “amore più grande, in cui uno dà la sua vita per i suoi amici”. (Gv 15,13). Conosco donne che hanno osato vivere per il loro bambino in quest’ora, che sono morte nel processo, e altre che sono sopravvissute nonostante le previsioni dei medici e che oggi ringraziano Dio per questa grazia.


Rilinger: Gli aborti per qualsiasi motivo devono essere inclusi nel catalogo delle prestazioni delle compagnie di assicurazione sanitaria e degli assicuratori sanitari. Ci si può aspettare che la comunità degli assicurati paghi per aborti che non sono indicati dal punto di vista medico e hanno il carattere di contraccezione generale?

Card. Müller: Dal punto di vista della legge morale naturale e della concezione cristiana dell’uomo, la partecipazione obbligatoria a qualsiasi forma di aborto, eutanasia e altre forme di eliminazione della presunta “vita non più degna di essere vissuta” è da respingere con ogni enfasi e a ogni condizione. Naturalmente è un fatto che nelle dittature totalitarie e anche negli stati dell'”Occidente democratico” certi gruppi ideologici – fino ai partiti rappresentati in parlamento – costringono i concittadini a collaborare finanziariamente all’uccisione di persone innocenti. I cristiani sono spesso diffamati pubblicamente, discriminati e persino perseguiti per questo.


Rilinger: Il rapporto Matic non ha conseguenze giuridiche, perché il Parlamento europeo non ha competenza legislativa per la legge sull’aborto. Tuttavia, questo rapporto ha un impatto nel discorso politico. Questa decisione ha lo scopo di mostrare quali sono i valori europei da considerare, in modo che, come ha già chiesto il presidente Macron, la Carta europea dei diritti fondamentali debba essere modificata?

Cardinale Müller: Esigere l’aborto come un diritto umano non ha eguali nel suo cinismo disumano. Questo è ciò che Papa Francesco dirà al presidente francese che afferma pubblicamente di essere suo amico.


Rilinger: Eminenza, grazie mille!