Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 13 febbraio 2022

Traditionis Custodes nel mondo: CONTRO la Tradizione (e l'ortografia) ad Hamilton, Canada #traditioniscustodes

S.E. mons. Wayne L. Lobsinger, vescovo ausiliare e vicario generale della diocesi canadese di Hamilton, emana norme restrittive sulla liturgia tradizionale... che lui stesso aveva celebrato (la foto qui accanto è tratta da Corpus Christi Watershed). Applicando il Traditionis Custodes (qui chiamato Custodies Traditiones, ma è l'ultimo dei problemi) stabilisce:
- uso esclusivo dell'inglese per le letture;
- confessioni e nozze secondo il Novus Ordo;
- abolizione delle Messe infrasettimanali, da sostituirsi con il Novus Ordo, che si potrà celebrare, bontà sua, in latino e ad orientem (e questa opzione vale solo in questi casi, vietandola implicitamente per qualsiasi altra Messa in rito nuovo);
- Last but not least, i funerali secondo il rito tradizionale possono continuare, ma soltanto per quei fedeli che regolarmente partecipavano alle celebrazioni secondo quel rito (avviso ai moribondi: rimanete a vista, altrimenti niente esequie tridentine).
Il commento di padre Zuhlsdorf.
Stefano


Un'altra lettera imbarazzante di un vescovo su Traditionis Custodes... anzi: Custodies Traditiones

di padre  John Zuhlsdorf – WDTPRS, 11 febbraio 2022

[...]

Notate la variazione in alto. L'ortografia?  Un relitto totale:  "Custodies Traditiones".  Chiaramente chi l'ha scritto e firmato non ha la minima idea della questione.

Mi verrebbe da pensare a uno scherzo, se non ci fosse quell'aria di cancelleria.

A proposito dell'uso esclusivo dell'inglese: mi domando se la comunità francofona della diocesi lo apprezzerà.

Riguardo alle Missae Defunctorum... Nessun fedele può essere obbligato a frequentare un tipo di Messa o un altro tipo di Messa per un certo numero di volte o per un certo periodo di tempo per avere diritto a un funerale secondo un determinato rito. Immaginiamo che tu sia un cattolico della Chiesa latina. Hai perso la tua patente di guida per qualsiasi motivo, ma fortunatamente, a due isolati di distanza c'è una chiesa cattolica bizantina. Cominci ad andare lì. Poi muori. Tu, per richiesta precedente, e i tuoi cari nel presente, possono chiedere di fare il tuo funerale o in quella chiesa bizantina o nella tua vecchia parrocchia latina che non potevi raggiungere senza l'auto. Nessuno può dire che non puoi perché "è da un po' che non va a San Canuto!".

Un altro esempio. Cosa succede se sei un fuori sede che passa parte dell'anno in Arizona e parte in Canada?

È una questione di "costituzione" della Chiesa, che potrebbe confondere gli americani e forse meno gli inglesi.  Anche loro hanno una costituzione, ma non è scritta in un documento definito Costituzione.  È difficile.

Ora, però, bisogna sapere dove cercare i principi costituzionali, cose estrapolate dalla legge.

La Chiesa ha una costituzione. Non è scritta in un documento chiamato Costituzione. I progressisti hanno una specie di Santo Graal nell'ottenere una Lex Ecclesiae Fundamentalis, una costituzione scritta e poi che il regno del terrore abbia inizio!

Non si può legiferare un numero minimo di Messe a cui si deve partecipare prima di poter essere sepolti secondo un rito legittimo della Chiesa. È una violazione.

Un altro esempio, più semplice. Non si può esigere che la gente conosca il latino per assistere a una Messa in latino, o il vietnamita per assistere a una Messa in vietnamita. Si può richiedere ai sacerdoti di saper pronunciare correttamente le cose per celebrare in una lingua, ma non si può richiedere loro di avere la padronanza di quella lingua. Diamine, ci sono molti preti che dicono la messa in spagnolo ma non sanno predicare. I sacerdoti la cui lingua madre è l'inglese forse non hanno idea di cosa dicano realmente le preghiere che leggono regolarmente ad alta voce, cosa significhino.

In ogni caso, c'è un sacco di sciatteria in quanto detto sopra. Per non parlare delle altre cose.