Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 21 febbraio 2022

Orrori architettonici… e dove trovarli #76 a Cizur (Spagna)

Cappella del Seminario Internazionale Bidasoa dell’arch. Rubén J Labiano (anno 2011).

Lorenzo

Descrizione del progetto: «Promossa da una fondazione impegnata nella promozione della cultura, la cappella principale del Colegio Eclesiástico Internacional “Bidasoa” (Seminario Internazionale Bidasoa) si trova a Cizur Menor, un villaggio spagnolo vicino al campus universitario di Pamplona. Il terreno si trova in una zona elevata e in pendenza con vista sul fiume Elorz, la ferrovia e l’autostrada. Il seminario è molto chiaro dal punto di vista formale: una disposizione longitudinale per le stanze e un basamento per gli spazi comuni. Sopra lo zoccolo emergono i due volumi delle cappelle orientate verso est.
La cappella principale ha un accesso diretto dal “chiostro”, uno spazio con un’intensità materiale e formale travolgente, espressiva della sua identità spirituale. Ci sono due cappelle parallele separate dalla sacrestia. Due ambienti diversi configurati da pareti in GRC, legno e gesso. L’iconografia figurativa, realizzata dallo scultore Javier Viver, è fatta in GRC e resine, immagini pirografate in foglia d’argento. La sala permette le circolazioni chiostro-capella-sacrestia e lungo i confessionali e le librerie. Una soluzione di copertura con la base di capriata metallica recuperata inferiormente da un soffitto tratteggiato con persiane o travi di legno acustico perforato. Una grande apertura sopra il nord della cappella garantisce la penetrazione di una luce naturale senza una radiazione diretta del sole. Sulla parte del santuario, un’apertura con illuminazione da un patio esterno permette una ventilazione diretta. L’entrata della luce è setacciata attraverso lastre di alabastro incorporate sul vetro. Il pavimento della navata è leggermente inclinato. Il santuario è elevato per accentuare la sua visibilità e centralità. Il soppalco del coro forma una “L”. Un soffitto è accessibile per la manutenzione. La sacrestia si trova tra le due cappelle per facilitare il collegamento e un migliore isolamento acustico in caso di uso simultaneo. La piccola cappella è adornata con materiali relativamente semplici e mantiene la vecchia pala d’altare classica barocca.» (trad. it.)

Foto esterni:





Foto interni:






2 commenti:

  1. L'interno non è affatto brutto. Molto bella la crocifissione dietro l'altare e, udite udite, per una volta la custodia eucaristica non è in un angolino. L'esterno ahimè è desolatamente anonimo

    RispondiElimina
  2. This is located in the Old Spain (Spain) not in the New Spain (México) as the title suggest... ;)

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione