Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 7 febbraio 2022

Orrori architettonici… e dove trovarli #74 a Burgos (Spagna)

Il Monastero di San Pietro Regalado dell’arch. Eduardo Delgado Orusco (anno 2014).

Lorenzo

Descrizione del progetto: «Il progetto di espansione del Monastero di La Aguilera risponde all’insediamento dell’Istituto Iesu Communio della vicina città di Lerma, in un antico stabilimento francescano del XV secolo.
L’enorme empatia e sensibilità delle monache, che si manifesta nell’attenzione ai pellegrini che le visitano, ha portato alla necessità di completare il programma del monastero originale con alcuni nuovi edifici progettati in modo indipendente ma logicamente collegati da circolazioni coperte: una chiesa, il cui spazio interno favorirebbe una liturgia partecipativa e di incontro con i pellegrini; diversi edifici di parlatorio – come nuovo punto di incontro tra la Comunità e i pellegrini – qualificati dalle sue dimensioni; e uno spazio specifico di formazione all’interno del chiostro. Allo stesso modo, la forza e la giovinezza di questa Comunità invitano a un trattamento paesaggistico funzionale, sia nell’area dedicata alle suore come ai pellegrini, che porta a un gruppo di spazi aperti che vanno dalla piazza di accoglienza alle aree ricreative interne.
La geometria complessiva del nuovo intervento risponde ad una metafora basata sull’impronta che le gocce di pioggia lasciano sul terreno, intesa questa a sua volta come immagine del rapporto tra Cielo e Terra. Gli edifici, di pianta circolare e geometria approssimativamente cilindrica, colonizzano l’area disponibile in modo apparentemente casuale, formando un paesaggio aperto che contrasta armoniosamente con l’insieme originale. Allo stesso modo l’organizzazione degli spazi esterni legati ai pellegrini segue una disposizione simile, disegnando i confini di queste piccole piazze o spazi di relazione per essere adattati ai contorni del terreno. Il risultato è una sorta di collegamento tra spazi aperti e costruiti che frammentano la grande area d’azione, il tutto avvolto dalle mura dell’antico convento.» (trad. it.)

Foto esterni:





Foto interni:






Altre immagini:




Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione