Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 21 febbraio 2022

Müller: per i cattolici fedeli è un tempo di martirio e terrore psicologico.

Sempre Müller molto preciso ed efficace.
Grazie a Edward Pentin per l'intervista e a Marco Tosatti per la preziosa traduzione.
Luigi

12 Febbraio 2022, Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, mi sembra interessante attirare la vostra attenzione su un’intervista che il card. Gerhard Mueller ha concesso a Edward Pentin del National Catholic Register, che ringraziamo per la cortesia, e di cui vi offriamo qualche brano nella nostra traduzione, rimandovi all’originale. Buona lettura.
§§§

I fedeli cattolici stanno oggi affrontando un periodo di persecuzione, tribolazione e “terrore psicologico” che, in un modo senza precedenti, viene dall’interno dei loro stessi paesi che hanno antiche tradizioni cristiane, ha osservato il cardinale Gerhard Müller.
Il cardinale tedesco ha fatto questa osservazione in un’intervista esclusiva del 5 febbraio con il National Catholic Register, durante la quale ha sferrato un duro attacco allo stato della Chiesa in Germania e alla “Via Sinodale”, un controverso processo di riforma pluriennale nato dalla crisi dell’abuso sessuale del clero.

Il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ha detto che questi attacchi ai fedeli dall’interno provengono da parti “secolarizzate” della Chiesa e spesso si verificano sul posto di lavoro o nelle scuole.
Ora è un “tempo di tribolazione e terrore psicologico”, e i cattolici ortodossi sono “perseguitati; e in alcuni paesi questo sta culminando nel martirio”, ha notato il cardinale Müller. “Di solito questo è venuto dall’esterno, ma ora è dall’interno, nei nostri paesi che hanno antiche tradizioni cristiane. È una situazione nuova”.
Le parole del cardinale sono arrivate mentre una riunione plenaria del “Cammino sinodale” si stava concludendo lo scorso fine settimana.
I partecipanti hanno votato in quella riunione per una serie di proposte di dissenso che includevano la benedizione delle unioni dello stesso sesso; cambiamenti al catechismo sull’omosessualità; l’ordinazione di donne sacerdote; il celibato sacerdotale come facoltativo nella Chiesa latina; e per il coinvolgimento dei laici nell’elezione di nuovi vescovi.
I suoi commenti seguono anche una serie di dichiarazioni controverse di prelati tedeschi ed europei nelle ultime settimane. Essi includono il cardinale Reinhard Marx di Monaco che ha detto il 3 febbraio che i sacerdoti dovrebbero essere autorizzati a sposarsi “non solo per motivi sessuali”, ma per “non sentirsi così soli”, e il cardinale Jean-Claude Hollerich di Lussemburgo che ha sostenuto che l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità è “falso” e necessita di una revisione.

Il mese scorso, più di 120 dipendenti omosessuali della Chiesa in Germania hanno chiesto la benedizione delle unioni omosessuali e un cambiamento nelle regole del lavoro della Chiesa – un’iniziativa accolta dalla conferenza episcopale tedesca.

Gli attori delle proposte del Sinodo sono “persone secolarizzate” che “vogliono mantenere il nome ‘cattolico’, per rimanere nell’istituzione e prendere i soldi, ma non accettano l’insegnamento della parola di Dio”.
“Essi relativizzano la fede cattolica, ma rimangono con i loro titoli: cardinali, vescovi, professori di teologia – ma in realtà non credono in ciò che la Chiesa dice”.

L’agenda “LGBT” che molti di loro sostengono “è totalmente idiota perché la sua mitologia neognostica è assolutamente contro la natura umana, non solo in senso biologico, ma anche in senso filosofico”.

La benedizione delle coppie dello stesso sesso promossa dai vescovi tedeschi è “assolutamente una bestemmia” perché è una “negazione della costituzione degli esseri umani come uomo e donna, e non ci può essere alcuna benedizione.”

Ordinazione femminile: “il diaconato sacramentale è un grado di un triplice ordine indivisibile che non può essere trasferito alle donne secondo la permanente tradizione apostolica”.

“Non pochi stanno negando il carattere sacrificale dell’Eucaristia e la Presenza Reale”, ha osservato. “Il ruolo del sacerdote e la sostanza della fede sono in pericolo”.

I leader della Chiesa e i laici cattolici che spingono queste opinioni anti-cattoliche non credono nel Giudizio Universale, ha sostenuto il cardinale Müller. “Per loro, Dio deve giustificarsi”. Ma ha avvertito che il loro giudizio sarà più severo, dato che hanno apostatato. “Come apostata, quella persona ha più colpa di qualcuno che non ha mai sentito parlare della fede cattolica”.

In sintesi, ha detto che crede che coloro che sostengono cambiamenti come quelli del “Cammino Sinodale” “non sono riformatori” ma stanno spingendo per “una deformazione della Chiesa, una secolarizzazione della casa del Dio Trino”.
E ha detto che un problema chiave è il desiderio di compromesso con il mondo, una riluttanza a vivere con la tensione di vivere la fede nella società altamente secolarizzata di oggi.

Inoltre, ha detto che qualcuno come il cardinale Marx è spesso favorito dalla stampa perché “è il miglior promotore degli obiettivi che vogliono – neutralizzare la Chiesa” e impedirle di dare “risposte a profonde questioni esistenziali.

Spetta a Papa Francesco e al Collegio Cardinalizio intervenire e disciplinare questi prelati e la “via sinodale” prima che sia troppo tardi.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione