Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 1 febbraio 2022

Ex pastore luterano: risvegliamoci prima che sia tardi #traditioniscustodes

Padre Michel Violet è un ex pastore luterano, convertito nel 2000 e ordinato prete cattolico nel 2003. Al netto della sua posizione sulla concelebrazione, offre un'accorata analisi della situazione della Chiesa e della società e una filiale protesta sul motuproprio Traditionis Custodes  e sul divieto di amministrare i sacramenti nella forma tradizionale.
Stefano

Risvegliamoci prima che sia troppo tardi

All'inizio di quest'anno, la tristezza è certamente il sentimento più condiviso dai francesi, e senza dubbio non sono gli unici al mondo.

Poiché sono un sacerdote cattolico, credo nel primato della preghiera, e in particolare la preghiera che eleviamo a Dio, nella Chiesa, quando celebriamo la santa liturgia. Tuttavia, anche questa santa pratica si è trasformata oggi in una causa di ulteriore tristezza, e lì penso che le cose non vanno affatto bene!

Ho ricevuto il motu proprio Traditionis custodes in obbedienza filiale, perché emana dal Successore di Pietro, che lo spiega con la sua preoccupazione di non vedere costruire una Chiesa parallela a partire dalla Messa tradizionale secondo il messale del 1962. Se certi confratelli in Francia possono dare questa impressione rifiutandosi di concelebrare con il loro vescovo alla Messa Crismale, atteggiamento che mi dispiace, ciò non significa che essi, come i cattolici legati alla liturgia tradizionale, abbiano la minima intenzione di raggrupparsi in un'altra Chiesa. Per tutti quelli che conosco nel mio paese, c'è solo una Chiesa cattolica il cui Papa si chiama Francesco, e non ce ne possono essere altri!

Per questo non mi sembra né giusto né caritatevole aggiungere alla restrizione delle celebrazioni della Messa di San Giovanni XXIII, la privazione della celebrazione nella forma antica dei vari sacramenti della Chiesa. E suggerire che questa pratica religiosa sarebbe in contrasto con il Concilio Vaticano II mi sembra sorprendente, nella misura in cui mi è sempre stato detto, e lo è stato per molto tempo, che questo Concilio era in continuità con quelli precedenti. Come può essere contraddittorio celebrare, dopo il Vaticano II, celebrare un battesimo nella forma in cui era celebrato dopo il Vaticano I, e che aveva già diversi secoli? Inoltre, e credo di essere autorizzato a fare questa critica, che non mette in discussione la validità del sacramento amministrato secondo la liturgia moderna, quest'ultima ha cancellato troppo gli esorcismi, tra l'altro perché i suoi autori, alcuni dei quali conoscevo bene, non credevano nel peccato originale! Nell'interesse stesso dell'ortodossia cattolica, la sopravvivenza di queste due liturgie mi sembra del massimo interesse. Da qui la mia tristezza per il possibile abbandono o addirittura la messa al bando di questa antica liturgia.

Tristezza anche per chi muore. Come posso, da sacerdote, rifiutare di permettere ad una persona che sta morendo di ricevere l'Estrema Unzione nello stesso modo in cui l'hanno ricevuta i suoi genitori o i suoi nonni? I nostri vescovi sono i nostri padri e i nostri superiori. Non posso immaginare che ci impediscano di portare a un moribondo le consolazioni che ha il diritto di chiederci.

È anche triste che non possiamo garantire la Messa dei Defunti nella forma straordinaria. Coloro che conoscono questa liturgia, che ha accompagnato la morte per secoli, e che spesso nei tempi moderni è stata una delle rare occasioni per alcuni di assistere a una Messa, facendoli riflettere sulla dottrina cristiana della morte e portandoli a porsi la domanda della resurrezione, non possono che essere profondamente feriti se vengono privati dell'ultima testimonianza che vogliono dare alla loro vita quaggiù. E aggiungerei che per i cristiani convinti,  in questo rituale c'è tutto quanto possa rafforzare la fede nella resurrezione. Tutto in questa forma antica contribuisce a toccare l'anima umana nelle ferite più dolorose del suo dolore. La speranza nella luce eterna cantata fin dall'inizio dal requiem Aeternam, l'assunzione dell'orrore della separazione con il canto del Dies irae, se ci si è presi la briga di capirlo! Non cade tutto a pezzi, dando un'impressione di fine del mondo, e a volte con un fondo di rabbia diffusa, quando si apprende la morte del proprio fratellino o sorellina...? In quel momento, non si vuole essere schiaffeggiati dall'alleluia, o sentire "Cristo è risorto" cantato su tutte le melodie possibili. Ogni cosa a suo tempo, con il Libera me e l'In paradisum

Perdonatemi se faccio un esempio personale, non per commuovere, ma per cercare di persuadere. Per ragioni mediche, sto vivendo questa esperienza di avvicinamento alla morte, e la speranza di essere accompagnato da questa antica preghiera della Chiesa nella mia ultima visita a un santuario cattolico mi è di grande aiuto. Non voglio essere obbligato a privare altri cristiani che me lo chiedono! Potrei? Non lo so!

È anche triste pensare ai giovani seminaristi degli Istituti che vivono al ritmo della Messa tradizionale, e costringerli a fare a meno dell'antica liturgia di ordinazione. A coloro che danno la loro vita alla Chiesa, negheremmo questa forma liturgica che li configura a Cristo Capo, che li ha segnati fin dalla loro giovinezza, che ha permesso loro di sentire la chiamata del Signore, che ha sostenuto i loro studi in seminario! Spetta alle rispettive autorità far sapere loro che, in seguito, potrebbero dover celebrare in modo diverso, eccezionalmente, per le necessità di servizio secondo gli ordini del loro vescovo. Lo accetteranno meglio da un atto di carità fraterna per il loro ingresso nel ministero che da un divieto la cui necessità è tutt'altro che evidente! 

Tristezza anche per lo spettacolo della divisione tra i cattolici! In questo tempo di preghiera per l'unità dei cristiani, pratica così preziosa che è più che mai utile mantenere, deploro il fatto che alcune persone mostrino così poca considerazione per l'unità cattolica, al punto da osare diffamare il nostro Santo Padre, il ministro per eccellenza dell'unità. E arrivo al punto, con mia grande vergogna, di rallegrarmi del fatto che i vari governi politici non danno più molta importanza al cattolicesimo, perché evitano il dramma del XIV secolo, il grande scisma d'Occidente (1378) che ha visto due Papi regnare contemporaneamente, poi tre, scomunicarsi a vicenda, con i paesi che hanno riconosciuto il loro concorrente! Accennando a questo spero di non dare cattive idee al nostro Presidente della Repubblica che senza dubbio non sarebbe contrariato di mettere il palazzo di Avignone a disposizione di un antipapa, eletto da una commissione indipendente di cardinali, aperta alle donne e ai laici e – perché no? – presieduta dal signor Jean Marc Sauvé.
Pensate che vantaggio sarebbe per il turismo e anche per il festival, che avrebbe un'attrazione in più! E questo tipo di avventura avrebbe l'ulteriore vantaggio di soddisfare molte ambizioni ecclesiastiche moltiplicando mitre e berrette! I sogni in viola e rosso diventerebbero realtà!

Avrò l'opportunità di tornare su questo, in un altro contesto e in dettaglio, come hanno fatto altri cattolici. Sollevo questo problema solo ora perché sta succedendo quello che sospettavo. Il rapporto ICASE con le sue cifre gonfiate comincia ora a mostrare il suo vero volto come un pretesto per cambiare considerevolmente la Chiesa cattolica. 
Per esempio, non si esita a gettare nell'arena pubblica gli abusi che sarebbero stati commessi da un prete, morto nel 1994, che era un artista rinomato nel campo delle vetrate, tanto che queste decorano molte delle nostre chiese. Non conosco questo caso, ma ho visto queste vetrate e le trovo magnifiche! Sembra che siano addirittura protetti dalle belle arti. Vengo a sapere che non solo continuano a riesumare questo dossier contro un uomo morto, ma che vogliono mettere via tutte le sue vetrate!
Allora posso essere sorpreso! La giustizia temporale ferma ogni processo di fronte alla morte di un presunto colpevole. Come può la Chiesa, luogo di perdono e di misericordia per eccellenza, essere caduta così in basso da perseguire i morti davanti alla giustizia dell'opinione pubblica? È davvero una pedagogia cristiana per le vittime e una testimonianza per il mondo? Vogliamo ripristinare il triste Concilio del cadavere tenutosi nell'897, che vide i resti di Papa Formoso riesumati per essere processati? Vogliamo disseppellire questo curato, sepolto da 28 anni, per portare ciò che resta di lui davanti al tribunale canonico nazionale raccomandato dall'ICASE, con, sembra, l'assenso episcopale? C'è motivo di tremare quando si conoscono le conseguenze di ciò che è successo alla Chiesa e alla società sulla scia dell'orrore dell'897. È stata la perdita di fiducia nel Papato a facilitare il suo dominio da parte delle grandi famiglie romane, antenate dei nostri bobos di sinistra, che hanno messo la loro prole sul trono di Pietro. 
In effetti, alle donne (all'epoca Teodora e Marozia) fu dato un ruolo importante, come suggerisce l'ICASE. Hanno influenzato l'elezione di diversi Papi, di cui avevano intimamente apprezzato le prodezze e che avevano poco a che fare con la teologia! È così che Papa Giovanni XII ha potuto incoronare Otto I come imperatore all'età di 18 anni! E questa deriva della Chiesa durò dal 904 al 963.
Quanto a far sparire le opere d'arte di un uomo che non ha vissuto secondo la morale cattolica, dico che ci stiamo incamminando su una strada pericolosa. Se andiamo avanti, ci saranno grandi vuoti nei nostri musei, per non parlare delle nostre chiese. Sarà necessario, e questo sarà solo l'inizio, far sparire le opere di Caravaggio, e imbiancare la Cappella Sistina!
E questo incoraggia i nostalgici dell'Inquisizione a continuare la loro opera di purificazione. Hanno nel mirino nientemeno che il nostro Papa emerito, sul quale gravano sospetti di occultamento consapevole di atti riprovevoli da parte di preti durante il suo periodo di arcivescovo di Monaco (1977-1982), e il giornale Le Point, decisamente specializzato nella demolizione di vescovi, non esita a illustrare questa notizia con una foto di Benedetto XVI, molto anziano, con le mani giunte e serrate, che guarda il cielo in modo disperato, come per implorare perdono. Vergogna alla persona responsabile di questo articolo e di questa presentazione degna del dottor Goebbels!
Un'epurazione impostata come sistema è sempre un sordido assemblaggio di regolamenti di conti. Anche se è giustificata all'inizio, non può che finire male se perde la ragione e continua oltre il dovuto per estirpare ciò per cui è stata creata! Un'epurazione fu purtroppo necessaria nel 1944 in Francia, ma abbiamo avuto la saggezza di controllarla progressivamente, senza poter evitare errori sanguinosi, ma di avere il coraggio politico di porvi fine. La purga Sauvé può essere peggiore, nella sua durata e nei suoi eccessi, della purga politica alla quale ho appena accennato, perché ha una base religiosa e vuole essere uno strumento di virtù. Il suo autore non ammette contraddizioni. Ha presieduto alla scrittura di un nuovo Deuteronomio. È proprio in queste condizioni che Robespierre, in tutta buona fede, ha instaurato il Terrore, proclamandosi capo del partito del bene perché quello della virtù! Vogliamo, in nome di questa stessa virtù, una Chiesa del Terrore?
E questo in un momento in cui il nostro Paese sta crollando nella mediocrità materialista del globalismo affaristico, quando la mancanza di libertà ci impedisce di parlare delle paure reali legittime grazie alla propagazione di quelle false. 

Tristezza, dunque, per un tale abbattimento del nostro paese, di cui un'élite cattolica è complice!
Confesso che non capisco come, dopo la commedia che il Presidente della Repubblica ha giocato per noi cattolici durante la sua visita ai Bernardins, e le leggi di bioetica che ha approvato, le nostre autorità religiose possano ora dire che non daranno istruzioni di voto nelle prossime elezioni presidenziali. È vero che non li abbiamo sentiti quando il termine per l'aborto è stato esteso a quattordici settimane. Come risultato del rapporto Sauvé, la Chiesa ora si vergogna di parlare di questioni morali! 
E senza dubbio continueranno a farlo dopo che il presidente Emmanuel Macron, capo dell'Unione europea e candidato non dichiarato alle prossime elezioni presidenziali, ha espresso il suo desiderio di vedere il diritto delle donne all'aborto inserito nella Carta dei diritti fondamentali dell'UE. Molti cattolici aspettano una reazione dei loro pastori, anche solo per dire con fermezza che l'aborto non può essere reso un diritto della donna in una Carta europea dei diritti. Se questo fosse il caso, e per citare Papa Francesco, equivarrebbe a riconoscere l'utilità degli abortisti come sicari. E come ignorare il fatto che l'eutanasia e il suicidio assistito vengono proposti dai suoi sostenitori al presidente uscente per la prossima campagna elettorale. Il presidente Macron aggiungerebbe allora all'apostasia del suo battesimo e all'incoraggiamento dell'aborto, due gravi peccati che la Chiesa sanziona con la scomunica "latae sententiae", un aggravamento della cultura della morte. La nostra Conferenza episcopale francese avrebbe difficoltà a tacere, a meno che non speri che le pietre gridino! Ma non so se i fedeli capiranno, perché, allo stesso tempo, c'è da temere che molti fedeli perdano interesse a pagare il denario!
Per quanto riguarda il rendere un dovere morale per i cattolici andare a votare, questo solleva delle questioni quando le elezioni non si svolgono in modo equo, quando ci sono mezzi di propaganda tra i candidati che rendono impossibile un vero dibattito, e soprattutto quando il voto bianco viene contato con i voti non validi. Nessuno può dire che uno è un cattivo cristiano e un cattivo cittadino se rifiuta di sostenere con la sua partecipazione quella che considera una commedia pericolosa per il suo paese! Per me, secondo la configurazione che ancora non conosciamo, ma che possiamo intuire, ognuno deve sentirsi libero di votare o di astenersi. Egli deve una santa obbedienza solo alla sua coscienza! Solo ammettendo questo, la Chiesa vivrà la giusta neutralità a cui aspira! Perché in questo momento il popolo cristiano aspetta parole e azioni coerenti, segni di mobilitazione e non di abdicazione, soprattutto di fronte a poteri politici sempre più anticattolici!
Dopo quello che ho detto, qualcuno potrebbe chiedere se è ancora possibile sperare? Rispondo di sì, senza esitazione, se possiamo mostrare coraggio molto rapidamente. La gente pensa di essere padrona del proprio destino e dei propri schemi. Dimenticano facilmente l'onnipotenza di Dio. È Dio che, con la nostra indispensabile testimonianza, quando sarà il momento, si manifesterà e farà apparire la sua giustizia. Farà trionfare i difensori della fede cattolica e confonderà gli impostori.



Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.