Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 7 febbraio 2022

Card. Müller: contro Benedetto XVI una campagna di “character assassination”


Grazie a Marco Tosatti per l'utile traduzione.
"Dio non ha creato l’uomo etero, bi,-trans o asessuale, pederasta o lesbica o pedofilo o omofilo o in qualsiasi altra tecnica per ottenere piacere, ma a sua immagine e somiglianza ha creato ogni individuo come uomo o donna. E benedice la coppia dicendo: “Siate fecondi e moltiplicatevi, popolate la terra”. (Genesi 1, 28 f) E Gesù, il Figlio di Dio e unico maestro della verità divina, interpreta definitivamente questa verità antropologica primordiale in modo tale che attraverso l’amore reciproco dell’uomo e della donna, i due non sono più due, ma “una sola carne” (Matteo 19, 5)".
Vedere anche QUI.
Luigi

31 Gennaio 2022

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mi sembra interessante offrirvi, nella mia traduzione, questa intervista che Lothar Rilinger ha realizzato al card. Gerhard Müller per Kath.net, che ringraziamo di cuore per la cortesia. Buona lettura.
§§§

Il cardinale Müller in un’intervista a kath.net sul rapporto sugli abusi dell’arcidiocesi di Monaco: “Conosco Ratzinger da decenni nella sua onestà intellettuale e nel suo giudizio moralmente sicuro”.

Dall’avvocato Lothar C. Rilinger

Vaticano (kath.net/pl) “È assolutamente grottesco voler presentare al mondo un uomo come il Papa Emerito Benedetto XVI/J. Ratzinger come un bugiardo attribuendo un singolo evento 42 anni dopo ad un singolo incontro su molte centinaia a cui può aver pensato di partecipare o meno.” Questo è ciò che dice il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, Gerhard Cardinal Müller, in un’intervista a kath.net sul rapporto sugli abusi dell’Arcidiocesi di Monaco e Frisinga. Al contrario, “è l’uomo che, in posizione decisiva come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e come Papa, ha riportato alla ribalta il trascurato diritto penale ecclesiastico… Non sono proprio coloro che lo deridevano a suo tempo come un “Panzerkardinal” (cardinale carro armato) che oggi lo accusano di mancanza di durezza contro i trasgressori, sebbene questi casi non forniscano nemmeno deboli prove di negligenza?”

Le domande sono poste da Lothar Rilinger , autore del libro, avvocato in pensione e specialista di diritto del lavoro, e membro aggiunto in pensione della Corte di Stato della Bassa Sassonia.

Questo rapporto sugli abusi da parte dell’Arcidiocesi di Monaco e Frisinga sta facendo scalpore. Valuta anche le attività dell’allora arcivescovo cardinale Joseph Ratzinger. È accusato di cattiva condotta in tre casi. Tuttavia, le prove presentate dagli esperti non permettono di supporre che Benedetto XVI sia stato dimostrato colpevole di cattiva condotta. Vogliamo discutere i dubbi sulle prove e i meriti dell’ex Papa con il cardinale Gerhard Ludwig Müller. Lo scopo di questa intervista impedisce di spiegare i singoli casi in modo più dettagliato. Possiamo solo approfondire le ragioni dell’accusa.

Avvocato Lothar C. Rilinger: Lei considera una “accusa protettiva”, come è formulata nella perizia, il fatto che l’allora arcivescovo cardinale Ratzinger non sarebbe stato informato della cattiva condotta, sebbene i suoi predecessori e i suoi successori fossero informati dei reati commessi da sacerdoti dai rispettivi vicari generali? La conoscenza di altri vescovi sugli abusi può essere presa come una “premessa” e quindi gli argomenti di Benedetto possono essere qualificati come una “fallacia logica”?

Cardinale Gerhard Ludwig Müller: Non ha bisogno di un’affermazione protettiva. Accusarlo di un atteggiamento così moralmente basso non solo mostra una totale mancanza di rispetto per una persona e un cristiano altamente meritevole della Chiesa e della società, ma è anche un giuramento di rivelazione delle proprie intenzioni, che si sono realizzate nella campagna di “assassinio del personaggio” smodatamente folle contro di lui.

Rilinger: L’incriminazione del sacerdote per esibizionismo è da considerarsi un reato minore, poiché l’atto sessuale è avvenuto “davanti” alla vittima e non “sulla” vittima, per cui l’arcivescovo Cardinale Ratzinger non è stato informato di questo procedimento?

Card. Müller: Come nasce la tendenza all’esibizionismo è una questione di psicologia sessuale. La valutazione della sua pratica in termini di diritto penale spetta ai giudici competenti dei tribunali secolari. Moralmente parlando, un tale atto è un peccato grave. (cfr. 1 Corinzi 6:9) Chiunque lo commetta è indegno del sacerdozio, perché il sacerdote, come ogni altro cristiano, è vincolato dal sesto comandamento. Inoltre, egli rappresenta Cristo come il buon pastore e dovrebbe quindi essere un esempio spirituale e morale per tutti i credenti. (cfr. 1 Pietro 5,3) Inoltre, un sacerdote cattolico non solo deve muoversi entro i limiti del giusto ammissibile, ma deve evitare ogni offesa nel suo comportamento e ogni ambiguità nel suo parlare.

Rilinger: È comprensibile che il vescovo Ratzinger non abbia denunciato la cattiva condotta, ma che il caso sia stato trattato dalla stessa amministrazione, perché l’abuso non è avvenuto nell’esercizio delle funzioni sacerdotali, ma nella sfera privata?

Card. Müller: In passato, c’era certamente la pratica ben intenzionata di non coinvolgere l’Ordinario in tutti i dettagli del comportamento impuro dei suoi chierici e impiegati laici, perché non si voleva passarglielo e si pensava di poter risolvere il problema da soli a livello dell’ufficio del personale. Oggi la gente è più sensibile e attenta ai primi segni. Il nuovo pericolo è che persone innocenti siano frettolosamente sospettate o addirittura gettate in pasto ai media. Tutti gli indignati e gli agitatori del caso del cardinale Pell, che in ultima istanza è stato assolto da tutte le accuse di abuso sessuale, si sono scusati o almeno hanno fatto una scusa a Dio nella loro coscienza? C’era anche una diffusa immagine progressista dei preti dopo il Concilio, i cui protagonisti non volevano più essere così “rigidi” quando si trattava di morale sessuale. L’ex cardinale liberale McCarrick degli USA (vedi link) è stato scusato per anni in questi ambienti con la scusa che le sue vittime erano solo (!) candidati al sacerdozio che sapevano cosa stavano facendo da adulti. Ancora oggi su questa linea frivola ci sono gli ipocriti “riformatori della chiesa” che vogliono prevenire i reati sessuali contro gli adolescenti legittimando i contatti eterosessuali e omosessuali di preti o impiegati laici con adulti. Così facendo, essi minano la morale rivelata e l’etica naturale, trasformano il celibato in una farsa blasfema e dissacrano il matrimonio tra uomo e donna come fondamento divino. Ciò che è peccato non è determinato dal cristiano stesso dal giorno della sua maturità civile, cioè dal suo 18° compleanno. Come bambini, giovani, adulti, anziani, sappiamo che siamo responsabili verso Dio e la sua santa volontà. Anche il filosofo precristiano Seneca riconosceva: “In un regno siamo nati: obbedire a Dio è libertà”. (Della vita felice 15:7) Quanto più noi cristiani crediamo che adempiendo i comandamenti di Dio diventiamo liberi e felici. “Perché voi siete stati chiamati alla libertà… Solo non usate la libertà come scusa per la carne, ma servite gli uni gli altri nell’amore”. (Galati 5:13)
La Chiesa non può uscire da questo crollo mediatico minando la morale sessuale. Possiamo uscire dalla miseria della sessualizzazione e commercializzazione del esistenza corporea, che riflette solo il disperato vuoto di senso del nichilismo europeo, solo se comprendiamo il nostro essere uomo o donna come una disposizione all’amore personale e quindi lo viviamo come grazia. La sessualità è sempre abusata quando degenera in una droga; ha lo scopo di intorpidire la sensazione di mancanza di senso. Tuttavia, la vita non è mai senza senso perché il senso, la ragione, la Parola di Dio, si è fatta carne e ha abitato tra noi e rimane con noi in Gesù Cristo con la sua grazia e verità.
Dio non ha creato l’uomo etero, bi,-trans o asessuale, pederasta o lesbica o pedofilo o omofilo o in qualsiasi altra tecnica per ottenere piacere, ma a sua immagine e somiglianza ha creato ogni individuo come uomo o donna. E benedice la coppia dicendo: “Siate fecondi e moltiplicatevi, popolate la terra”. (Genesi 1, 28 f) E Gesù, il Figlio di Dio e unico maestro della verità divina, interpreta definitivamente questa verità antropologica primordiale in modo tale che attraverso l’amore reciproco dell’uomo e della donna, i due non sono più due, ma “una sola carne” (Matteo 19, 5).

Rilinger: Una settimana dopo che l’amministrazione è venuta a conoscenza della condanna di un sacerdote, è stato esentato dall’istruzione religiosa. La ragione data per l’esenzione era il dottorato che stava cercando. Si può necessariamente dedurre da questa argomentazione che la condanna per un reato sessuale era stata la ragione del rilascio?

Card. Müller: In nessun modo. Chiunque lo faccia confonde la procedura di una riunione ordinariale con i metodi di interrogatorio della polizia criminale o le acrobazie legali di una giuria americana. La nostra gente nell’amministrazione della chiesa non conosce tutti i trucchi del libro, ma per lo più molto credulona, cioè più candida dei colombi e non astuta come i serpenti. Quelli che lo sono, però, hanno spesso fatto più danni.
I truffatori sanno che è più facile ingannare i preti per ottenere denaro da loro. Certo, bisogna anche imparare dagli errori del passato nella gestione del personale nella chiesa, ma anche non cadere nell’estremo opposto di un clima di sospetto permanente. La migliore prevenzione è l’ethos sacerdotale a cui i pastori si sottomettono e a cui si tengono reciprocamente. Coloro che si uniscono quotidianamente al sacrificio di Cristo sulla croce nella celebrazione della Santa Eucaristia sconfiggono ogni tentazione al peccato con la sua grazia.

Rilinger: La pedofilia era considerata curabile, il che poteva anche corrispondere all’idea di risocializzazione, che era considerata come predominante nel diritto penale dell’epoca. Contraddice la “presunzione di correttezza” che monsignor Ratzinger non sia stato informato di questi sforzi?

Card. Müller: Come persona non coinvolta, naturalmente non so quanto precise fossero le informazioni nei dettagli. Ma anche i presenti non possono più ricostruire completamente gli eventi dai file e certamente non dalla memoria. Ma conosco Joseph Ratzinger da decenni nella sua onestà intellettuale e nel suo giudizio moralmente sicuro. E da questo segue senza dubbio che mai e in nessuna circostanza ha fatto o permesso qualcosa di negligente o addirittura intenzionale che avrebbe causato danni agli individui o alla comunità dei credenti. Quante volte gli psicologi si sono sbagliati nelle loro previsioni sulla recidiva dei criminali. Ne consegue che ognuno può agire solo secondo il meglio della propria coscienza e conoscenza nella propria posizione di responsabilità. Non avremo mai esperienza di uno Stato costituzionale senza crimini dei singoli cittadini e una Chiesa senza i peccati dei suoi singoli membri, sebbene essa sia il corpo santo di Cristo secondo la sua sostanza (cfr. Vaticano II, Costituzione sulla Chiesa Lumen Gentium 8), prima del Giudizio Universale in questo mondo e certamente non potremo strapparla a questo mondo caduto con l’autogiustificazione pelagiana. Ma siamo convinti che alla fine Dio concederà giustizia a tutti gli umiliati e gli insultati.

Rilinger: Benedetto XVI vuole chiarire e quindi ha accettato volontariamente di partecipare al chiarimento. Tuttavia, gli esperti dubitano della sua capacità di ricordare perché potrebbe non ricordare un incontro dopo 40 anni e insinuano che l’arcivescovo all’epoca fu informato di una cattiva condotta criminale dei sacerdoti contrariamente alla sua memoria. Pensa che sia possibile che Benedetto invochi dei vuoti di memoria per negare una presunta cattiva condotta?

Card. Müller: Solo Dio ha nella sua memoria una perfetta conoscenza di tutto ciò che accade nel mondo in generale e fino all’ultimo dettaglio. Gli esseri umani hanno vari gradi di memoria, ma nessuno ha una memoria assoluta. Dal nostro passato sappiamo grosso modo degli eventi e possiamo ricordare selettivamente questa singola parola ed esperienza. A volte combiniamo anche le cose in modo sbagliato e pensiamo che – a causa di un’associazione sbagliata – deve essere stato così. È assolutamente grottesco voler presentare al mondo un uomo come il Papa Emerito Benedetto XVI/J. Ratzinger come un bugiardo attribuendo un singolo evento, 42 anni dopo, a una sola delle centinaia di riunioni a cui può aver pensato di partecipare o meno. Inoltre, l’errore non è fatto da lui, ma è una svista del suo staff. A 94 anni, è ancora pienamente capace in senso intellettuale, ma non può gestire le procedure operative, come la lettura di migliaia di file sullo schermo di un computer.
Può, tuttavia, ricordare il fatto che all’epoca non era consapevole della pericolosità di questo prete proveniente dalla diocesi di Essen. Inoltre, quest’uomo non è più entrato nella sua cerchia di visione e non ha attirato l’attenzione negativa fino a quando J. Ratzinger è partito per Roma.

Rilinger: Benedetto XVI non può ricordare tutti i dettagli dopo 40 anni. Può quindi essere accusato di “mentire” se, dopo la pubblicazione della perizia, si scopre che ha effettivamente partecipato a una riunione in cui si è discusso del prete incriminato, anche se dal verbale della riunione di allora emerge che si è discusso solo della sistemazione del prete, ma non della sua cospirazione criminale. Come teologo e filosofo, come definirebbe la “bugia”?

Card. Müller: Nel suo saggio “Che cosa significa dire la verità?” Dietrich Bonhoeffer, sotto le condizioni di pericolo di vita del sistema di menzogna coperto dallo Stato nel 1943, nella prigione di Berlino-Tegel, dà la definizione teologica e autorevole in contrasto con la sua strumentalizzazione ideologico-strumentale: “La menzogna è contraddizione contro la Parola di Dio, come Egli l’ha pronunciata in Cristo, e in cui si fonda la creazione. Di conseguenza, la menzogna è la negazione, la negazione e la distruzione deliberata e intenzionale della realtà così come è creata da Dio ed esiste in Dio, e nella misura in cui ciò avviene con le parole e con il silenzio”. (Dietrich Bonhoeffer Opere 16, 627). Quindi, che l’allora arcivescovo di Monaco J. Ratzinger abbia partecipato in tutto o in parte a questo incontro non è decisivo per la decisione fattuale di ospitare quest’uomo in una canonica di Monaco durante la sua psicoterapia. Non è altro che perfida prepotenza battere la lista delle presenze sulle sue orecchie e tenergliela cinicamente in mano come un trofeo, proprio come le “pescivendole” – le poissards – portavano le teste mozzate dei suoi servi su spiedi davanti al re Luigi XVI nella marcia dimostrativa da Versailles alla Parigi rivoluzionaria (5/6 ottobre 1789). Ogni giorno incontro molte persone di diverse nazioni che mi chiedono come sia possibile che in Germania un Papa della loro patria sia chiamato bugiardo. Alla luce di questi eventi, ci si può solo vergognare di essere tedeschi, soprattutto perché così tante persone che sono in sé di buona volontà cadono nella propaganda anti-cattolica.

Rilinger: Lei pensa che sia stata una trappola il fatto che gli esperti non abbiano richiamato in anticipo l’attenzione di Benedetto XVI sul suo errore riguardo alla presenza alla riunione facendolo notare, perché sfida ogni logica negare la presenza a una riunione quando la presenza è documentata dalla firma sul verbale?

Card. Müller: Probabilmente era solo erroneamente dell’opinione che non aveva partecipato alla riunione. Tuttavia, non poteva dirlo con certezza metafisica. In ogni caso, il fair play non è stato usato qui. E nel merito, è del tutto irrilevante che lui ci fosse o meno, perché nessuna decisione è stata discussa e decisa in essa a causa di incidenti rilevanti per il diritto penale. Che il sacerdote ricevuto con gentilezza abusasse dell’ospitalità in modo così squallido non poteva essere previsto da nessuno. Lo studio legale dovrebbe anche scendere un po’ dal suo piedistallo, dato che le sue affermazioni sulla moralità sessuale della chiesa superano di gran lunga la sua competenza e, in generale, ogni atteggiamento saccente è più che cheap dopo 42 anni. Nessuna creatura con una mente meramente finita può prevedere totalmente i possibili effetti contingenti delle sue decisioni in positivo e in negativo, anche se sono state prese con la migliore conoscenza e coscienza. Nemmeno gli avvocati e i giornalisti possono farlo.

Rilinger: Dalla perizia si evince che gli esperti non sono in grado di accusare Benedetto XVI di cattiva condotta al di là di ogni dubbio. Basano la loro argomentazione su supposizioni, insinuazioni e analogie senza essere in grado di fornire prove conclusive dalle prove circostanziali citate. Questo approccio non contraddice la presunzione d’innocenza del diritto penale, che viene invocata anche dagli esperti e che ogni persona interessata può rivendicare per sé?

Cardinale Müller: Questi avvocati vogliono essere investigatore, procuratore, difensore e giudice tutto in uno. Solo i tribunali ordinari dello Stato sono responsabili della cattiva condotta nel senso del diritto penale. È illegittimo appellarsi alle istanze secolari sulle azioni di governo dei vescovi nel loro ufficio spirituale. Per quanto riguarda la giurisdizione statale, vescovi e sacerdoti, come tutti i cittadini, hanno uguali diritti e doveri. I mandanti avrebbero dovuto sapere che solo il Papa, con i suoi tribunali ecclesiastici romani, amministra la giustizia sui vescovi secondo il diritto canonico. E nessuno può comunque decidere su Benedetto XVI in materia ecclesiastica, anche se ora è nello status di ex papa. Lo scopo di un’indagine di questo tipo può essere solo quello di rendere giustizia alle vittime di abusi sessuali ora, se non è già successo, e di portare alla giurisdizione laica o ecclesiastica i colpevoli precedentemente non riconosciuti.

Rilinger: Anche se i meriti unici di Joseph Ratzinger come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e come Papa per il chiarimento degli abusi devono essere visti indipendentemente dalla sua attività come Arcivescovo, non si deve però nascondere in che misura e con quale severità ha agito contro i preti colpevoli di abusi sessuali. Cosa ha realizzato J. Ratzinger e si è occupato delle vittime di abusi in modo speciale?

Card. Müller: è l’uomo che, in posizione decisiva come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e come Papa, ha riportato alla ribalta il trascurato diritto penale ecclesiastico. Certamente, a differenza delle ideologie progressiste, non c’è mai stato alcun dubbio nella Chiesa che l’abuso sessuale degli adolescenti è un’ingiustizia clamorosa e uno schiaffo all’ideale sacerdotale cattolico. Ma quante volte l’addio alla “Chiesa della Legge” è stato invocato dalla parte progressista, sempre nella speranza della “Chiesa dell’Amore”, nella quale Gesù aveva tanta comprensione con i peccatori e nella quale, soprattutto, non si devono considerare in maniera esagerata i peccati contro il sesto comandamento. Non sono forse proprio quelli che allora lo deridevano come un “cardinale carrarmato” che oggi lo accusano di mancanza di severità nei confronti dei criminali, sebbene questi casi non forniscano nemmeno deboli prove di negligenza?

Rilinger: Poiché gli esperti non sono riusciti a condannare il cardinale Ratzinger per reati penali ed ecclesiastici, sorge il sospetto che l’arcivescovo cardinale Marx intendesse qualcosa di più di un semplice chiarimento quando ha dato l’incarico agli esperti. Può escludere il sospetto che le accuse fossero anche un tentativo di eliminare Benedetto XVI – come il cardinale Woelki di Colonia prima di lui – come oppositore della cosiddetta via sinodale, che il cardinale Marx sostiene?

Cardinale Müller: Non voglio commentare la persona di un confratello in pubblico o ripagare il simile con il simile. Tuttavia, è ovvio che i circoli ecclesiastici interni e ancora di più gli umori anticattolici, che raggiunsero il minimo morale del Kulturkampf all’epoca di Bismarck, fecero al cardinale Woelki una grave ingiustizia come persona e quindi si screditarono.

Rilinger: È compatibile con l’ordinazione sacerdotale e vescovile e con la nomina a cardinale perseguire animosità personali, anche a rischio di un danno considerevole per la Chiesa?

Card. Müller: Il più grande pericolo da 2000 anni è sempre stato il pericolo di voler esercitare l’ufficio di vescovo alla maniera dei governanti mondani. Gesù fece discepoli gli apostoli e, nella loro successione, i vescovi, i sacerdoti e i diaconi, perché annunciassero il suo Vangelo, invocassero la sua grazia nella liturgia e nei sacramenti sui singoli e su tutta la Chiesa, e perché tutti sperimentassero l’amore pastorale di Cristo attraverso di loro. La politica non riguarda l’amore della verità, ma la “volontà di potere”. È compito dei vescovi e del Papa parlare alla coscienza dei governanti di questo mondo – compresi quelli cristiani – affinché frenino la loro volontà di potere e dirigano i loro popoli verso la pace, la giustizia sociale, il benessere materiale e la prosperità culturale.

Rilinger: Nel rapporto, il committente Cardinal Marx è accusato di inazione e insabbiamento. Sarebbe ora necessario che il cardinale Marx offra nuovamente al Papa le sue dimissioni da arcivescovo?

Cardinale Müller: Un vescovo è nominato da Cristo ed è responsabile nei suoi confronti nel quotidiano esame di coscienza e nell’attivo annuncio e testimonianza della salvezza che viene da Dio. Un vescovo non è quindi investito dal Papa della sua autorità spirituale e della sua missione. Ma in caso di grave impedimento, come una malattia o una grave violazione dei suoi doveri, può essere sollevato dall’esercizio effettivo del suo ufficio. Questi gesti pubblicitari, con cui si gioca con il servizio del sacro a cui Cristo, Capo della Chiesa nello Spirito Santo, abilita una persona debole, creano dispiacere nell’anima di ogni cattolico che vive e pensa con la sua Chiesa. Il Papa dovrebbe comandare di venire a Roma questo branco senza testa chiamato Conferenza Episcopale Tedesca e non lasciare che i vescovi si liberino dei fedeli affidati alle loro cure finché ognuno di loro non abbia memorizzato il capitolo III della Costituzione della Chiesa Lumen Gentium sull’episcopato.
“Perché con i loro assistenti, sacerdoti e diaconi, i vescovi sono al servizio dei loro fratelli e sorelle, affinché tutti coloro che appartengono al popolo di Dio, e quindi godono della vera dignità di cristiano, possano raggiungere in modo libero e ordinato la meta e così raggiungere la salvezza”. (cfr. LG 18; 20) La meta temporale ed eterna dell’essere umano è la comunione più intima con Dio in Gesù Cristo, la luce che illumina ogni essere umano. (cfr. LG 1)

Rilinger: La Chiesa sta facendo uno sforzo per venire a patti con i casi di abuso del suo clero e dei suoi dipendenti. In altri settori della società, sia nello sport, nella cura dei bambini, in altre chiese e comunità ecclesiali o nelle famiglie, l’abuso sessuale è rilevato in misura molto maggiore. La volontà della Chiesa cattolica romana di denunciare e punire gli abusi sessuali potrebbe essere un modello per queste altre organizzazioni?

Card. Müller: La Chiesa, con le persone che le appartengono, fa parte della società nel bene come nel male. “Lei è allo stesso tempo (dalla sua missione divina) santa e (dalla sua esecuzione umana) sempre bisognosa di purificazione, sempre in cammino di penitenza e di rinnovamento”. (Lumen gentium 8) La Chiesa nella sua forma di serva terrena non può vantarsi davanti al mondo come la comunità ideale degli assolutamente puri e senza peccato. Ma può sempre accettare e svolgere nuovamente la sua missione divina di essere in Cristo il sacramento della salvezza per il mondo. Chi altri se non la Chiesa di Gesù Cristo sarebbe chiamata a difendere i diritti umani inalienabili e soprattutto l’integrità spirituale e fisica dei nostri adolescenti. Gesù è il modello per tutti noi. “Amen, amen, vi dico questo: Chi non accetta il regno di Dio come un bambino non vi entrerà. E prese i bambini in braccio; poi impose loro le mani e li benedisse”. (Marco 10:15 f)

Rilinger: Grazie mille, Eminenza.