Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 30 gennaio 2022

Il Santo del giorno in Plinio Corrêa de Oliveira #29 San Giovanni Bosco (31 gennaio)

Continuiamo i commenti del Santo del giorno del prof. Plinio Corrêa de Oliveira (QUI): San Giovanni Bosco (1815-1888).

31 gennaio. A Toríno san Giovánni Bosco, Confessore, Fondatore della Società Salesiana e dell’istituto delle Figlie di María Ausiliatríce, insigne per lo zelo delle anime e la propagazione della fede, ascritto dal Papa Pio undecimo nei fasti dei Santi. (Martirologio Romano ed. 1955)
31 gennaio. Memoria di san Giovanni Bosco, sacerdote: dopo una dura fanciullezza, ordinato sacerdote, dedicò tutte le sue forze all’educazione degli adolescenti, fondando la Società Salesiana e, con la collaborazione di santa Maria Domenica Mazzarello, l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, per la formazione della gioventù al lavoro e alla vita cristiana. In questo giorno a Torino, dopo aver compiuto molte opere, passò piamente al banchetto eterno. (Martirologio Romano ed. 2004)

L.V.

San Giovanni Bosco

Conosciamo davvero San Giovanni Bosco (1815-1888)? È interessante notare che era un uomo sempre e completamente consapevole dei problemi del suo tempo. Non viveva affatto al di fuori della storia, come vorrebbero certe agiografie sentimentali. Non solo conosceva i problemi; sapeva anche quali erano i nemici della Chiesa e come combatterli. Quando sul Piemonte, favorita dal governo di allora, si abbatté una martellante propaganda protestante Don Bosco sviluppò un vero e proprio piano di azione intellettuale per reagire a questa propaganda.

Oggi molti si fanno dettare dalla Rivoluzione l’ordine delle priorità. Anche molti buoni cattolici pensano che l’economia sia più importante della cultura, il denaro dell’intelligenza e il materiale dello spirituale. Per questo quando parlano di San Giovanni Bosco si riferiscono quasi esclusivamente alle sue grandi opere sociali e dimenticano il suo lavoro intellettuale. Intendiamoci bene: io sono il primo ad applaudire e a riconoscere la grande importanza delle fondazioni sociali di Don Bosco, non senza insistere sul fatto che non si limitava ad aiutare materialmente i ragazzi poveri ma dava loro anche una solita fondazione. Ma non sono d’accordo quando il riferimento alle sue opere sociali diventa esclusivo.

Quando si esamina la sua vita si rimane colpiti da quanto tempo Don Bosco dedicava a scrivere. Non era solo l’uomo delle opere esterne; era anche – come si dice – un uomo di penna. Non è un caso che la Chiesa lo abbia nominato co-patrono della buona stampa insieme a San Francesco di Sales. Noi dovremmo fare uno sforzo per insistere su questo punto e per rimettere, da un certo punto di vista, le cose a posto. Applaudiamo Don Bosco come santo sociale, ma ricordiamo anche Don Bosco come apostolo della stampa e della divulgazione di idee. E preghiamolo perché protegga il nostro lavoro intellettuale e la stampa cattolica.

Fonte: Plinio Corrêa de Oliveira, Cum Sanctis Tuis, ChoraBooks (QUI per acquistare)

1 commento:

  1. Vero, chi si riempie la bocca di ecumenismo, tolleranza, tutte le religioni sono uguali e simili sciocchezze vada a leggersi bene cosa pensava Don Bosco dell'islam.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione