Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 30 gennaio 2022

Il messaggio del card. Bassetti al Presidente della Repubblica: proprio non ce la fanno a citare Nostro Signore

Con un tempismo non proprio diplomatico, alle ore 21:00 di ieri sera, addirittura qualche minuto prima della formale proclamazione del risultato elettorale, il Cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e Presidente della CEI, ha reso noto il messaggio inviato all’On. Sergio Mattarella in occasione della sua rielezione a Presidente della Repubblica, che pubblichiamo di seguito.
Al di là delle formule di rito, ci stupisce negativamente il contenuto del messaggio, in cui emerge in tutta evidenza una grande assenza: ubi est Deus?
Nulla in contrario ai riferimenti di impronta neo-umanistica ai «valori di libertà e di solidarietà contenuti nella Carta costituzionale», allo «spirito di servizio e di sacrificio», alle «disuguaglianze e delle fratture che feriscono il tessuto della comunità nazionale e che sono acuite dall’emergenza pandemica» ed alla «promozione della dignità della persona umana», ma da un Vescovo nonché presidente della Conferenza Episcopale – tra l’altro in interlocuzione con un Capo di Stato sé dicente «cattolico» – ci saremmo aspettati riferimenti convintamente ben più alti ed una benedizione apostolica finale. Certo, bisogna crederci…

L.V.


Ill.mo Signor Presidente,

la Costituzione assegna al Capo dello Stato il compito di rappresentare l’unità nazionale. Nel settennato appena trascorso Lei ha dato limpida testimonianza di questa prerogativa costituzionale, tradotta nel Messaggio al Parlamento nel giorno del giuramento (3 febbraio 2015) con l’immagine efficace di «arbitro, garante della Costituzione».

Nel salutare rispettosamente e con viva soddisfazione la Sua rielezione a Presidente della Repubblica, in virtù di un voto a larga maggioranza del Parlamento in seduta comune, esprimo a nome della Chiesa che è in Italia l’augurio che il Suo mandato possa dispiegarsi all’insegna di quei valori di libertà e di solidarietà contenuti nella Carta costituzionale di cui Ella è sempre stato garante attivo e rigoroso.

Il Suo esempio di uomo e di statista, lo spirito di servizio e di sacrificio manifestato anche nella presente circostanza, costituiscono un punto di riferimento per tutti i cittadini al di là delle appartenenze politiche e degli schieramenti.

Sono certo che nell’esercizio del Suo alto incarico non cesserà di contribuire al superamento delle disuguaglianze e delle fratture che feriscono il tessuto della comunità nazionale e che sono acuite dall’emergenza pandemica ancora in corso.

Le assicuro la preghiera della Chiesa che è in Italia, confermando la più leale collaborazione nella promozione della dignità della persona umana e nel perseguimento del bene del Paese.

29 Gennaio 2022



1 commento:

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione