Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

lunedì 10 gennaio 2022

Henry Sire (alias Marcantonio Colonna): “Il prossimo conclave sarà caotico”

Un'interessante traduzione di Aldo Maria Valli dell'intervista dell'Autore (Marcantonio Colonna, alias Henry Sire) de "Il Papa dittatore" (QUI su MiL).
Non tutto viene da noi condiviso, ma da una panoramica molto attuale del disastro attuale.
Luigi

13-12-21
Gloria Tv propone un’intervista allo storico Henry Sire, ex cavaliere di Malta, autore, con lo pseudonimo di Marcantonio Colonna, del libro The Dictator Pope: The Inside Story of the Francis Papacy (Il papa dittatore. La storia segreta del papato più tirannico e senza scrupoli dei tempi moderni).

L’intervista è stata condotta in esclusiva per Gloria Tv. Ne riportiamo qui una parte.

***

Qual è lo stato dell’Ordine di Malta? È ancora “sovrano”?

L’Ordine ha perso completamente la sua sovranità. Come ho già indicato, è ora governato dal cardinale Tomasi su ordine di Papa Francesco. Questa è la conseguenza del colpo di stato realizzato dal barone Boeselager nel 2017.

L’Ordine ha ancora un ramo cattolico?

In pratica, il destino dell’Ordine non si è rivelato così catastrofico come ci si aspettava nel 2017. All’epoca si supponeva che il partito tedesco avrebbe avuto successo con i suoi piani di secolarizzazione e avrebbe marginalizzato l’elemento religioso nell’Ordine.

Invece?

Infatti, sia il cardinale Becciu che il cardinale Tomasi, come inviati speciali del Papa, hanno discusso con Boeselager su questa questione. L’intenzione di Tomasi è quella di rafforzare la posizione dei professi e, nel processo, di spodestare Boeselager dalla sua posizione di supremazia.

Cosa le fa pensare che Francesco e Boeselager non faranno di nuovo piazza pulita di tutti quelli che si mettono sulla loro strada, compreso il cardinale Tomasi?

Boeselager non era l’uomo che Francesco voleva sostenere nel 2017. È stato reintegrato perché lo ha voluto il cardinale Parolin. Ma Parolin sembra anche aver preso le distanze da Boeselager da allora. Si tenga presente che l’intervento con l’Ordine di Malta ha portato la Santa Sede e Parolin sotto pesanti critiche, e c’è un limite a quanto Parolin è disposto a fare per Boeselager.

Lei è stato espulso dall’Ordine di Malta. Perché?

Sono stato espulso a causa del mio libro che criticava Papa Francesco. La posizione di Boeselager come capo dell’Ordine dipendeva dal suo status di agente del controllo vaticano, ed egli non poteva permettere che un tale critico rimanesse membro. Inizialmente volevano espellermi attraverso un processo legale, ma questo ha richiesto più tempo del previsto e il Vaticano ha ordinato di abbandonare il processo. Quindi sarei stato espulso sulla base di un decreto approvato “all’unanimità” dal Consiglio Sovrano (che sarebbe stato illegale anche se fosse successo così). In effetti, so che il decreto non è mai stato sottoposto al Consiglio per un voto, ma al Consiglio fu semplicemente presentato il fatto compiuto. Avevo amici nel Consiglio Sovrano e ho detto loro in anticipo che non mi aspettavo che mi difendessero, ma di fatto non hanno nemmeno avuto la possibilità di farlo.

Dunque, niente parrhesia? È colpevole di lèse majesté?

Certamente, come tante altre vittime della dittatura di Francesco, molto più significative di me.

The Dictator Pope è stato pubblicato nel 2017. Qual è il contributo di questo libro?

Per la maggior parte, il libro era poco più di un riassunto del lavoro che molti giornalisti avevano già fatto analizzando gli abusi sotto Francesco. Il mio contributo principale è stato quello di poter utilizzare le intuizioni degli argentini che sapevano esattamente com’era Bergoglio, intuizioni che non erano state rese note nel mondo anglofono a causa della barriera linguistica.

Guardando indietro, cosa scriverebbe in modo diverso?

Infatti, ulteriori ricerche mi hanno dimostrato che ho sottovalutato il pantano di corruzione di cui Bergoglio ha fatto parte durante la sua carriera argentina. Un esempio è stato il suo ruolo di protettore di criminali sessuali clericali. Mi dispiace molto di non aver avuto a disposizione più fatti per dipingere un quadro veritiero dell’uomo che i cardinali hanno eletto come Papa nel 2013.

Per esempio?

Quando ho scritto il mio libro, non ero pienamente consapevole della cultura di corruzione morale e finanziaria in cui era immersa l’Arcidiocesi di Buenos Aires; Bergoglio stesso non era responsabile di questa cultura, ma non ha fatto nulla per riformarla e l’ha rafforzata con la sua politica di insabbiamento. Ci sono anche aspetti della prima carriera di Bergoglio che solo un ricercatore argentino potrebbe esplorare pienamente, specialmente la questione controversa della sua condotta durante la dittatura militare.

Lei scrive in The Dictator Pope che Bergoglio deve la sua elezione a una Relatio che ha pronunciato al Sinodo dei Vescovi nel 2001, scritta da Monsignor Daniel Estivill. È stata una coincidenza che Estivill sia anche argentino?

Per quanto ne so, si è trattato di una coincidenza e non sono a conoscenza di alcun legame tra Bergoglio e Mons. Estivill. A quest’ultimo è stato chiesto di scrivere il discorso solo come segretario del Sinodo dei vescovi. Presumeva che Bergoglio l’avrebbe preso solo come guida e fu sorpreso quando non fece alcun cambiamento e pronunciò il discorso esattamente come era stato scritto.

Il suo libro contiene un capitolo sulla mafia di San Gallo. Non era una questione di tempo – con o senza questa Mafia – che alla fine un “Francesco” venisse eletto Papa, dato che nei decenni precedenti la maggior parte dei vescovi e dei cardinali erano scelti dal gruppo conformista-liberale?

È certamente vero che né Giovanni Paolo II né Benedetto hanno fatto molto per tenere i modernisti fuori dal Collegio Cardinalizio. Dato il basso livello della gerarchia moderna, la probabilità che venisse eletto un cattivo papa era reale.

Quindi?

Ricordiamo, tuttavia, che nel 2013 la Chiesa sembrava essere sulla strada di un ritorno all’ortodossia e alla tradizione. Non è vero che uno come Bergoglio sarebbe stato eletto senza la mafia di San Gallo. Infatti, quando Benedetto abdicò, si aspettava che il suo Segretario di Stato, il Cardinale Bertone, organizzasse l’elezione del Cardinale Scola come Papa; ma Bertone era personalmente contrario a Scola e tradì Benedetto completamente. Il conclave fu così messo in subbuglio e aprì la porta agli intrighi di San Gallo.

Scola ha ripetutamente difeso Francesco e ha attaccato coloro che criticano il suo pontificato. Inoltre, Benedetto ha creato cardinali come O’Malley, Sandri, Scherer, Koch, Ravasi, Wuerl, Marx, Coccopalmerio, Bráz de Aviz, Versaldi – tutti nominati in posizioni di rilievo. Come la “riforma benedettina” avrebbe potuto diventare realtà con tali persone?

Papa Benedetto ha seguito nelle sue nomine quella che lui stesso avrebbe definito una politica imparziale. Il risultato fu che molti dei peggiori rappresentanti della Chiesa moderna arrivarono al vertice. Ma in particolare, la sua scelta del cardinale Scola come successore ha mostrato il suo cattivo giudizio in materia di uomini. Scola sembrava essere un sano conservatore, ma in realtà era un arrivista, come il suo comportamento successivo ha dimostrato, e Bertone e i cardinali italiani lo hanno respinto proprio per questo motivo.

L’esistenza della mafia sangallese non era un segreto. Benedetto XVI non sembra essersi preoccupato di questo gruppo e non ha preso alcuna contromisura.

Ricordiamo che il gruppo di San Gallo fallì nel conclave del 2005, quando fu eletto lo stesso Benedetto. Chi avrebbe previsto che sarebbe improvvisamente risorto nel 2013?

I circoli ecclesiastici non sono noti per essere in grado di mantenere i loro segreti. Crede davvero che Benedetto, considerato da tutti come molto intelligente, fosse all’oscuro dei pericoli?

Papa Benedetto è certamente molto intelligente, ma è soprattutto uno studioso, e si è dimostrato carente nel calcolo politico e nella conoscenza degli uomini. Ma il punto principale è che Benedetto aveva di fatto un piano per il conclave del 2013: l’elezione del Cardinale Scola, e ovviamente supponeva che avrebbe avuto successo. Il fatto che questo piano non sia mai decollato ha fatto saltare tutti i calcoli; ma anche un osservatore molto più perspicace avrebbe potuto benissimo non prevedere che la Mafia di San Gallo, che non si riuniva più dal 2005, sarebbe risorta improvvisamente, e con lo stesso candidato.

E il momento dell’abdicazione di Benedetto?

Dove ha fallito Benedetto è stata la tempistica della sua abdicazione. Se l’avesse ritardata anche solo di sei o dodici mesi, molti degli attori chiave, incluso lo stesso Bergoglio, sarebbero stati in pensione. Proprio come nel fiasco Bertone-Scola, Benedetto ha mostrato il suo cattivo calcolo politico e il risultato è stato una tragedia greca: l’elezione del peggior papa possibile, proprio nel momento in cui la Chiesa sembrava avviata alla ripresa. Questo è stato il peggior compimento del danno fatto dal Concilio Vaticano II.

Lei ha studiato con i gesuiti. Questo aiuta a capire Francesco?

Solo nel senso che ho assistito al crollo e alla corruzione della Compagnia dopo il Concilio Vaticano II. Bergoglio ne offre un caso classico. È stato più d’aiuto il fatto che sono mezzo spagnolo e quindi ho una comprensione di una cultura ispanica come quella argentina.

Una cultura ispanica?

Bergoglio è un classico prodotto della società argentina, che è una caricatura della società spagnola con l’aggiunta di elementi speciali come il peronismo. In sostanza, chi cerca di capire Bergoglio a partire dagli standard di decenza anglosassone o germanica e di una condotta corretta fatica ad afferrare la cultura dell’egoismo senza principi che per un argentino è semplicemente parte del clima.

Tra i gesuiti in Argentina, Bergoglio era considerato un “conservatore”. Doveva la sua carriera ai “conservatori”. Non aveva il sostegno del suo ordine. Cosa è andato storto?

Lei affronta il grande mistero della carriera di Bergoglio, il suo passaggio da braccio destro del “reazionario” cardinale Quarracino a Buenos Aires a favorito del gruppo di San Gallo. L’unica spiegazione che posso vedere è che negli ultimi anni ci si aspettava che a Papa Giovanni Paolo II succedesse un papa più liberale, e Bergoglio voleva essere dalla parte del gruppo dei vincitori. Non credo che si aspettasse seriamente di diventare egli stesso papabile prima del 2005. Ma fondamentalmente il problema è che Bergoglio non ha principi reali, come il tipico peronista che è.

Come descriverebbe Francesco da un punto di vista psicologico? Era in terapia con l’emigrata austro-ebraica Maria Langer, che era più un’ideologa marxista che una psicologa. Langer aveva circa la stessa età della madre di Bergoglio. Francesco parla della sua famiglia, specialmente di sua nonna, ma mai di sua madre. Perché?

Lei ha ragione che Bergoglio proviene da un contesto familiare difficile e ha sempre evitato di parlare dei suoi genitori. Il suo background come buttafuori in un nightclub (prima di diventare gesuita) non è esattamente quello a cui siamo abituati dai moderni vicari di Cristo. Ma non so abbastanza della sua storia iniziale per commentare.

Recentemente lei ha dichiarato su Twitter che un paragone tra Francesco e Stalin potrebbe essere appropriato. In che senso?

Stavo rispondendo a un commento su Twitter, e il senso della mia risposta era che è più appropriato paragonare Bergoglio a Perón.

Peronista o solo opportunista? Nella storia recente, quanti sacerdoti sono stati nominati vescovi per la loro incrollabile fedeltà alla Fede? L’opportunismo non è il primo requisito per chi vuole salire la scala della carriera nella Chiesa?

Ci sono alcune eccezioni: i cardinali Sarah e Burke, per esempio. Ciò che distingue Bergoglio è che l’opportunismo è parte di una sofisticata cultura politica in cui è cresciuto, e la base per una carriera astuta e manipolativa in cui la maggior parte dei vescovi non può reggere il confronto con lui.

Francesco è un italo-argentino che gestisce il Vaticano in modo italo-argentino, con molti tirapiedi e yes-men intorno a lui. La Chiesa deve diventare più anglosassone?

Io stesso non sono molto anglosassone, e non voglio mettere il caso in termini nazionali. È stato certamente un disastro per la Chiesa avere come Papa il rappresentante di una pessima cultura politica come quella argentina. Il primo passo verso la riforma sarà quello di staccarsi da questa eredità.

In cosa consiste questa cultura politica?

In metodi dittatoriali, ovviamente. Altri elementi della cultura sono un populismo a voce alta che permette a un politico di sostenere “il popolo” quando in realtà non fa nulla per il popolo, e un anti-Yankeeismo ereditato che è stato la motivazione della disastrosa svendita di Francesco al governo comunista cinese.

Francesco ama nascondersi dietro le contraddizioni, per esempio chiama l’aborto un omicidio su commissione e allo stesso tempo considera l’abortista Emma Bonino una dei “grandi d’Italia”. Che “tattica” sta dietro questo?

Questo è di nuovo tipico del peronismo, che manda segnali contraddittori all’altra parte. Un argentino lo capirebbe molto bene, ma per il resto del mondo sembra incomprensibile.

A parte Perón, Francesco non conosce la frase di San Paolo “La tua parola sia sì, sì, o no, no”?

Durante tutta la sua vita, il sì di Bergoglio era un no, e il suo no era un sì.

Durante l’Angelus del 7 novembre, Francesco ha definito “l’ipocrisia una pericolosa malattia dell’anima”, ha parlato contro “la doppiezza e lo sfruttamento della propria posizione per distruggere gli altri”. Stava parlando di sé stesso?

Come molte persone, Francesco ha il dono di condannare i vizi che gli sono propri. Questo sembra essere un tipo speciale di autoconoscenza in cui il soggetto riconosce il vizio ma non vede colui che è colpevole del vizio. Questo ci aiuta a capire come padre Kolvenbach, il generale dei gesuiti, basandosi sui racconti di chi conosceva Bergoglio, lo accusò nel 1991 di doppiezza e mancanza di equilibrio psicologico.

Come storico, ha qualche indizio su cosa sia successo alla lettera che Kolvenbach ha scritto su Bergoglio? È scomparsa?

Numerose copie del rapporto di Padre Kolvenbach furono distribuite ai membri della Congregazione dei Vescovi nel 1991. La maggior parte delle copie sono state probabilmente distrutte nel normale corso degli eventi dopo la nomina di Bergoglio a vescovo. Una copia era certamente conservata negli archivi della Compagnia di Gesù a Roma e scomparve da lì poco dopo che Bergoglio divenne Papa. Ovviamente non voleva perdere tempo per disfarsene. Almeno una delle copie rimanenti è, lo so per certo, in possesso di una certa persona che la tiene segreta per ragioni di prudenza. Io stesso non l’ho vista. Il suo contenuto mi è stato comunicato da un sacerdote che l’aveva letta, e ne ho riprodotto nel mio libro Il Papa Dittatore esattamente quello che mi ha detto. Non so niente di più.

In quale campo Francesco sta facendo i danni maggiori?

Penso che il danno maggiore che Francesco sta facendo è il continuo flusso di cattivi vescovi e cardinali che ha nominato. Questo probabilmente porterà all’elezione di un altro cattivo papa. Anche se per qualche miracolo ci venisse risparmiato, sarà un’eredità spaventosa che peserà sulla Chiesa per anni.

Lei ricorda una buona decisione che ha preso Francesco?

Inevitabilmente, sì. La sua nomina del Cardinale Burke come Patrono dell’Ordine di Malta era buona, e sembrava all’inizio aiutare il Cardinale a promuovere una politica tradizionale nell’Ordine; ma il problema con tali gesti è che sono totalmente inaffidabili. Francesco è in grado di annullarli in un colpo solo.

Francesco è un opportunista, ma solo fino a un certo punto. Con Traditionis custodes ha iniziato una battaglia che non può vincere. Sembra che nutra un odio per “i buoni”. Ha un’idea del perché?

Sta semplicemente seguendo il programma di San Gallo e cerca di eliminare la tradizione. È anche vero, come lei dice, che è prevenuto contro le persone buone della Chiesa. Durante la sua carriera si è circondato di persone compromesse e moralmente deboli perché può controllarle.

Come valuterebbe l’impatto della Traditionis custodes?

Traditiones custodes è stato giustamente tradotto come “carcerieri della tradizione”. Questo è l’ultimo tentativo della generazione del Vaticano II di impedire la rinascita della Tradizione tra i cattolici più giovani. Ma è significativo che la maggior parte dei vescovi si rifiuti di applicare questa politica repressiva. Il fatto è che Papa Francesco è così impopolare che molti vescovi preferiranno ignorare la sua leadership, anche se non hanno una particolare simpatia per la liturgia antica.

La Traditionis custodes fermerà la diffusione della Liturgia Romana?

Di una cosa possiamo essere sicuri: La prossima generazione di cattolici continuerà a riscoprire le ricchezze spirituali della Chiesa e a mettere in discussione le innovazioni conciliari che sono semplicemente la politica di ieri il cui significato è al di là di loro.

Francesco si definisce il “Papa dei poveri”, mentre è popolare tra i ricchi e i loro giornalisti. Predica la “misericordia” ma viene applaudito da coloro che non si preoccupano della misericordia divina perché non si considerano peccatori. Di chi Francesco è il papa?

Dopo otto anni di pontificato, possiamo rispondere chiaramente a questa domanda: Francesco è il Papa della mafia sangallese e dei media mondiali laici, la cui approvazione è il suo unico obiettivo.

Questo che cosa implica concretamente?

Francesco non ha altra politica che ottenre l’applauso delle élite moderne seguendo ogni loro capriccio: allarmismo climatico, immigrazione incontrollata, imitazione del marxismo al servizio del moderno capitalismo “woke”. Se si guarda il curriculum di Bergoglio prima che diventasse papa, ha mostrato un po’ di populismo, nel senso che si è alleato con i sindacati, eccetera, ma non ha fatto nulla per i veri poveri in Argentina, e non è cambiato come papa. La sua politica è solo quella di premere certi bottoni linguistici. I media reagiscono servilmente ritraendolo come il campione dei poveri, per i quali non fa nulla in pratica.

Come finirà tutto questo?

Vari commentatori hanno detto che Roma si trova nella tipica situazione della fine di un pontificato, con tutti gli occhi puntati sul prossimo conclave. L’esito di questo conclave è particolarmente imprevedibile perché Bergoglio ha nominato così tanti cardinali provenienti da parti oscure del mondo, e più di questo, ha deliberatamente impedito loro di incontrarsi per conoscersi.

Cosa si aspetta dal prossimo conclave?

Di una cosa possiamo essere sicuri: il prossimo conclave sarà caotico. Potrebbe esserci una scissione all’interno del conclave. Anche se questo viene evitato, penso che il risultato più probabile sarà che i cardinali cercheranno di eleggere un papa centrista per evitare i sentimenti negativi che sono sorti così abbondantemente in questo pontificato.

Un Papa del centro estremo?

Il prossimo Papa non saprà quindi cosa fare, non darà una linea chiara, e la confusione creata dalle ambiguità di Francesco diventerà ancora maggiore. Tuttavia, il futuro potrebbe essere molto più sorprendente. Con la grazia di Dio, il conclave potrebbe anche eleggere un buon Papa.

Chi sono i “buoni candidati” tra gli attuali cardinali che potrebbero avere una possibilità di essere eletti?

Sandro Magister, in un articolo di qualche mese fa, ha nominato il cardinale Erdö, che ho incontrato mentre ero a Roma, come uno dei papabili di punta – abbastanza sorprendente visto il modo in cui Francesco ha riempito il Sacro Collegio. Erdö è certamente del tutto ortodosso, ma francamente non conosco nessun cardinale che abbia la capacità di restaurare la Chiesa e di condurla su un cammino di vera riforma, cioè il contrario dei gesti di immagine con cui Papa Francesco ha stupito i media laici. Cinque anni fa avrei indovinato il cardinale Sarah, ma ora ha 76 anni e non so se ha ancora la forza di fare ciò che è necessario se eletto Papa.

Fonte: gloria.tv