Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 9 gennaio 2022

Continua la guerra liturgica: dopo #traditioniscustodes, il "tavolo" in Sistina

Come volevasi dimostrare, la celebrazione dei Battesimi nella Cappella Sistina piazza una nuova bandierina (ideologica) della "rieducazione liturgica". Dopo che per anni (salvo la Messa di fine conclave) si era pacificamente proseguito a celebrare coram Deo sull'altare originale sotto il Giudizio michelangiolesco, seguendo la prassi felicemente ripristinata a da Benedetto XVI, oggi i Novatori di Santa Romana Chiesa collocano un altare posticcio con quattro candeline e neanche una crocetta. Persino il card. Lercaro, uno dei "padri" del Novus Ordo, scriveva: "In primo luogo, per una liturgia viva e partecipata non è necessario che l’altare sia rivolto al popolo" (QUI).
L'altare storico viene invece retrocesso al ruolo di "schienal maggiore" dell'Augusto Pontefice. A che pro? Sempre allo scopo di far rinverdire le "glorie" del postconcilio. Certo, anche San Giovanni Paolo II celebrava sull'altare posticcio, ma lui aveva ereditato la situazione precedente, mentre Francesco (dopo alcuni anni in cui seguì la consuetudine  (qui nel 2017, qui nel 2019 e qui nel 2020) sta scientemente (e con particolare virulenza nel 2021) archiviando l'opera di autentico rinnovamento liturgico di Benedetto XVI, per riproporci un trito revival anni '60. Consoliamoci: il successore potrà essere anche male orientato, ma non potrà mai far peggio di lui che ha già smantellato tutto. E sulle macerie non si può che ricostruire.
Stefano





Sopra due immagini odierne e (in basso) una foto di Benedetto XVI per un impietoso confronto e alcune dello stesso Francesco.

Benedetto XVI 
*
Francesco 


Foto di Francesco tratte da Vatican News
Foto di Benedetto XVI tratta da La Vie

6 commenti:

  1. ORMAI, FA CIO' CHE VUOLE. SEMBRA CHE SIA L'UNICO PROPRIETARIO DELLA CHIESA E FA QUELLO CHE GLI PARE E PIACE. LA CHIESA TRASFORMATA IN UNA PROPRIETA' PRIVATA. CREDE DI AVERE HA IL POTERE ASSOLUTO, CIO' MI RICORDA LUIGI XIV CHE SI AUTOPROCLAMO' IL RE SOLE, L'ASSOLUTO, COLUI CHE DECIDE SU TUTTO OPPURE L'IMPERATORE CALIGOLA CHE SI SENTIVA UN DIO, SI SENTIVA IMMORTALE. POVERA CHIESA DI CRISTO SEMPRE PIU' RIDOTTA ALLO STESSO LIVELLO DI QUELLA PROTESTANTE.

    RispondiElimina
  2. Comun denominatore: Sia alla Elevazione dell'uno sia alla Elevazione dell'altro sempre ci sono renitenti all'inginocchiamento.Preziosissimo Sangue di Gesu' che irrora quel Sacro calice:salvaci!

    RispondiElimina
  3. Please note the Crucifix on the portable altar has been removed

    RispondiElimina
  4. Please note the Crucifix on the center of the portable altar has been removed

    RispondiElimina
  5. Tranquilli, si tornerà radicalmente alle origini

    RispondiElimina
  6. Ohhh finalmente siamo alla catarsi del Vat.II, al processo di liberazione , non piu' traumi da latino.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.