Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 24 dicembre 2021

Fraternità San Vincenzo Ferrer: pacta sunt servanda, il bene delle anime vale più di #traditioniscustodes

Nella lettera di Natale della Fraternità San Vincenzo Ferrer il fondatore padre Louis-Marie de Blignières spiega perché le comunità Ecclesia Dei hanno il dovere di restare fedeli alla propria liturgia (e con essa ai propri voti) e la Santa Sede ha quello di rispettare i patti, poiché nessun motu proprio è più forte del bene delle anime.

Stefano


O Emmanuel!

23 dicembre 2021


Messaggio di Natale 


Cari amici,

nella fervente attesa del Salvatore, sento il bisogno di parlarvi di un argomento che riguarda tutti noi. Lo farò con le parole che sgorgano dal cuore di un sacerdote che ha celebrato la Messa tradizionale con grande gioia per oltre quarantaquattro anni.

Dopo il Motu proprio Traditionis custodes del 16 luglio 2021 e i Responsa ad dubia della Congregazione per il Culto Divino del 18 dicembre 2021, ci è stata posta una domanda: gli Istituti Ecclesia Dei non dovrebbero adottare, come sono invitati a fare, la celebrazione della Messa e dei sacramenti secondo il messale e i riti riformati da Paolo VI? In altre parole, questi Istituti non dovrebbero iniziare un processo di abbandono dei libri liturgici precedenti alla riforma del 1969?

Come fondatore di uno di questi Istituti, risponderei spontaneamente: "La liturgia tradizionale è il nostro stesso essere! Chiederci di abbandonarlo è raccomandarci di uccidere ciò che ha plasmato la nostra spiritualità per decenni. La liturgia tradizionale latina fa parte della ricchezza immemorabile della Chiesa, che non può scomparire, perché appartiene al suo patrimonio indisponibile. Volerla eliminare dal "perimetro visibile della Chiesa cattolica" (come diceva Jean Madiran) è un'operazione impossibile, perché contraddice l'essenza della Tradizione. Infine, per quanti tra noi hanno pronunciato i voti secondo le nostre Costituzioni impregnate di liturgia tradizionale, significa invitarci a rifiutare "la forma in cui Dio vuole che siamo santi", come diceva Santa Elisabetta della Trinità della sua Regola. 

Rimanendo fedeli ai nostri voti, siamo in piena obbedienza alla Chiesa. La Costituzione Apostolica Pastor Bonus del 28 giugno 1988 afferma all'articolo 107: la Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica "vigila affinché gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica si sviluppino e progrediscano nello spirito dei fondatori e nelle sane tradizioni, perseguano fedelmente i fini loro propri e contribuiscano efficacemente alla missione di salvezza della Chiesa".

Ora, in cosa consistono lo spirito dei fondatori e i fini appropriati per noi? Nella fedeltà alla Sede Apostolica intimamente legata all'attaccamento alla tradizione latina, per spiritualità, apostolato, liturgia e disciplina [1]. Questo include la possibilità di utilizzare i libri liturgici in uso nel 1962. Abbandonare queste espressioni nell'ambito cruciale della liturgia sarebbe per noi contrario all'obbedienza e allo spirito della Chiesa.

C'è un'altra ragione per cui questo abbandono è impossibile: l'onore della Santa Sede. Ai sacerdoti e i fedeli rispettosi dell'autorità gerarchica, ma realmente a disagio con la riforma liturgica, la Santa Sede ha assicurato: "Saranno prese tutte le misure per garantire la loro identità nella piena comunione della Chiesa Cattolica"[2]. Essa ha scritto queste disposizioni nei decreti di erezione dei nostri Istituti e ha confermato le nostre Costituzioni. Questi testi solenni rendono chiaro il nostro attaccamento alla pedagogia tradizionale della fede, specialmente in materia liturgica. Secondo il principio "pacta sunt servanda"[3], l'Autorità Suprema della Chiesa non può rimangiarsi la parola data.

Un tale abbandono delle specificità liturgiche è del resto impossibile, come ho già detto, per i membri dei nostri Istituti. I religiosi, le religiose e i sacerdoti impegnati nei nostri Istituti hanno preso i voti o si sono impegnati secondo le specifiche dei Decreti di Erezione e delle Costituzioni, che li vincolano alle forme liturgiche della tradizione latina anteriore. In questo modo, confidando nella parola del Sommo Pontefice, hanno dato la loro vita a Cristo per servire la Chiesa. Secondo la legge naturale e la teologia classica dell'obbedienza, tutto ciò che è contrario a questa specificazione essenziale non può quindi vincolarli [4].

Infine, un tale processo di mutazione liturgica costituirebbe un grave danno per un numero significativo di fedeli. Già non capiscono le restrizioni poste alla celebrazione della Messa tradizionale. Il loro sgomento per la perdita di questa liturgia che nutre la loro vita interiore sarebbe immenso. E come potrebbero accettare di vedere centinaia di sacerdoti, religiosi, religiose e seminaristi rimasti fedeli alla gerarchia cattolica per trentatré anni, a volte a prezzo di grandi sacrifici, trattati in questo modo, contro la loro coscienza illuminata e basata sulla parola dei precedenti Pontefici?  

La fedeltà alla liturgia tradizionale per noi implica un dovere e la gioia di contribuire a pieno titolo "alla missione di salvezza della Chiesa"[5].

Che il Bambino della Mangiatoia e la sua Madre Immacolata vi benedicano, miei cari amici, e vi mantengano nella Speranza!





[1] Il Motu Proprio Ecclesia Dei del 2 luglio 1988 cita queste espressioni della tradizione latina prima dei nn. 5a, 5b e 6a.

[2] Nota informativa della Santa Sede del 16 giugno 1988, Documentation Catholique, n° 1966, p. 739.

[3] "Le convenzioni devono essere rispettate".

[4] Cfr. Codice di Diritto Canonico, canone 601, e San Tommaso d'Aquino, Summa di Teologia, II-II, q. 104, a. 5, ad 3.

[5] Costituzione Apostolica Pastor Bonus, articolo 107.



4 commenti:

  1. Grazie, padre Louis Marie. La chiarezza della vostra esposizione vi onora. Continueremo a essere fedeli alla chiesa, se ci manteniamo fedeli ai nostri impegni. Dio vi ricompensi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero per il coraggio mostrato; un coraggio intriso di spirito evangelico e di fedeltà alla Chiesa e alla sua tradizione.

      Elimina
  2. Abbiate fede e aspettate che poi arriva Rodriguez Carballo e vi bastona bene.....

    RispondiElimina
  3. Dalle mie parti le messe tridentine sono raddoppiate. Traditionis custodes e roba simile hanno paradossalmente galvanizzato i veri cattolici. Grazie. :-)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.