Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 13 dicembre 2021

Orrori architettonici… e dove trovarli #66 ad Hallein (Austria)

Chiesa e Centro comunitario dell’arch. Walter Klasz (anno 2014).

Lorenzo

Descrizione del progetto: «Una chiesa sostenibile intessuta nel sobborgo esistente di Salisburgo.
La chiesa di legno nel sud di Salisburgo fornisce uno spazio sacro autosufficiente per la vita religiosa attiva della popolazione locale composta principalmente da giovani famiglie che si sono trasferite in questa zona abitativa. Il rappresentante politico responsabile della regione ha chiesto di collaborare con la chiesa. Dopo uno studio di fattibilità positivo dell’architetto Klasz, entrambe le parti si sono accordate per realizzare insieme un edificio approfittando delle sinergie sociali e finanziarie, risparmiando allo stesso tempo le risorse del terreno.
Fin dall’inizio il processo interattivo di ricerca della forma è stato condotto dall’architetto insieme al consulente energetico. La soluzione è una scultura urbana con enormi superfici inclinate orientate al sole per permettere una forte efficienza dei collettori solari nascosti. L’energia è immagazzinata nel pavimento di cemento della chiesa e nel centro municipale sottostante. La forma principale della striscia di legno piegata con l’involucro superiore di un paraboloide iperbolico fornisce lo spazio rituale. Il centro municipale pubblico è situato nello spazio vuoto tra questa forma e la topografia inclinata. Questa soluzione fornisce due spazi chiaramente separati con zone esterne di comunicazione. Tutti i livelli sono accessibili alle persone con disabilità.
Il design è l’espressione fisica di un profondo dialogo tra tutti i partner nel corso di tre anni che riflette valori come la sostenibilità, la semplicità riducendo il design alle questioni fondamentali e l’integrazione dell’arte contemporanea nell’architettura. Tutti gli attori rilevanti e gli utenti hanno cercato di trovare la soluzione appropriata non difendendo le loro idee né convincendo gli altri, ma ascoltandosi intensamente a vicenda. Ogni partecipante ha contribuito a far emergere una soluzione non conosciuta. Come risultato c’è un’alta identificazione di diverse persone con la chiesa, che è anche mostrato nella pubblicazione scritta da 26 autori coinvolti nel processo di progettazione.» (trad. it.)

Foto esterni:





Foto interni:







1 commento:

  1. "l’integrazione dell’arte contemporanea nell’architettura" , se bastasse inclinare le pareti di un edificio perche' sia definito artistico..! Le domande sono: che cosa e' una chiesa, a cosa deve servire una chiesa, una chiesa e' soggetta ai vezzi dell'artista ?
    A me sembra il capannone dei filati dei fratelli Benetton -foto5-
    A me sembra il circo di Moira Orfei con relativo acquario -foto 8-
    La ballerina finale vuol significare che all'occorrenza lo spazio viene usato come fosse un teatro?
    "Tout casse, tout passe, tout lasse, il n'est rien, et tout se remplace".

    La casetta di Nazareth e'molto piu' adatta ad esprimere l'afflato verso l'Assoluto, piu' accogliente ed intima di questo manufatto.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.