Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 18 ottobre 2021

Intervista a mons. Schneider: la messa in latino “è più forte” di Papa Francesco: “Vincerà” #traditioniscustodes

Bella intervista a mons. Athanasius Schneider sul Motu Proprio del Papa.
Luigi

Le restrizioni del Papa sono davvero di breve durata – crolleranno. Perché la verità e la bellezza della preghiera della Chiesa di tutti i tempi è così potente e così bella. Questa è la dimostrazione che la Chiesa è nelle mani di Dio’.
Articolo di Maike Hickson, pubblicato su Lifesitenews, nella traduzione di Wanda Massa.

Il vescovo Athanasius Schneider, in una recente intervista con Steve Bannon al War Room Pandemic dell’8 ottobre, ha discusso l’importanza della Messa tradizionale in latino e la sua natura duratura.
Discutendo il nuovo motu proprio Traditionis Custodes di Papa Francesco che mira ad abrogare questa Messa, il vescovo kazako ha dichiarato: “La Messa tradizionale è più forte di Papa Francesco… vincerà“.
In un’intervista alla EWTN andata in onda il 7 ottobre, il prelato ha insistito che la Messa Novus Ordo deve “sostanzialmente” tornare “all’essenza del rito tradizionale di tutti i tempi“, cioè la Messa tradizionale in latino.

Consideriamo prima le parole del vescovo Schneider a Steve Bannon (al minuto 1:35). Interrogato sul suo prossimo libro The Catholic Mass (che sarà pubblicato da Sophia Press), il vescovo di origine tedesca spiega l’essenza del Santo Sacrificio della Messa, che “è il più importante atto di vita di tutta la Chiesa. Perché? Perché la Santa Messa è la Presenza mistica, sacramentale e reale dell’atto di salvezza dell’intera umanità – il Sacrificio della Croce di Nostro Signore Gesù Cristo“. “La Santa Messa“, ha proseguito, “è l’atto redentore dell’uomo-Dio, di Gesù Cristo, il Redentore del genere umano… e perciò questa è la fonte – la fonte sempre viva – delle grazie della vita della Chiesa“.

Successivamente, il prelato ha anche accennato ai cambiamenti apportati al rito romano della Santa Messa dopo il Concilio Vaticano II, sottolineando che la prima Messa riformata del 1965 – subito dopo il Concilio – non era una rottura con la Tradizione, non così “drastica o rivoluzionaria” come i successivi sviluppi e cambiamenti. “Hanno introdotto solo piccoli cambiamenti, non sostanziali“, ha aggiunto.

Ma poi, dopo il Concilio, “il Comitato in Vaticano sotto la guida di mons. Bugnini, hanno fatto una vera rivoluzione – una drastica, che abbiamo ora purtroppo ed è una tragedia“, ha spiegato Schneider. “E quindi, dobbiamo tornare indietro e ripristinare e diffondere la forma della Santa Messa per i secoli“. Il vescovo ha anche sottolineato che la Messa del Concilio di Trento del XVI secolo è in realtà la stessa di quella precedente “perché abbiamo documenti e manoscritti che mostrano che la Messa tradizionale non era la Messa tridentina – No. Era la stessa messa prima del Concilio di Trento. Non è stata cambiata dopo il Concilio di Trento. Loro hanno documenti dall’inizio del secondo millennio fino all’undicesimo secolo, ma noi abbiamo l’ordine che è lo stesso dopo il Concilio di Trento – lo stesso della Messa latina tradizionale“. Al Concilio di Trento, ha proseguito, “hanno fatto solo piccoli cambiamenti nelle rubriche“.

“Quindi, la Chiesa in 2.000 anni non ha mai fatto nella liturgia cambiamenti drastici o rivoluzionari. Fu per la prima volta nel 1969 quando Paolo VI pubblicò il suo nuovo ordine di messa veramente rivoluzionario. E questo è contro la natura della Chiesa“, ha concluso il vescovo Schneider.

I cambiamenti che sono venuti alla Messa dopo il Concilio “sono avvenuti a causa di un’ideologia“, secondo il prelato che è attualmente in visita pastorale negli Stati Uniti. Egli ha esposto i difetti della Messa Novus Ordo come segue:

Coloro che hanno riformato la liturgia sotto la guida di mons. Bugnini e altri, hanno voluto avvicinarsi al significato cattolico, l’insegnamento e la preghiera hanno voluto il significato protestante per sottolineare di più il banchetto, il pasto, ma questo è un aspetto secondario. La centralità è il sacrificio sulla croce. Cristo non ci ha redento con un pasto con l’Ultima Cena. Ci ha redenti con il suo sacrificio sulla croce. Quindi questa tendenza nella Nuova Messa di renderla più simile ad un pasto come credono e fanno i protestanti. E anche a rendere la Messa più informale, l’intero stile della Nuova Messa ha così tanti momenti di informalità – così tanti spazi vuoti dove il celebrante può improvvisare e anche presentarsi. Quindi è molto pericoloso che la Nuova Messa abbia in sé la tendenza a fare performance e ad essere antropocentrica. Questo è molto dannoso per la fede, per la devozione e per la preghiera.

Con il suo nuovo libro su La Messa Cattolica, Mons. Schneider spera di poter favorire il ripristino della “centralità di Dio nella liturgia“, come recita il sottotitolo del suo libro. “Questo è il nostro problema oggi e questa è la causa più profonda della crisi della Chiesa nel nostro tempo: Che abbiamo bandito Dio dal centro nella vita della Chiesa, nella vita di preghiera, nella liturgia. L’uomo è diventato il centro“.

Sulla base della crescita della liturgia tradizionale e della fede in tutto il mondo, il vescovo Schneider è convinto che questa Messa “vincerà“, e che il “rito tradizionale è più forte di Papa Francesco“. Qui, si riferiva al nuovo motu proprio Traditionis Custodes del Papa del 16 luglio che limita l’uso del rito della Messa tradizionale in latino.

“Queste limitazioni“, ha detto il vescovo a Bannon, “sono davvero di breve durata – crolleranno. Perché la verità e la bellezza della preghiera della Chiesa di tutti i tempi è così potente e così bella. Questa è la dimostrazione che la Chiesa è nelle mani di Dio“. Ha aggiunto che dalla pubblicazione di questo nuovo motu proprio, diversi sacerdoti che conosce hanno visto un aumento di fedeli che frequentano la Messa tradizionale in latino.

Chiedendosi le ragioni per cui Papa Francesco vorrebbe cercare di limitare questa bella Messa, Mons. Schneider ha pensato che forse questa Vecchia Messa è vista come un “ostacolo” all’agenda del Papa e dei suoi collaboratori, che è più orientata verso le “realtà terrene“, e meno sulle realtà soprannaturali. Ma questa Messa tradizionale è esattamente il contrario: È concentrata su Dio, sulla vita eterna e sul soprannaturale.

Ecco perché il vescovo Schneider crede che la Messa Novus Ordo debba “tornare all’essenza del rito tradizionale“, come ha detto a Raymond Arroyo di EWTN nella sua intervista del 7 ottobre.

“L’uomo mette sè stesso al centro, e Cristo è stato messo da parte“, ha dichiarato, aggiungendo: “Si manifesta quotidianamente nel modo di celebrare la Santa Messa, specialmente la Messa Novus Ordo, è veramente uno stile di vita e di preghiera centrato sull’uomo. È questa nuova Messa che è parte della “causa della crisi attuale“. “Dobbiamo tornare a dare il primato a Cristo nella Messa“, ha aggiunto il prelato. “Da questo deriva il modo di comportarsi“. “Gli atti scaturiscono dall’essere“.

Pertanto, questo vescovo non crede che il Novus Ordo e la Messa tradizionale siano due forme dello stesso rito e debbano coesistere. “Lì [Novus Ordo e Messa tradizionale] sono abbastanza diversi, dobbiamo essere onesti“, ha detto ad Arroyo. Il Novus Ordo, ha continuato, “è stato cambiato così drasticamente che è abbastanza diverso, ci sono due riti“. Anche Papa Francesco, ha aggiunto, ha recentemente parlato di una “sorta di biritualismo” per quanto riguarda quei sacerdoti che vogliono celebrare il Novus Ordo e la Messa tradizionale.

“In futuro, entrambi [i riti] dovrebbero avvicinarsi ed essere un unico rito“, ha sottolineato il vescovo Schneider, “o forse con alcune piccole differenze, ma sostanzialmente la Messa Novus Ordo deve tornare all’essenza del rito tradizionale di tutti i tempi“.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.