Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 8 ottobre 2021

Forbes: Tutti gli uomini di Francesco. Quel processo in Vaticano su Becciu e le voci che dicono: “Il Papa sapeva”

Un'analisi sulla prestigiosa rivista Forbes, tradotta e sintetizzata  da Aldo Maria Valli.
Luigi

Cari amici di Duc in altum, il processo che è ripreso in Vaticano circa la compravendita-truffa di un immobile nel centro di Londra, costata alle casse della Santa Sede una cifra stimata tra 77 e 175 milioni di euro, presenta molti lati oscuri. Dieci gli imputati: il più illustre il cardinale Becciu. La narrativa ufficiale dipinge il papa come deciso a fare pulizia, ma nei sacri palazzi si raccoglie un’altra versione: Bergoglio e i suoi fidati sapevano, e ora cercano di utilizzare il processo a loro favore. Processo sulla cui correttezza è lecito nutrire dubbi, come documentato da questa inchiesta di Gerald Posner per Forbes, che vi propongo in un’ampia sintesi in italiano.

***

Il più grande processo penale in materia finanziaria nella storia della Chiesa cattolica, ripreso in questi giorni dentro un’aula di tribunale improvvisata nei Musei Vaticani, è stato accuratamente presentato come un momento decisivo per papa Francesco il riformista. Con il processo egli vuole affermare che nessuno è al di sopra della legge. Ecco lo scopo di questa indagine di due anni, che presenta un’accusa di 487 pagine anche contro un cardinale un tempo intoccabile. Fin qui tutto bene, almeno in termini di esercizio di branding, visto che i più grandi media del mondo parlano di un “processo storico per frode e corruzione” e di “processo del secolo” in Vaticano.

Dietro le quinte, però, questo caso – una soap opera in abiti clericali, con tanto di accuse di frode, scandalo e nepotismo – ha la reale possibilità di ritorcersi contro Francesco. Nelle ultime settimane abbiamo parlato con dozzine di fonti vaticane e ciò che emerge è una sorprendente contro-narrazione, da cui si evince che continua l’autolesionismo, ci sono favoritismi e manca un giusto processo. Con responsabilità che portano fino al monarca assoluto del Vaticano: il papa stesso.

Le nuove rivelazioni dicono quanto segue.

Il papa ha ricevuto informazioni schiaccianti sul cardinale ora sotto processo anni prima che Becciu venisse incriminato, ma lo ha lasciato al suo posto.

Francesco ha approvato il raid che ha improvvisamente messo i pubblici ministeri del Vaticano contro il suo controllore finanziario.

Un direttore esterno riferisce che un incontro con Francesco per avvertirlo dell’imminente catastrofe legale fu bloccato dal segretario personale del papa.

Gli addetti ai lavori usano il termine “amici di Francesco” per spiegare perché alcuni funzionari vaticani vengono perseguiti e altri no.

Tutto incomincia in un ex showroom di Harrods, nel ricco quartiere londinese di Chelsea. Il Vaticano sperava di convertirlo in quarantanove appartamenti di lusso, ma il torbido investimento di 350 milioni di euro si è trasformato in una perdita di cento milioni di euro, in gran parte frutto delle donazioni dei fedeli messe da parte per il papa allo scopo di distribuirle in beneficenza. Intermediari collegati, alcuni dei quali imputati nel processo, hanno raccolto decine di milioni.

Il principale imputato, il cardinale Angelo Becciu, 73 anni, è stato fino al 2019 uno dei religiosi più potenti della città-stato. Come sostituto per gli Affari generali, Becciu dirigeva la gestione della Santa Sede, ed era l’unico funzionario che non aveva bisogno di un appuntamento per incontrare il papa.

L’accusa gli attribuisce la maggiore responsabilità per il fiasco di Londra e lo accusa anche di nepotismo per aver destinato 825 mila euro all’ente benefico sardo di suo fratello e 575 mila euro a una donna d’affari (anch’essa incriminata), assunta come “consulente per la sicurezza”, e alla sua azienda slovena. I pubblici ministeri sostengono che circa la metà di quel denaro è stato speso in beni di design di lusso e vacanze sfarzose (Becciu e la donna d’affari negano categoricamente tutte le accuse.)

Ma il Vaticano è uno stato sovrano, e il papa è un monarca non ereditario con potere assoluto. Francesco conserva l’autorità illimitata di intervenire in indagini o processi penali e civili, modificare o rinunciare a regole o procedure esistenti, persino impedire a religiosi di spicco di testimoniare. Mentre per la prima volta nella storia del Vaticano un cardinale viene processato da giudici e pubblici ministeri laici, occorre ricordare che quel giudice e quei pubblici ministeri lavorano per il Vaticano e il papa.

E non è così semplice per papa Francesco prendere le distanze dal cardinale Becciu, nonostante lo abbia destituito dal suo incarico e privato dei suoi diritti di cardinale un anno fa. Secondo un ex funzionario vaticano in grado di sapere che cosa sia successo, papa Francesco ha ricevuto direttamente un dossier segreto circa cinque anni fa, e il dossier presumibilmente conteneva prove “incontrovertibili” sul fatto che il cardinale Becciu dirottava più di due milioni di dollari in fondi della Chiesa. Ma “Sua Santità ha chiuso il fascicolo; ed è stata la fine”, ha detto l’ex funzionario a Forbes. L’informazione, dice la fonte, non è mai stata trasmessa all’equivalente vaticano del pubblico ministero, il promotore di Giustizia. E Becciu continuò a sovrintendere alle operazioni quotidiane del Vaticano.

Francesco è intervenuto con forza nel caso attraverso l’inchiesta che ha prodotto l’attuale atto d’accusa. In un caso, ha dato carta bianca straordinaria al pubblico ministero, Gian Piero Milano. Ha consentito a Milano, ex professore di diritto ecclesiastico, di disporre unilateralmente eventuali perquisizioni e sequestri senza “rispetto delle norme vigenti”. Ha anche liberato i pubblici ministeri dalla supervisione di routine. Ciò ha lasciato la difesa senza alcuna possibilità di ricorso per contestare le prove accumulate durante le indagini, un diritto che avrebbero avuto in Italia e in gran parte d’Europa.

Il risultato, incoraggiato dal papa, è stata una serie di incursioni senza precedenti alla fine del 2019 contro gli uffici della Segreteria di Stato e l’Autorità di vigilanza e di informazione finanziaria, l’autorità di vigilanza finanziaria del Vaticano, meglio conosciuta con il suo acronimo italiano, Aif. Quest’ultima mossa è stata particolarmente sorprendente. Il predecessore “tradizionalista” di Francesco, papa Benedetto XVI, sotto la forte pressione dei regolatori finanziari europei, aveva creato l’Aif ed emesso la prima legge vaticana contro il riciclaggio di denaro nel 2010. Francesco, che è salito al soglio pontificio con un programma riformatore, si è presto trovato nel mezzo della necessità di svelare quel progresso.

La persona chiave, nel tentativo del Vaticano di fare pulizia nelle finanze, nell’ultimo decennio è stato René Brülhart, un avvocato svizzero ed esperto di antiriciclaggio nominato da Benedetto. Brülhart aveva già intrapreso una “missione impossibile”, supervisionando l’Unità di informazione finanziaria del Liechtenstein. I colleghi del Gruppo Egmont, un’organizzazione ombrello mondiale che cerca di sradicare la corruzione, hanno approvato le riforme di Brülhart, mentre rimuoveva il famigerato paradiso fiscale dalle liste nere finanziarie globali (in seguito, si è unito al gruppo come vicepresidente).

Il Vaticano, allo stesso modo, era un piccolo principato in cui il potere radicato lavorava spesso per minare le riforme. Nel corso di sette anni, Brülhart ha reso l’Aif un organo di controllo interno vitale che si è guadagnato l’elogio dei colleghi europei. La stampa economica lo ha soprannominato “il James Bond del mondo finanziario”. E mentre l’accordo sulla proprietà di Londra falliva, l’Aif iniziava a condurre un’indagine multi-giurisdizionale cercando di seguire il flusso dei soldi.

René Brülhart, che ha rifiutato di accettare un lavoro in Vaticano senza la certezza che avrebbe avuto l’autonomia del suo organo di controllo finanziario e che nemmeno il papa era off-limits, sette anni dopo si è dimesso. E nel 2021 è stato incriminato.

Le cose sono cambiate dopo che il papa ha dato il permesso di controllare i suoi revisori. Ben intenzionata o meno che fosse, questa mossa ha inferto un duro colpo alle riforme finanziarie del Vaticano. Il consorzio globale dei revisori dei conti nazionali ha sospeso l’Aif del Vaticano per il timore che il raid avesse compromesso informazioni riservate sulle indagini penali in corso. E sette settimane dopo, Brülhart sorprese tutti con le dimissioni. Seguirono a ruota due membri del suo consiglio indipendente.

Forbes ha appreso che uno di loro, Marc Odendall, un banchiere di investimenti svizzero-tedesco in pensione e diventato filantropo, si è dimesso solo dopo l’annullamento di un incontro con il papa. Preoccupato che l’Aif fosse stata trasformata in un “guscio vuoto”, Odendall contattò il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, che secondo Odendall aveva organizzato l’incontro. Ma il “custode” del papa, l’arcivescovo Georg Gänswein, lo bloccò. “Volevo dare [al papa] un avvertimento fraterno e professionale sulle conseguenze della sua azione”, dice Odendall a Forbes.

La posta in gioco è salita quest’estate quando tra gli incriminati dai pubblici ministeri è stato inserito lo stesso Brülhart. È stata una mossa scioccante, tenendo conto che Brülhart era stato considerato il più grande asset di riforma finanziaria del Vaticano. Il filo conduttore dell’accusa nei suoi confronti è di aver violato “regole basilari che disciplinano la vigilanza” permettendo agli investimenti londinesi di procedere. Eppure, l’unità di intelligence di Brülhart aveva la supervisione solo della banca vaticana, non dell’ufficio del segretario di Stato da cui l’intero accordo era stato ordito, eseguito e supervisionato. E mentre Brülhart poteva guidare la pianificazione generale e gli obiettivi per l’unità di intelligence finanziaria, non aveva alcun potere esecutivo e non poteva approvare alcuna transazione vaticana o trasferimento di denaro.

Il caso contro Brülhart sa di vendetta personale, e questo è un problema per papa Francesco. Molteplici fonti (tutte hanno chiesto l’anonimato per paura di attirarsi l’inimicizia dei vertici della Chiesa), affermano che Brülhart, con il suo approccio svizzero al rispetto delle regole, si è fatto potenti nemici tra gli 825 cittadini della città-stato.

I chierici di un’istituzione vecchia di duemila anni sono istintivamente resistenti ai regolamenti creati dai burocrati finanziari di Bruxelles. In un luogo dove molti credevano che le regole potessero essere piegate e i favori scambiati come una questione di diritto, Brülhart è stato giudicato troppo inflessibile.

La sua immagine da James Bond, lucidata dai suoi look da idolo matinée, dagli impeccabili abiti di taglio aderente, l’aria misteriosa e timida per la stampa, non l’ha aiutato in Vaticano. Era una celebrità minore in un posto dove solo il papa dovrebbe essere una star. Secondo gli addetti ai lavori, gli esponenti vaticani all’antica consideravano Brülhart un nuovo arrivato troppo pieno di sé. Hanno anche notato che i regolatori europei avevano ripetutamente elogiato i suoi sforzi per riformare la banca vaticana, criticando contemporaneamente i pubblici ministeri vaticani – gli stessi che ora lo stanno accusando – per non aver preso provvedimenti sufficienti sull’attività sospetta che l’Aif aveva loro inoltrato.

Un avvocato italiano che, prima di entrare in Vaticano, ha lavorato con uno dei pubblici ministeri dice a Forbes che nelle sue conversazioni con il suo ex collega “pensavano che i regolatori di Bruxelles fossero i tipi che andavano d’accordo con Brülhart: erano fatti della stessa stoffa”. Un pubblico ministero si è riferito con scherno a Brülhart chiamandolo “il golden boy”. Evidentemente, nei mesi precedenti le incriminazioni, almeno in un’occasione ci fu un’accesa discussione all’interno dell’ufficio del Promotore di giustizia sull’opportunità di incriminare Brülhart.

Molte fonti dicono che un rapporto del consorzio europeo dello scorso giugno – che lodava i progressi del Vaticano nella trasparenza ma criticava i suoi procuratori come “insufficientemente dotati di risorse” e l’accordo di Londra come un “segnale di pericolo” – ha scatenato la furia nell’ufficio del procuratore. Un mese dopo, Brülhart è stato incriminato.

Brülhart non ha voluto commentare il caso montato contro di lui, ma il suo avvocato ha detto alla stampa che intende combattere le accuse. Intanto la sala stampa vaticana ha ignorato numerose domande e richieste di interviste di Forbes per questo articolo. Ma Odendall, il direttore dell’Aif che si è dimesso dopo che gli è stato negato l’incontro con il papa, respinge l’accusa come “probabile vendetta personale” del procuratore capo, Gian Piero Milano, con il quale Brülhart aveva “un rapporto difficile e teso”. Per Odendall, anche se Brülhart respingerà le accuse, il procuratore “avrà bandito con successo e offuscato la reputazione di un avversario”. Nessun rovescio della medaglia.

“Il responsabile di tutto questo è il papa”, aggiunge Odendall. “Ha preso le decisioni sbagliate e nominato le persone sbagliate, fingendo di combattere contro persone cattive”.

Il coinvolgimento del papa nel caso riguarda anche Gianluigi Torzi, uno degli uomini d’affari italiani che hanno mediato l’affare immobiliare londinese. La procura accusa Torzi di essere riuscito a inserire una clausola contrattuale dell’ultimo minuto che gli ha conferito il controllo della proprietà londinese e di averla utilizzata per estorcere quindici milioni di euro, accusa che lui nega. E mentre il pm afferma che il pontefice non ha autorizzato personalmente alcun pagamento, Francesco ha partecipato ad almeno due incontri in cui Torzi afferma di aver discusso i termini definitivi dell’accordo di investimento.

Il cardinale Parolin, che Francesco ha nominato segretario di Stato nel 2013, ha curato sin dall’inizio gli investimenti londinesi. Ha approvato il contratto di Torzi in cui sarebbe stata aggiunta la clausola del trucco. È stato anche coinvolto negli sforzi per rimborsare i prestiti e potrebbe aver approvato una transazione che i pubblici ministeri vaticani definiscono “fraudolenta” e che personalmente considerava “opaca”. Anche l’arcivescovo Edgar Peña Parra, il religioso che ha sostituito il cardinale Becciu nel 2018, ha curato l’investimento londinese e ha organizzato l’incontro di Torzi con il pontefice. Anche monsignor Alberto Perlasca, capo dell’ufficio amministrativo della Segreteria di Stato, era tra i contratti, i mandanti e nell’elenco in continua evoluzione delle società offshore affiliate, collegate all’accordo di Londra.

Nessuna di quelle P, né Parolin, né Peña Parra, né Perlasca, è stata incriminata. In un caso correlato nel Regno Unito, il procuratore vaticano sostenne che quei tre chierici erano semplicemente degli ingenui creduloni che alla fine sono stati ingannati da Becciu e altri.

Ma è qui che l’autorità suprema del papa crea una nebbia che potrebbe minacciare la sua reputazione. Gli addetti ai lavori vaticani guardano spesso alle decisioni in quest’area attraverso quella che chiamano la lente degli “amici di Francesco”. Becciu era l’unico cattivo operatore al vertice? O è solo una coincidenza che Becciu avesse già perso il favore del papa quando sono iniziate le indagini della procura, mentre coloro che sono stati giustificati come ingenui creduloni sono quelli ancora schierati con Francesco? “Per molti osservatori, si è tentati di giungere a questa conclusione”, afferma John Allen Jr., giornalista che si occupa del Vaticano. Allen dice che il fatto che Parolin e Peña Parra fossero così vicini al papa li avrebbe resi “politicamente intoccabili”, mentre Becciu, che aveva litigato con il pontefice, sarebbe stato considerato “sacrificabile”.

Lo scorso marzo, in un caso britannico che coinvolgeva una petizione del Vaticano per congelare i conti bancari di Torzi, il giudice ha notato che quando il procuratore del Vaticano ha dato il via alle sue argomentazioni ha identificato Perlasca come una delle tre persone chiave in una “cospirazione in corso, orchestrata”. Cinque mesi dopo, lo stesso procuratore sosteneva che Perlasca era stato “tenuto all’oscuro del modo in cui la transazione doveva essere strutturata”. Scrisse il giudice: “Trovo questo suggerimento… difficile da accettare”. Per quanto riguarda Peña Parra, il giudice ha osservato: “Trovo difficile accettare qualsiasi suggerimento che l’arcivescovo Peña Parra avrebbe firmato un tale documento senza familiarizzare con i documenti… data l’apparente importanza della transazione e le notevoli somme di denaro coinvolte”. E per quanto riguarda Parolin, il giurista si è detto incredulo circa il fatto che il segretario di Stato “fosse stato completamente ingannato”.

Il giudice ha concluso che le argomentazioni del Vaticano non erano “supportate da prove credibili” e implicavano egregie e spaventose “mancanze nella divulgazione delle prove materiali e travisamenti”.

Sarebbe logico supporre che tutto questo possa essere chiarito al processo vaticano. Ma non c’è da farsi illusioni. Il Vaticano non dà agli imputati il ​​diritto automatico di chiamare testimoni. I magistrati che sovrintendono al processo decideranno chi può testimoniare. Con un occhio, dicono gli addetti ai lavori, sempre attento a che cosa potrebbe pensare il papa e se gli eventuali testimoni sono o no amici di Francesco.

Fonte: forbes.com

Titolo originale: The Pope’s Corruption Problems

3 commenti:

  1. parole, parole, parole . . . siamo ai limiti dell'aria fritta, messainlatino farebbe meglio a occuparsi di liturgia, che è la sua ragione sociale

    RispondiElimina
  2. Una volta i panni sporchi si lavavano in famiglia,adesso le cose della Chiesa finiscono in tribunale e sui giornali.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.