Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 7 ottobre 2021

Corso on line: "Beeldenstorm – La tempesta delle immagini"

Riceviamo e pubblichiamo.
Luigi

Accademia di alti studi secondo la legge naturale e cristiana
da venerdì 8 ottobre

a cura di don Emanuele Caccia

La materializzazione visibile che l’arte offre, illumina in modo chiaro le caratteristiche dell’epoca che le produce. In una fase storica di estenuazione dell’immagine – la nostra – l’educazione dell’occhio al discernimento nelle arti visive conduce ad una lucida disamina delle note salienti della nostra epoca. I suoi tratti originari molto hanno a che vedere con l’ eresia gnostica che da sempre ha accompagnato il pensiero occidentale e ha caratterizzato non di meno la storia della Chiesa, sua prima avversaria.

Che cosa imparerò in questo corso?

Lo studio del culto delle immagini e, più in generale, del rapporto che ogni epoca o ideologia hanno con esse, risulta approccio propizio per comprendere lo stato del conflitto (di reciproca contrapposizione) tra due concezioni metafisiche opposte (di Dio, dell’Uomo e del mondo) che perennemente lottano per la supremazia.

Si terranno 4 lezioni che focalizzano specifici mutamenti artistici – dall’epoca cristiana in avanti – con il fine di sostenere la veridicità di tale modello.

La tesi di fondo è la "perdita tel Centro" secondo il titolo del testo indicato in bibliografia. L’argomentazione include alcuni ulteriori sviluppi. La lotta circa le immagini è espressione dell’ancestrale lotta tra le due storiche macro visioni metafisiche del pensiero occidentale: quella antropocentrica e quella teocentrica.

Si intende far emergere analogie tra la tesi delle rivoluzioni storiche e quella delle rivoluzioni artistiche. Confronti interessanti si possono infatti riscontrare tra i capitoli grandi della decadenza dell’occidente e le relative produzioni artistiche.

Delineare un itinerario che, sulla scorta degli autori indicati in bibliografia, mostri una chiara convergenza di analisi tra storie dell’arte e storia delle idee. L’obiettivo, essendo di carattere sintetico, tocca varie tematiche: architettura, pittura, scultura, legislazione ecclesiastica, estetica: non si intende esaurire nessuno di questi temi ma condurre un’analisi trasversale mediante l’uso di esempi paradigmatici. Le lezioni saranno pertanto a carattere diacronico o monografico in base al tema specificamente affrontato.

Il corso sarà articolato in 4 lezioni di 1 ora e 30 minuti ciascuna. Le lezioni si svolgeranno dalle ore 18:30 alle 20:00. La data di inizio del corso è l’8 ottobre 2021.


LE 4 LEZIONI
LEZIONE 1 – Esposizione della tesi estetica: la gnosi come dato perenne della produzione artistica occidentale. Le posizioni circa le immagini nelle aree di pensiero filo-gnostico e in quelle cattoliche.
LEZIONE 2 – Immagine come presenza e rappresentazione. Ricorrenze iconoclaste. Il volto e il corpo come paradigma: dal Sacro Volto agli azionisti viennesi.
LEZIONE 3 – Dalle forme pure dell’illuminismo alle chiese moderne, temi di architettura. La rivoluzione russa e gli standard contemporanei: una preoccupante analogia.
LEZIONE 4 – Arte sacra antica e temi di antropologia: quando il meccanismo artistico funzionava. Episodi di storia dell’arte sacra. Esempi di interesse iconologico. Razionale di Durando, norme tridentine, manuale di Iconologia del Ripa.



IL DOCENTE: DON EMANUELE CACCIA




Don Emanuele Caccia, nato a Castellanza il 20.07.1981, ordinato da Mons Mario Oliveri il 5.01.2007 è Sacerdote nella Diocesi di Albenga - Imperia. Laureato in Storia dell’Arte all’Università La Sapienza con una tesi dal titolo "L’arte nelle Chiese", è addetto all’Ufficio Beni culturali nella Medesima Diocesi.