Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 27 settembre 2021

Granada: il governo regionale autorizza la processione della Patrona, l'arcivescovo la vieta

Qui a fianco la foto del vergognoso arcivescovo di Granada Mons. Martinez.
Grazie all'amico Michelangelo per la segnalazione.
Luigi

STRANI ARGOMENTI PER GIUSTIFICARE IL DIVIETO DI FARE LA PROCESSIONE

17/09/21 Infocatolica
L'arcivescovo di Granada nega ai suoi fedeli la libertà religiosa concessa dalla Junta de Andalucía (governo regionale).
Nonostante la Junta de Andalucía abbia permesso processioni su strade pubbliche in tutta la regione andalusa, l'arcivescovo di Granada, Mons. Javier Martínez, (ciellino) ha deciso di privare i suoi fedeli di questo diritto. La sua incredibile e deplorevole argomentazione è che "la chiesa non può controllare che ci siano così tante persone per strada".

(InfoCatólica) La Junta de Andalucía, vista la buona evoluzione dei dati relativi alle infezioni da coronavirus nella regione, ha deciso di rendere più flessibili le misure restrittive. Una situazione che ha reso possibile l'aumento della capienza nelle chiese fino a raggiungere il 100% e il ritorno delle processioni in piazza.

Questo ha aperto una finestra di speranza per i devoti della Virgen de las Angustias a Granada, poiché l'ultima domenica di settembre è quando si svolge la massiccia processione in onore del patrono. La confraternita degli Angustia era "aperta a qualsiasi scenario" dopo aver appreso delle nuove misure del governo andaluso.

Tuttavia, la finestra è stata chiusa a chiave. La risposta dell'Arcidiocesi di Granada è stata abbastanza chiara al riguardo: quest'anno, come nel 2020, non ci sarà la processione della Virgen de las Angustias. In altre parole, è lo stesso pastore dei fedeli che priva la gioia di poter processare il suo patrono.

Argomenti spiacevoli

Come riporta El Ideal, le argomentazioni dell'arcivescovo sono strane. Ha detto che “sebbene gli indicatori nei luoghi chiusi siano aperti al 100%, ciò non significa che la strada sia controllabile. La chiesa non può controllare che ci siano così tante persone per strada e chiedere alle autorità civili di controllare 150.000 o 200.000 persone che potrebbero trovarsi per strada è chiedere loro un lavoro impossibile.

La verità è che le autorità sono abituate a occuparsi di eventi pubblici di massa. Tra l'altro perché è il suo lavoro, e non quello dell'arcivescovo. Gli stadi di calcio, infatti, stanno aumentando sempre di più la loro capienza ed è prevedibile che a breve verrà accettata la piena capacità e nelle diocesi limitrofe le autorità effettueranno questo lavoro. Non esiste uno studio che dimostri che i granadini siano più contagiosi del resto degli andalusi.

Per questo alcuni fedeli hanno espresso perplessità quando il vescovo ha affermato che "l'apertura della capienza significa che nelle chiese si possono celebrare pienamente le festività delle immagini titolari ma nelle grandi processioni non si poteva controllare la situazione". Mons. Martínez ha aggiunto che, nonostante il miglioramento del numero dei contagi, dobbiamo ancora "essere prudenti perché la salute delle persone è la priorità in questo momento".

Con questa decisione, l'arcivescovo di Granada diventa l'unico in Andalusia a ribadire il divieto di fare processioni sulle strade pubbliche.

Nelle altre diocesi verranno applicate misure sensate nell'attuale situazione della Junta de Andalucía (ad esempio Siviglia, Córdoba, Málaga, Cadice, Almería….)

https://youtube.com/shorts/NqJpoLxf9XQ?feature=share