Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 5 settembre 2021

Costa Rica: iniziano le purghe contro i sacerdoti #traditioniscustodes

Dalla Costa Rica giungono notizie inquietanti e terrificanti; le apprendiamo da Rorate Caeli del 20.08.2021 (QUI).
Iniziano le purghe contro i sacerdoti che celebrano "in latino" (anche il NOM). Leggete per credere.
AZ


La crudeltà di Francesco - Costa Rica: P. Varela, il primo sacerdote sospeso per aver celebrato la messa tradizionale (e la nuova messa in latino!) dopo il nuovo Motu Proprio

DAL SUMMORUM PONTIFICUM AL TRADITIONES CUSTODES:
CRONACA DI UN DISASTRO PASTORALE IN COSTA RICA


di Augustine Aksala*


Sento il bisogno di scrivere questa cronaca a causa della preoccupazione espressa in diverse parti del mondo per sapere chiaramente cosa sta succedendo in Costa Rica dopo la promulgazione del motu proprio Traditionis Custodes.

Il 7 luglio 2007, Papa Benedetto XVI ha pubblicato la sua lettera apostolica sotto forma del motu proprio Summorum Pontificum. Con questo documento, il Papa ha stabilito che era lecito celebrare i sacramenti con i libri liturgici precedenti alla riforma liturgica post-conciliare. Così, nel Rito Romano esisteva una forma ordinaria e una forma straordinaria, e nessun sacerdote aveva bisogno di alcun permesso per celebrare la Santa Messa con il messale del 1962, curato da San Giovanni XXIII. Inoltre, i fedeli che lo richiedevano dovevano essere ammessi a tali celebrazioni.



Qualche anno dopo, il 30 aprile 2011, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato l'istruzione Universae Ecclesiae. In essa sono state fatte alcune precisazioni sul sacerdote adatto e sul gruppo di fedeli. Tra le altre cose, si chiariva che il gruppo che richiedeva la Messa nella forma straordinaria poteva essere creato dopo la pubblicazione del Summorum Pontificum e poteva essere composto da fedeli di diverse parrocchie o diocesi. Più o meno nello stesso periodo, alcuni fedeli del Costa Rica si erano uniti con l'obiettivo di celebrare i sacramenti nella forma straordinaria nel paese. Alcuni avevano parlato con padre Sixto Varela Santamaría, che era stato inviato dall'allora vescovo di Alajuela, monsignor Ángel San Casimiro, a studiare comunicazione alla Pontificia Università della Santa Croce a Roma. Padre Sixto espresse la sua disponibilità affinché, prima o poi, queste celebrazioni si potessero tenere nella sua parrocchia in Costa Rica. Altri fedeli avevano contattato l'allora arcivescovo di San José, Monsignor Hugo Barrantes Ureña, per avere la Messa tradizionale in latino nell'arcidiocesi.

Nel 2012, il gruppo di fedeli si rese conto che, nell'Arcidiocesi di San José, il Summorum Pontificum veniva interpretato come il Motu Proprio Ecclesia Dei 1988 - o anche più restrittivo. Nel luglio di quell'anno, mentre padre Sixto era già tornato in Costa Rica, alcuni fedeli gli chiesero di far celebrare una messa tridentina nella sua parrocchia con un sacerdote della Fraternità Sacerdotale di San Pietro. Il 25 luglio 2012, nella parrocchia di San Joaquin de Flores, nella diocesi di Alajuela, è stata celebrata per la prima volta dal 1970 in Costa Rica una messa con il messale del 1962 in modo pubblico. Tuttavia, c'è stata una spaccatura nel gruppo di fedeli: alcuni, stanchi delle restrizioni poste sul Summorum Pontificum nell'Arcidiocesi di San José, hanno contattato la Fraternità Sacerdotale di San Pio X; altri, al contrario, volevano rimanere in piena e visibile comunione con la Chiesa, così sotto la cura pastorale di padre Sixto Varela, e con la conoscenza di monsignor Angel San Casimiro, hanno preferito aspettare i sacerdoti adatti per avere la Messa nella forma straordinaria.

Padre Sixto era un uomo di cui il vescovo di Alajuela si fidava completamente. Non solo servì come parroco a San Joaquin de Flores e vicario episcopale della comunicazione, ma fu anche nominato cancelliere della diocesi. In quegli anni era comune vedere padre Sixto nei principali mezzi di comunicazione del paese, esponendo chiaramente la dottrina della Chiesa in mezzo a importanti dibattiti sulla televisione nazionale.

Nel 2015, il sacerdote religioso Agustín Pelayo Corona, C.Ss.S, ha iniziato a visitare il paese, venendo dal Nicaragua con una certa frequenza a San Joaquín de Flores per la celebrazione della Messa nella Forma Straordinaria. Grazie alla maggiore frequenza di queste celebrazioni, il gruppo di fedeli cominciò a crescere e a consolidarsi. Nel 2016, il gruppo di fedeli ha contattato l'Istituto del Buon Pastore, che dalla Colombia ha inviato mensilmente un sacerdote per la celebrazione dei sacramenti. Inoltre, Padre Daniel Heenan, della Fraternità Sacerdotale di San Pietro, ha viaggiato in Costa Rica in due occasioni per la celebrazione della Messa tradizionale. Durante questo periodo, le Messe nella Forma Straordinaria si sono svolte senza alcun inconveniente con la gerarchia cattolica; inoltre, con l'aiuto di padre Grégory Lutz-Wiest, dell'Istituto del Buon Pastore, il gruppo di fedeli ha formato l'Associazione Summorum Pontificum Costa Rica.

Il 1° marzo 2018, papa Francesco ha accettato le dimissioni di monsignor Ángel San Casimiro dal governo pastorale della diocesi di Alajuela per motivi di età, come stabilito dal diritto canonico, nominando nuovo vescovo il sacerdote amigonese Bartolomé Buigues Oller. Seguendo lo spirito di comunione che ha caratterizzato l'Associazione Summorum Pontificum Costa Rica, i fedeli si sono presentati davanti al nuovo vescovo e hanno espresso il desiderio di continuare con la celebrazione della Messa nella Forma Straordinaria. Alla fine di quello stesso anno, il vescovo prese la decisione di trasferire padre Sixto in un'altra parrocchia. Anche la celebrazione della Santa Messa tradizionale fu trasferita nella nuova sede: Parrocchia Patriarca San José, ad Alajuela.

Con l'aiuto dei sacerdoti dell'Istituto del Buon Pastore, Padre Sixto imparò l'usus antiquor, celebrando la sua prima Messa nella Forma Straordinaria alla Messa Rorate Caeli il 13 dicembre 2019. Da allora in poi, e nonostante la pandemia del COVID-19, avere un sacerdote diocesano nel paese per celebrare la Messa tradizionale in piena comunione, ha fatto crescere l'apostolato più forte che mai. Si è passati dalla celebrazione di poche messe al mese, ad avere 3 messe alla settimana, con una presenza di circa 250 fedeli. Si celebravano battesimi, matrimoni, messe di requiem e si ravvivavano le usanze tradizionali e sacramentali. Da questo gruppo di fedeli sono emerse diverse vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa: almeno due seminaristi diocesani, due giovani stanno facendo processi vocazionali con i Redentoristi, uno con gli Agostiniani Recolletti, uno con l'Istituto del Buon Pastore, tre con la Fraternità Sacerdotale di San Pietro, un novizio nella congregazione dei Legionari di Cristo e uno nelle Ancelle della Sacra Famiglia in Colombia.

Il 16 luglio 2021 il Santo Padre ha pubblicato il motu proprio Traditionis Custodes. Il documento stabilisce che ogni vescovo regola la celebrazione della Messa con i testi precedenti alla riforma liturgica del 1970. Stabilisce anche che si deve verificare che il gruppo di fedeli sia in piena comunione con la Chiesa. Dato che il gruppo e il sacerdote soddisfano le condizioni, sia padre Sixto che l'Associazione Summorum Pontificum Costa Rica hanno contattato il vescovo e richiesto i permessi necessari. Tuttavia, la Conferenza Episcopale del Costa Rica ha emesso un comunicato dicendo che non c'era nessun gruppo nel paese che aderisse alla vecchia tradizione liturgica, e quindi la Messa tradizionale non poteva essere celebrata nel paese. Questo comunicato era insolito, poiché non è di competenza della conferenza dei vescovi legiferare su questa materia. Insinuava anche una censura all'uso di ornamenti ed elementi tradizionali che non sono mai stati eliminati nel rito romano. Sembra che dietro questo documento ci fosse il segretario esecutivo della Commissione Liturgica Nazionale, dottorato in Francia, proveniente da una scuola liturgica fortemente contraria all'ermeneutica della continuità proposta da Benedetto XVI.

Non potendo mantenere la celebrazione della Messa con il Messale del 1962, Padre Sisto, incoraggiato dai fedeli e per assicurare l'accompagnamento e l'avvicinamento alla liturgia riformata nel 1970, continuò a celebrare la "nuova" Messa in latino. I fedeli gli hanno donato l'Editio typica tertia emmendata del Missale Romanum del 2008, pubblicata dalla Libreria Vaticana.

Una settimana dopo, anche quando l'Associazione Summorum Pontificum aveva incontrato il vescovo e questi aveva assicurato che avrebbe trovato il modo di dare loro il giusto accompagnamento pastorale, la diocesi di Alajuela pubblicò un decreto che proibiva l'uso dei libri liturgici precedenti al 1970 in tutta la diocesi. Il documento negava anche l'esistenza di un gruppo di fedeli che dal tempo della riforma era rimasto aderente al messale del 1962 (anche se in nessun momento questa è stata una condizione per la validità del gruppo di fedeli). Il documento proibiva anche la celebrazione del Novus Ordo Missae in latino e la celebrazione ad orientem, in quelle che il decreto considerava "forme ibride". Questa disposizione non solo è contraria al Diritto Canonico che permette ad ogni sacerdote di celebrare la Messa in latino, ma a vari documenti che permettono anche la celebrazione ad orientem. Padre Sisto, consigliato da alcuni canonisti, ha avviato un processo di appello canonico. Da parte sua, l'Associazione Summorum Pontificum Costa Rica ha chiesto l'intervento del Nunzio Apostolico, monsignor Bruno Musaró, che ha raccomandato un nuovo incontro con il vescovo. Uno dei firmatari di questo decreto è stato il vicario giudiziale della diocesi di Alajuela, che nelle reti sociali ha espresso commenti sprezzanti nei confronti dei fedeli che partecipano alla Messa tradizionale, dicendo che hanno "posizioni di parte o affinità dilettantistiche".

Dopo l'appello di padre Sixto e un incontro con il vescovo a nome dell'Associazione, in cui monsignor Buigues ha ribadito che avrebbe mantenuto il divieto della Messa tradizionale, è stata pubblicata una modifica al decreto diocesano, datata 4 agosto. Il nuovo documento insisteva sul fatto che il gruppo di fedeli non esisteva più dai tempi della riforma liturgica e che quindi il loro desiderio di avere la Messa tridentina era una "necessità creata", continuava a mantenere il divieto di usare il messale di San Giovanni XXIII e che l'unico messale che poteva essere usato nel paese era quello edito in spagnolo dalla Conferenza Episcopale Messicana. Il documento ha eliminato la parte che si riferisce all'uso del latino nella liturgia del 1970.

Il documento era accompagnato dalla risposta all'appello di padre Sixto, che continuava ad insistere su elementi contrari al diritto universale: il rifiuto che la messa nella sua forma ordinaria fosse celebrata in latino e ad orientem. Il Padre fece il secondo appello. Meno di una settimana dopo, il popolo di Dio fu sorpreso nell'apprendere che il vescovo aveva chiesto a padre Sixto di non essere più parroco e di ritirarsi per qualche mese nella sua casa di famiglia, senza la possibilità di celebrare la Messa in pubblico e di ascoltare le confessioni solo nella sua casa. Dopo diversi momenti di dialogo con il vescovo, il Padre, mosso da un profondo amore per la Chiesa, ha rinunciato a continuare il processo di appello canonico e ha accettato la decisione del vescovo.

È importante ricordare che un settore del clero di tendenza più progressista è stato duro con padre Sixto non solo per il suo modo di celebrare i sacramenti, ma anche per aver criticato a un certo punto il governo della Repubblica, che si è pronunciato contro la vita e la famiglia, oltre a mettere in discussione l'atteggiamento della Conferenza Episcopale di fronte alla decisione del governo di chiudere i luoghi di culto durante la pandemia, ma non altri stabilimenti commerciali. Quando si leggono le vite di santi come San Giovanni Battista, Thomas Beckett, Thomas More o Oscar Romero, si vede lo stesso zelo in padre Varela.

Il gruppo di fedeli esistente ha ricevuto il colpo più duro con il personale pastorale: senza il sacerdote che lo accompagnava, senza la celebrazione della Santa Messa non solo con la Messa del 1962, ma anche senza la Nuova Messa in latino, cosa ne sarà di questi fedeli? Molti di loro sono stati disprezzati nelle loro parrocchie di origine. La Fraternità Sacerdotale di San Pio X ha insistito che continueranno a celebrare la Messa tradizionale, anche nella diocesi di Alajuela, e hanno invitato a disobbedire a Papa Francesco e al vescovo. Questi sono atteggiamenti molto contrari a quelli di comunione ed ecclesialità che caratterizzano l'Associazione Summorum Pontificum Costa Rica. Padre Sixto, dà a tutti noi un'altra lezione di amore per la Chiesa, rinunciando a un processo canonico e sottomettendosi al suo vescovo, anche in mezzo a una decisione oggettivamente ingiusta. Chi può, si unisca nella preghiera, sia per padre Sixto che per il gruppo di fedeli; questa è l'arma migliore.

Le parole del profeta Zaccaria risuonano in questo momento, che potrebbe concludere questa cronaca di ciò che sta accadendo in Costa Rica:

"Svegliati, o spada, contro il mio pastore e contro l'uomo della mia compagnia, o oracolo dell'Eterno Sebaoth; colpisci il pastore, disperdi le pecore, e io volgerò la mia mano contro i piccoli! E avverrà in tutto questo paese", dice l'Eterno, "che due terzi saranno tagliati fuori (periranno) in esso, e un terzo rimarrà in esso. Io metterò questo terzo nel fuoco: Li purificherò come si purifica l'argento e li proverò come si prova l'oro. Egli invocherà il mio nome e io gli risponderò; dirò: "Egli è il mio popolo!" ed egli dirà: "Il Signore è il mio Dio!"". Zaccaria 13:7-9.


*[Traduzione e testo forniti da E.F.]