Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 19 agosto 2021

Una chiesa per la Tradizione a Royan (Francia) #traditioniscustodes #summorumpontificum

Piccole belle notizie.
Luigi


Una chiesa per la Tradizione vicino a Royan (Charente Maritime)

Domenica 1 agosto, dopo oltre 20 anni di richieste e di attesa, è stata celebrata una prima messa tradizionale nella chiesa Saint-Augustin di Saint-Sulpice de Royan. In questo momento, una tale "prima" è così importante che abbiamo chiesto a Denis Bataille, uno dei leader del gruppo Royannais, di raccontarci questo episodio di riconciliazione in corso nella Chiesa di Francia.

Paix Liturgique: Caro Denis, una prima messa è stata dunque celebrata domenica 1 agosto a Royan?

Denis Bataille: Sì, un grande momento di gioia e pace! Per noi è stato un momento eccezionale ritrovarci con più di 160 fedeli in una chiesa troppo piccola.


Pix liturgica: 160 fedeli sono tanti!

Denis Bataille: Soprattutto perché non sapevamo più dove fossimo veramente. Era da tanto tempo che chiedevamo questa Messa che abbiamo finito per credere che nessuno credesse alla nostra esistenza. Eppure eravamo più di 160 il 31 luglio!


Paix Liturgique: Fedeli di Royan?

Denis Bataille: Una grande metà di fedeli di Royan e un'altra metà da altrove, in particolare alcuni vacanzieri. Ma sarete d'accordo che se per alcuni - i vacanzieri - il mese di agosto è il momento in cui sono presenti, i Royan da parte loro non sono più tutti a Royan in estate.


Paix Liturgique: Quindi non hai fatto rifornimento?

Denis Bataille: Ne sono certo: parliamo prima dei nostri ospiti, delle famiglie in vacanza: molti di loro hanno ignorato questa festa e speriamo che grazie a voi e al passaparola saranno ancora più numerosi il 15. Agosto per i nostri seconda massa.


Paix Liturgique: E i Royannais?

Denis Bataille: Erano stati meglio informati perché abbiamo avuto l'opportunità di pubblicare un articolo su Sud-Ouest, ma la maggior parte di loro si unirà a noi a settembre.



Paix Liturgique: Ma mi hai detto che ti ci è voluto molto tempo per arrivare a questa prima Messa.

Denis Bataille: Più di 20 anni perché è stato intorno all'anno 2000 che è stata richiesta una prima richiesta di celebrazione, purtroppo senza successo. Poi, nel 2007, subito dopo la pubblicazione del motu proprio Summorum Pontificum , una seconda richiesta è stata inviata dai fedeli di Royan che avevano avuto l'audacia di richiedere una celebrazione almeno annuale dell'usus antiquior nella loro parrocchia. Quello che l'allora parroco, padre Delage, pur riconoscendo la legittimità della richiesta, aveva dichiarato totalmente impossibile da soddisfare per ragioni che sono variate nel corso della storia della richiesta che fu un terribile percorso ad ostacoli.


Paix Liturgique: un percorso ad ostacoli?

Denis Bataille: Più di questo, un viaggio attraverso un campo minato perché quando è arrivato il nuovo sacerdote di Royan, padre Sermonfils Auguste, il cielo sembrava essersi calmato, senza dubbio a causa della sua origine haitiana, perché era pienamente preparato a dare seguito a questo richiesta. Ma è stato lasciato andare dal suo consiglio parrocchiale (nominato dall'ex parroco nemico della Pace) che all'UNANIMITÀ ha espresso la sua OSTILITÀ a qualsiasi celebrazione di questo tipo.


Paix Liturgica: Incredibile!

Denis Bataille: Dirlo è riduttivo! E se il nostro vescovo, Mons. Georges Colomb, non fosse stato benevolo, aperto e caritatevole, non ci saremmo riusciti.


Paix Liturgique: Cosa ha proposto?

Denis Bataille: Ha chiesto a padre Christophe de la Chanonie, parroco di Saint-Sulpice de Royan, di accoglierci e lo ha ascoltato caritatevolmente. È così che la domanda di Royan è stata sollevata per la prima volta il 1 agosto, a 10 km da Royan, nella chiesa di Saint-Augustin.


Paix Liturgique: E come si è svolta questa prima cerimonia?

Denis Bataille: Con grande pietà ed emozione, e naturalmente la Comunione è stata distribuita sulle labbra come è obbligatorio in questa forma del rito romano. La messa è stata celebrata dal canonico Jestin, dell'Istituto Cristo Re, e l'omelia pronunciata da padre de la Chanonie, parroco, in segno di pace e di calorosa accoglienza.





Paix Liturgique: E come è finita questa cerimonia?

Denis Bataille: Sai, eravamo tutti così felici che non volevamo più separarci. E poiché il nostro amico Thierry aveva fatto le cose bene, abbiamo passato molto tempo a conoscerci davanti a caffè e succhi di frutta mentre assaggiavamo deliziose chouquette.


Paix Liturgique: Riunioni di famiglia in un certo senso.

Denis Bataille: Sì famiglia, amici e missionari perché non so se ve ne rendete conto ma parecchie persone che erano presenti non andavano a messa da anni.


Paix Liturgique: Quindi non un'assemblea di “Tradis”?

Denis Bataille: Non significa un incontro di Tradis. Siamo tutti convertiti più o meno recenti che sono felici di poter pregare in un modo che riscalda le nostre anime e conforta i nostri cuori e le nostre menti.


Paix Liturgique: Ma questo è solo l'inizio?

Denis Bataille: Certo e una nuova messa sarà celebrata domenica 15 agosto alle 9 nella stessa chiesa… e sarà seguita dallo stesso tempo di amicizia: Deo gratias .


RIFLESSIONI LITURGICHE DI PACE

1 - Questa prima Messa celebrata a Royan a seguito di una richiesta di più di 20 anni ci fornisce un buon esempio della situazione in cui si trovano “IN REALTÀ” molti fedeli francesi che vogliono vivere la loro fede cattolica al ritmo della liturgia tradizionale della Chiesa… Nella maggior parte dei casi i loro Pastori hanno fatto orecchie da mercante o imposto tali condizioni di scadenza “Lo vedremo di nuovo nei prossimi anni” che la maggior parte delle richieste sono state messe a tacere e oggi 'hui, secondo le nostre informazioni, è , nella sola Francia, sono state messe da parte più di 500 richieste di celebrazioni della liturgia tradizionale.

2 - Ma, dirà qualcuno, se questi ricorrenti fossero stati seri avrebbero dovuto insistere e perseverare... Che ignominia dire che quando si conoscono le pressioni che si fanno sui ricorrenti che il più delle volte sono modesti padri o madri di famiglia che non desiderano in alcun modo sminuire il buon equilibrio delle loro parrocchie. A quanti di loro, dopo che è stato chiesto di tacere, viene detto "Vedi che la tua richiesta non era grave perché non l'hai rinnovata!" ".

3 - Così questi malvagi o dhimmi che cercano disonestamente o onestamente di "misurare" il numero dei cattolici francesi attaccati alla liturgia tradizionale dimenticano sistematicamente tutti coloro che desiderano vederla privati ​​di essa... Solo i sondaggi anonimi realizzati da Paix liturgique e alcune altre organizzazioni ci danno un'idea della verità: per tutte queste indagini ALMENO UN TERZO DEI CATTOLICI FRANCESI PRATICANTI  VORREBBE VIVERE LA LORO FEDE CATTOLICA AL RITMO DELLA LITURGIA TRADIZIONALE NELLA LORO PARROCCHIA... Siamo quindi lontani da calcoli disonesti stabilito da persone disoneste o da persone ignoranti.

4 - Questa relazione ci illumina anche sulla non praticante indicandoci che molti di loro non hanno semplicemente abbandonato la Chiesa e la Pratica, ma hanno abbandonato una Chiesa e una Pratica che sembrava loro non più in sintonia con la loro Fede! Il sondaggio realizzato da Le Progrès de Lyon nel 1976 (a cui abbiamo dedicato 4 lettere di PL) testimonia magnificamente questa realtà che i nostri pastori hanno tuttavia cercato di negare... Ma caccia via la verità e torna al galoppo, dice il proverbio.

2 commenti:

  1. Ma come fa un prete che è nato nel post concilio a fare le lodi a quello che non ha mai conosciuto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi nessuno di noi viventi può fare le lodi di Pericle, Platone, Aristotele, Cicerone, Seneca, Dante ecc. in quanto non li abbiamo conosciuti? Si può conoscere e giudicare solo ciò che è contemporaneo? Ma per favore!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.