Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 22 luglio 2021

Mons. Pope (Washington DC): “Caro Santo Padre, La prego di riconsiderare ciò che ha scritto e di ascoltare il dolore inutile che ha causato” #traditioniscustodes #summorumpontificum

Sabino Paciolla (21.07.2021)
Roberto


Molti hanno già scritto bene delle preoccupazioni e dei dolori suscitati dal motu proprio del Papa, Traditionis Custodes, che fissa norme strette che limitano la celebrazione della Messa tradizionale in latino. Ho celebrato in questa “forma straordinaria” (oltre che nella forma ordinaria) da più di 32 anni e ne ho scritto spesso. Quindi, cerco di aggiungere la mia voce.

Devo dire che sono addolorato e sbalordito da questo documento e dalla lettera ai vescovi che lo accompagna. Penso non tanto alla mia potenziale perdita, ma ai tanti cattolici che ho servito che amano la forma straordinaria. Per tanto tempo e in tanti luoghi sono stati spesso trattati con durezza e sono stati emarginati per il loro amore per la forma della liturgia che la maggior parte dei santi conosceva.

Papa Benedetto e Papa San Giovanni Paolo II hanno cercato di sanare la frattura normalizzando gradualmente la celebrazione della forma più antica del Rito Romano nella vita della Chiesa. In effetti dicevano a tali cattolici: “Voi siete importanti per noi. Siete i nostri figli e le nostre figlie. Il vostro amore per la tradizione è legittimo e comprensibile e abbiamo l’obbligo di prenderci cura dei vostri bisogni spirituali e del vostro benessere”.

Qui a Washington, DC, la forma straordinaria è esistita pacificamente accanto alla forma ordinaria in circa 10 delle nostre parrocchie. Non abbiamo parrocchie dedicate esclusivamente alla celebrazione della Messa in latino.

Mentre le persone di entrambe le “parti” possono avere preferenze, anche forti preferenze, c’è stato rispetto reciproco e volontà di fare spazio l’uno per l’altro. Qualunque siano le tensioni esistenti, sono minori e non così diverse dalle tensioni che emergono dal diverso mosaico delle comunità etniche.

In questa diocesi si celebra la messa in decine di lingue. Alcune delle nostre liturgie di rito orientale vengono celebrate anche nelle nostre parrocchie di rito romano. Abbiamo anche una parrocchia che ospita la tradizione liturgica anglicana e quasi una dozzina che ospita la liturgia del Cammino Neocatecumenale con tutti i suoi adattamenti. In qualche modo, facciamo tutti spazio gli uni per gli altri e affrontiamo le sfide logistiche abbastanza bene.

A quanto pare, papa Francesco non vede questa diversità ricca e pacifica quando si tratta della Messa tradizionale in latino. Invece, scrive ai vescovi del mondo nella sua lettera di presentazione che vede qualcosa di molto diverso:


“Una possibilità offerta da san Giovanni Paolo II e con magnanimità ancora maggiore da Benedetto XVI al fine di ricomporre l’unità del corpo ecclesiale nel rispetto delle varie sensibilità liturgiche è stata usata per aumentare le distanze, indurire le differenze, costruire contrapposizioni che feriscono la Chiesa e ne frenano il cammino, esponendola al rischio di divisioni”.

Anche se altre espressioni di diversità possono essergli tollerabili o gradite, la messa in latino sembra essere l’unico neo. Con un’attenzione speciale che sembra eccessivamente dura attribuisce la colpa delle divisioni ai cattolici tradizionali che frequentano la messa in latino.

Certo, ci sono alcune personalità note negli ambienti tradizionalisti che suscitano passioni su questioni liturgiche e non, inclusa l’autorità del Concilio Vaticano II. Ma non è ragionevole attribuire i peccati di una minoranza rumorosa a un intero movimento.

Sì, alcune persone sostengono la superiorità e la gloria della forma straordinaria. Ma conosco molti cattolici di rito orientale che pensano che le loro liturgie siano di gran lunga preferibili e persino superiori al rito romano. Molti cattolici del Cammino Neocatecumenale affermano che la Chiesa non sperimenterà la riforma finché la loro liturgia e la loro “via” non saranno abbracciate da tutti. Nelle parrocchie afroamericane dove servo c’è un grande orgoglio per la gioia del loro culto e una meraviglia per il motivo per cui tante altre parrocchie sembrano avere liturgie “morte” e brevi.

Le persone sono appassionate di ciò che amano, a volte con colpa, ma per la maggior parte questo è umano e generalmente mantenuto entro una gamma tollerabile di combattimenti e spacconate piuttosto che disgusto e profonda divisione. Temo che il Papa stia usando un cannone per uccidere una mosca.

Temo anche che aspetti del motu proprio abbiano causato grande dolore e scoraggiamento a molti fedeli e intensificheranno le stesse divisioni lamentate dal Papa.

Considerate i seguenti aspetti:



In primo luogo, ha un tono duro e pesante. È davvero necessario che il Santo Padre scriva in modo così schietto e autoritario? Consideriamo due citazioni, una dalla lettera, l’altra dal motu proprio :


“Prendo la ferma decisione di abrogare tutte le norme, le istruzioni, le concessioni e le consuetudini precedenti al presente Motu Proprio, e di ritenere i libri liturgici promulgati dai santi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II, in conformità ai decreti del Concilio Vaticano II, come l’unica espressione della lex orandi del Rito Romano.”

“Tutto ciò che ho deliberato con questa Lettera apostolica in forma di Motu Proprio, ordino che sia osservato in tutte le sue parti, nonostante qualsiasi cosa contraria, anche se degna di particolare menzione, e stabilisco che venga promulgata mediante pubblicazione sul quotidiano “L’Osservatore Romano”, entrando subito in vigore e, successivamente, venga pubblicato nel Commentario ufficiale della Santa Sede, Acta Apostolicae Sedis.”

Questo non è il linguaggio della misericordia. Essa “abroga” tutte le autorizzazioni precedenti e “dichiara” che c’è una sola forma della liturgia che si qualifica come lex orandi (in opposizione al magistero di Benedetto). È “ordinato” di essere osservato in tutte le sue parti e nulla deve resistergli. Anche gli argomenti degni devono cedere. In effetti la questione è risolta e non ammette ritardi. Ha avuto effetto immediato ed è ora in vigore.

Raramente Papa Francesco si è rivolto a qualsiasi altro gruppo così duramente. Per altri come i non credenti, i dissidenti e i politici ribelli ci deve essere misericordia, comprensione e tolleranza. Parla di “andare alle periferie” e di compassione per i poveri ei perduti moralmente. Ma a coloro che sono attaccati alla Messa in latino arriva questo forte rimprovero, quasi senza spazio di manovra nella Chiesa che amano. È molto scioccante e mi rattrista come pastore d’anime che un tale vetriolo sia diretto al gregge che ho a lungo curato.



In secondo luogo, impone requisiti impossibili. Da una parte il Papa delega ai vescovi qualsiasi decisione sui luoghi, ma poi lega loro le mani. Lui scrive:


“[Il Vescovo diocesano] designi uno o più luoghi dove i fedeli aderenti a questi gruppi possano radunarsi per la celebrazione eucaristica (non però nelle chiese parrocchiali e senza l’erezione di nuove parrocchie personali).”

Ma se non nelle parrocchie, allora dove? Cosa deve fare un vescovo per comprendere, figuriamoci per applicare, questo statuto? È difficile interpretare benevolmente l’istruzione del Papa. Sembra dire ai cattolici che seguono la messa in latino: “Non siete i benvenuti nelle nostre chiese”. Se è così, si tratta di una sorprendente mancanza di sollecitudine pastorale e di amore ed è molto sconcertante.



Terzo, mostra uno strano trattamento dei vescovi . Riferendo l’attuazione all’Ordinario del luogo, ne restringe anche il giudizio pastorale in numerosi modi.

Non solo devono vietare la messa nelle chiese parrocchiali, ma non possono nemmeno conferire facoltà ai nuovi sacerdoti di celebrare la messa in latino senza il permesso di Roma (articolo 4).

Inoltre, non possono costituire nuove comunità (articolo 3). Si riferisce a luoghi, oratori, gilde o cos’altro? È difficile stabilire cosa significhi il tutto.

Quindi, ai vescovi viene data autorità, ma con le mani legate, con un linguaggio confuso e con linee guida quasi impossibili da seguire.



Ora dobbiamo guardare ai nostri vescovi e supplicarli di mostrare la sollecitudine pastorale che questo documento sembra mancare. A loro è stato affidato un compito difficile e imbarazzante. Fate attenzione nel chiedere loro e cercate di non amareggiarli con predizioni o presunzioni di cattivo trattamento. Molti di loro hanno già mostrato il senso pastorale di evitare l’attuazione avventata e “immediata” di questo motu proprio .

Cari Vescovi, come pastore d’anime, vi chiedo un’interpretazione dolce e gentile. I cattolici tradizionali sono tra le pecore del vostro gregge e hanno bisogno delle cure di un pastore. Anche se il documento suggerisce di spostarli ai margini, vi prego di non farlo. Questa è una sezione vibrante e in crescita del gregge. Molte giovani famiglie e giovani adulti, così come i giovani sacerdoti e gli anziani dipendono da voi per fare ciò che è veramente pastorale.

Se è necessaria una maggiore unità, insegnateci cosa significa, ma per favore, non spingeteci ai margini a vivere nel rifiuto. Alcuni di noi sono irascibili, ma la maggior parte di noi sta solo cercando di essere dei buoni cattolici rispettabili e di stare vicini al cuore della Chiesa. Teneteci vicini a voi e trovateci posto nei vostri cuori.

Caro Santo Padre, La prego di riconsiderare ciò che ha scritto e di ascoltare il dolore inutile che ha causato. Lei giustamente desidera l’unità nella Chiesa, ma temo che, con questa azione, finisca per provocare divisioni ben più gravi.

Poiché la mia opinione non significa nulla, vi chiedo di considerare le parole del grande rabbino Gamaliele, che disse negli Atti degli Apostoli (5,38-39):


«Per quanto riguarda il caso presente, ecco ciò che vi dico: Non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questa teoria o questa attività è di origine umana, verrà distrutta; ma se essa viene da Dio, non riuscirete a sconfiggerli; non vi accada di trovarvi a combattere contro Dio!». (usato direttamente il passo italiano dagli Atti, ndr)

Oremus!


Mons. Charles Pope è attualmente decano e pastore nell’Arcidiocesi di Washington, DC, dove ha servito nel Consiglio dei Sacerdoti, nel Collegio dei Consultori e nel Consiglio del Personale Sacerdotale. Oltre a pubblicare un blog quotidiano sul sito web dell’Arcidiocesi di Washington, ha scritto in riviste pastorali, ha condotto numerosi ritiri per sacerdoti e fedeli laici, e ha anche condotto studi biblici settimanali al Congresso degli Stati Uniti e alla Casa Bianca. È stato nominato monsignore nel 2005.

Questa diversità costituisce anche la bellezza dell’unità nella varietà: tale è la sinfonia che, sotto l’azione dello Spirito Santo, la Chiesa terrena eleva al cielo”. San Giovanni Paolo II, luglio 1988.

I cattolici tradizionali sono tra le pecore del gregge di Cristo e hanno bisogno delle cure di un pastore. Una preghiera al Santo Padre di ritornare sui suoi passi in merito al suo ultimo motu proprio Traditionis custodes scritta da Mons. Charles Pope.

La lettera aperta è stata scritta su National Catholic Register, e ve la presento nella mia traduzione.

1 commento:

  1. Parole bellissime, grazie.

    Permettetemi un idea... E se tutti noi iniziassimo a scrivere al Santo Padre descrivendo le nostre realtà ed il dolore che stiamo vivendo? Potrà rimanere sordo davanti milioni di mail e lettere? Non vi è forse scritto "chiedete e vi sarà dato"?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.