Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 21 luglio 2021

I cattolici reagiscono alle restrizioni radicali di papa Francesco sulle messe di forma straordinaria #traditioniscustodes

Nostra Traduzione di un bel articolo del National Catholic Register (17.7.2021). 
Grazie a Francesco per la traduzione. 
Roberto

I cattolici reagiscono alle restrizioni radicali di papa Francesco sulle messe di forma straordinaria


 "È guerra", ha scritto Rorate Caeli su Twitter subito dopo la promulgazione del motu proprio.


Nuove restrizioni vaticane sulle messe in forma straordinaria, che hanno suscitato reazioni appassionate da parte dei cattolici non appena il motu proprio è stato pubblicato venerdì poco

dopo mezzogiorno, ora di Roma.


 Molti cattolici hanno reagito con forza alla promulgazione della Traditionis custodes, un motu proprio firmato da papa Francesco il 16 luglio, offrendo commenti concisi su Twitter e riprese più dettagliate.


 Nel motu proprio, il papa ha apportato profonde modifiche alla lettera apostolica Summorum Pontificum del suo predecessore Benedetto XVI del 2007, che riconosceva il diritto di tutti i sacerdoti di dire messa usando il messale romano del 1962, che è in latino.


 La normativa è dedicata all'“uso della liturgia romana prima della riforma del 1970” e contiene otto articoli che entrano in vigore immediatamente.


In una lettera di accompagnamento ai vescovi, papa Francesco ha scritto: «In difesa dell'unità del Corpo di Cristo, sono costretto a revocare la facoltà concessa dai miei predecessori.  L'uso distorto che si è fatto di questa facoltà è contrario alle intenzioni che hanno portato a concedere la libertà di celebrare la Messa con il Missale Romanum del 1962».


 Joseph Shaw, presidente della Latin Mass Society of England and Wales, ha dichiarato alla CNA che il motu proprio sembrava “annullare completamente le disposizioni legali fatte per la Messa tradizionale da Papa Benedetto, e riportarci non solo alla situazione prima della  Lettera apostolica del 2007 Summorum Pontificum, ma anche prima del 1988, quando papa Giovanni Paolo II – che fu canonizzato da papa Francesco – descrisse la Messa più antica come una ‘giusta aspirazione’ dei fedeli”.


"I molti sacerdoti e laici cattolici che hanno lavorato duramente per combinare l'interesse per le 'ricchezze' rappresentate dall'EF [Forma Straordinaria] con sincera lealtà e affetto per la gerarchia e il Santo Padre sono stati delusi da questo documento" ha detto Shaw.


 Ha aggiunto: “La disposizione secondo cui l'EF non venga celebrata nelle chiese parrocchiali sembra impraticabile e ostacolerà sicuramente l'attuazione di questo documento”.


Kurt Martens, professore di diritto canonico alla Catholic University of America, ha osservato che il termine “forma straordinaria” non è più utilizzato nella nuova normativa e che il nuovo motu proprio “stabilisce che i libri liturgici promulgati in conformità ai decreti del Concilio Vaticano  II sono l'unica espressione della lex orandi del rito romano”.


 "I vescovi diocesani hanno un'ampia responsabilità per quanto riguarda l'uso della precedente liturgia", ha osservato Martens su Twitter.


 Alcuni blog cattolici che promuovono la liturgia tradizionale hanno espresso rabbia per i cambiamenti.


 "È guerra", ha scritto Rorate Caeli su Twitter subito dopo la promulgazione del motu proprio.


 Altri avevano opinioni ancora più forti.


 “Satanico”, ha scritto lo scrittore cattolico Michael Brendan Dougherty dopo la pubblicazione del motu proprio.


 L'editorialista del New York Times Ross Douthat ha commentato: "Accompagnamento per alcuni, lento strangolamento dei loro riti per altri".


 Altri hanno chiesto preghiere per il papa di 84 anni, che è stato dimesso dall'ospedale questa settimana dopo un intervento chirurgico al colon.


 Scrivendo sul sito del Nuovo Movimento Liturgico, Gregory DiPippo ha detto: “Dobbiamo raddoppiare le nostre preghiere per Papa Francesco, il cui intero pontificato, ogni sorriso, ogni abbraccio di un disabile, ogni esortazione alla misericordia, sarà macchiato per il resto della storia da  questo atto di crudeltà pastorale senza precedenti e assolutamente gratuito, la tentata revoca del Summorum Pontificum”.


 Nel frattempo, alcuni cattolici hanno espresso allarme per il tono dei critici del motu proprio.


 “Vedere tanti cosiddetti ‘fedeli cattolici’ lamentarsi che ‘Bergoglio’ ha ucciso la Chiesa.  Sei parte del problema e della ragione per cui alcuni vescovi sono così preoccupati», ha scritto su Twitter padre Luke Wilkinson.


 “Pregate e chiedete rispettosamente al vostro vescovo di essere generoso.  La calunnia cospiratoria è l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno”.

1 commento:

  1. io inonderei casa Santa Marta di CD con incisa la canzone di Alberto Sordi "E va E va"

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.