Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 23 luglio 2021

E pensare che qualche settimana prima, la Conferenza Episcopale di Francia ... #summorumpontificum #traditioniscustodes

E pensare che qualche settimana prima, in Francia, è successo un avvenimento decisamente significativo, probabilmente passato inosservato e ora quasi vanificato...
Il 14 giugno 2021, per la prima volta in 14 anni (cioè dal 2007) la Conferenza Episcopale di Francia (CEF), ha deciso di incontrare i rappresentati di tutti gli istituti ex Ecclesia Dei che operano in Francia, al fine di iniziare a tessere un dialogo costruttivo.
Un atteggiamento decisamente positivo e propositivo. In altre parole i vescovi francesi hanno iniziato a capire che non possono più ignorare e snobbare i fedeli legati alla Tradizione.
E ora dopo il disastroso Traditionis custodes? Tutto vanificato?
Ci auguriamo di no.
Se un tempo era Roma a dover difendere gli istituti tradizionali dai vescovi, ora si è tutto ribaltato, saranno i vescovi a dover difendere da "Roma" i fedeli e gli istituti legati alla Tradizione.
Di seguito la traduzione dell'articolo uscito su Risposte catholique del 28.06.2021 (QUI).
AZ

 

La CEF crea un forum di dialogo con le comunità Ecclesia Dei in Francia
di Maximilien Bernard
Risposte Catholique del 28.06.2021


Si stima che ci siano 60.000 "tradizionalisti" in Francia, secondo un sondaggio che sarà pubblicato sul mensile La Nef. Una popolazione in crescita che l'episcopato non può più ignorare. Un primo incontro ha avuto luogo il 14 giugno tra l'arcivescovo di Rouen, Mons. Dominique Lebrun, il vescovo di Arras, Mons. Olivier Leborgne, anche vicepresidente della CEF, e i superiori delle cinque principali comunità tradizionali:

l'abbé Louis-Marie de Blignères, Priore Generale della Fraternità di San Vincenzo Ferrer;
l'abbé Emmanuel-Marie, Padre Abate dei Canonici Regolari della Madre di Dio a Lagrasse;
l'abbé Mateusz Markiewicz, Superiore per l'Europa dell'Istituto del Buon Pastore;
l'abbé Benoît Paul-Joseph, Superiore del Distretto di Francia della Fraternità San Pietro;
il canonico Louis Valadier, Provinciale per la Francia dell'Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote.

La creazione di questo organismo segue il rapporto interno della CEF sull'applicazione del Motu Proprio nelle diocesi francesi, che si è rivelato molto lontano dalla realtà. Le comunità Ecclesia Dei sentivano che alcune delle cose dette nel rapporto erano sbagliate e poco caritatevoli. I due vescovi e i cinque superiori si sono scambiati opinioni sulla missione che i sacerdoti e i religiosi di queste comunità svolgono in molte diocesi, sul loro inserimento nelle diocesi e su alcune priorità pastorali. Questo incontro dovrebbe continuare su base annuale.

Questo forum è un'occasione opportuna per discutere il caso di Digione. Il vescovo Minnerath è sceso sabato per parlare con i manifestanti:

"Ho fatto una proposta definitiva alla FSSP, non so ancora la loro risposta: o accettano di concelebrare di tanto in tanto e rimangono, loro o altri sacerdoti, o se ne vanno."

Soprattutto, ha annunciato che un nuovo motu proprio di Papa Francesco dovrebbe "mettere le cose in chiaro" su questo argomento.

Secondo La Croix, il Papa sta per pubblicare una nota sull'applicazione del Summorum pontificum. Le condizioni di applicazione di questo motu proprio dovrebbero essere riviste. Francesco vuole rafforzare l'autorità dei vescovi in questa materia. La sezione Ecclesia Dei dovrebbe essere abolita. Questo organismo, che dipende dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, era già stato ridotto nel 2019 da una commissione a un semplice ufficio. Le varie comunità tradizionaliste dipenderanno da altri dicasteri, tra cui Clero e Vita Consacrata.

Secondo Paix Liturgique, il cardinale Parolin, Segretario di Stato, ha detto a un gruppo di cardinali:

"Dobbiamo porre fine a questa massa per sempre!".

L'arcivescovo Roche, il nuovo prefetto della Congregazione per il Culto Divino, ha spiegato ridendo ai dirigenti dei seminari di Roma e ai membri della Curia, tutti di lingua inglese:

"Il Summorum Pontificum è praticamente morto! Ridaremo il potere ai vescovi su questo, ma soprattutto non ai vescovi conservatori."

La concelebrazione è quindi solo un pretesto. Ed è la guerra liturgica che Roma sembra voler far rivivere.

A Digione, un incontro è previsto per la fine della settimana tra il vescovo e i sacerdoti della Fraternità San Pietro. L'abbé Roch Perrel, il superiore della FSSP locale, che è anche un ex membro della FSSPX, spiega che non concelebrerà:

"Ho scelto un rito tradizionale, intendo esservi fedele, è una scelta di vita".

Tenere un coltello alla gola di un prete che è passato dalla FSSPX alla FSSP non è certo una garanzia di riconciliazione tra Roma e la FSSPX. Se i vescovi trattano gli ex preti FSSPX in questo modo, come possono aspettarsi che i preti FSSPX normalizzino la loro situazione?


Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.