Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 22 luglio 2021

Dopo aver dichiarato guerra al Messale Romano, Papa Francesco non abolirà l’Eucaristia (sincretistica ed eretica) di «rito indù» #summorumpontificum #traditioniscustodes

Mentre il mondo cattolico (non solo «tradizionalista», in una inaspettata alleanza tra tutte le sensibilità della Chiesa) si sta muovendo per difendere il Messale romano di venerabile uso da più di mille anni, leggiamo questa sconcertante notizia che arriva dall’India, pubblicata sul sito Church Militant da Jules Gomes.
Giova ricordare che, nella lettera di presentazione di Traditionis custodes, il Santo Padre Francesco si dice confortato nella sua decisione dal «fatto che, dopo il Concilio di Trento, anche san Pio V abrogò tutti i riti che non potessero vantare una comprovata antichità, stabilendo per tutta la Chiesa latina un unico Missale Romanum. Per quattro secoli questo Missale Romanum promulgato da san Pio V è stato così la principale espressione della lex orandi del Rito Romano, svolgendo una funzione di unificazione nella Chiesa»: per il Papa, dunque, esistono dunque «figli (eretici) e figliastri (cattolici)»?

L.V.


BENGALURU, India (ChurchMilitant.com) – È improbabile che Papa Francesco abroghi la messa di “rito indiano” approvata dal Vaticano anche se usa il sanscrito, ha intensificato le divisioni di casta tra i cattolici e ha suscitato discordia tra indù e cattolici, ha appreso Church Militant.

I cattolici indiani chiedono se Papa Francesco annullerà la liturgia sincretica indù dopo che il pontefice ha emesso il suo motu proprio Traditionis Custodes che impone restrizioni draconiane alla Messa tradizionale latina, accusandola di aver innescato la divisione nella Chiesa.

Molteplici fonti clericali e laiche in posizioni di rilievo hanno detto a Church Militant che la cosiddetta Messa di rito indiano era una liturgia di “rito indù” sincretica ed eretica che era offensiva e alienante per i cattolici di casta bassa e di ambienti intoccabili.

Gli indù hanno anche denunciato il Vaticano e la gerarchia cattolica indiana per aver permesso la messa in rito indù e per aver plagiato, appropriandosi indebitamente e alterando “ogni componente della cultura e della vita indù” in nome dell’inculturazione e dell’indigenizzazione.


Rito indù/indiano “Flagello”

“Sono rimasto scioccato nel leggere il motu proprio di Papa Francesco che limita la forma straordinaria della Messa”, ha lamentato Michael Prabhu, autore di Farmaci e mediazioni nella New Age: un compendio di inganni New Age e insegnamenti della Chiesa corrispondenti.

“Invece, Francesco aveva bisogno di vietare la messa di rito sincretizzato indù/indiano che è stata una piaga nel mio Paese per cinque decenni. I nostri vescovi e clero complici non lo esorteranno a farlo”, ha detto Prabhu a Church Militant.

La messa indù è eretica, ha spiegato, perché “invece di essere influenzata dalla cultura indiana dal Vangelo, elementi di rituali e forme d’arte indù sono stati incorporati nella liturgia romana del Novus Ordo, imbastardendola oltre il riconoscimento”.

Il 25 aprile 1969, la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti autorizzò i vescovi indiani a includere elementi dell’induismo brahmanico e a creare una “Messa di rito indiano”.

I bramini sono la casta più alta di sacerdoti indù e svolgono rituali in sanscrito, la lingua sacra dell’induismo. Nonostante le lamentele dei fedeli cattolici, comprese le ripetute suppliche di ricercatori come Prabhu, il Vaticano non ha mai abrogato l’editto del 1969.

Mentre vescovi e teologi modernisti hanno promosso la messa indù nei seminari, nelle case di formazione, negli istituti religiosi, negli ashram e nei centri di ritiro, la gerarchia ha resistito strenuamente alle richieste del MLM nonostante le suppliche dei gruppi laici cattolici.

“È scioccante sentire le gravi deformazioni della liturgia che si svolgono in India in nome dell’inculturazione”, ha detto a Church Militant il dott. Joseph Shaw, presidente della Latin Mass Society of England and Wales.


Motivi per la Messa in latino ignorati

Come ha osservato il segretario di Una Voce International, Shaw, “ho anche sentito parlare di cattolici nel Paese che da più di un decennio si battono per consentire le celebrazioni della Messa latina tradizionale, e i vescovi sono stati estremamente riluttanti a permetterlo”.

Secondo l’elenco delle messe latine, sono solo nove le chiese che offrono la Messa latina tradizionale in un paese dove la popolazione cattolica è stimata in 20 milioni. Le chiese che offrono la Messa latina tradizionale sono esclusivamente nello stato del Tamil Nadu e nella megalopoli di Bombay (Mumbai).

Sotto la Traditionis Custodes, la Messa latina tradizionale non sarà più consentita nelle “chiese parrocchiali” e il vescovo deve “fare attenzione a non autorizzare la costituzione di nuovi gruppi”, ponendo di fatto fine alla Messa latina tradizionale in India.

“È sconcertante che la gerarchia indiana consenta pratiche liturgiche chiaramente in violazione della disciplina e della tradizione della Chiesa, ma non la Messa che ha costituito per secoli la base storica delle comunità cattoliche di rito latino in India”, ha osservato Shaw.


Riti di “emancipazione spirituale”

I dalit indiani (intoccabili) stanno ora esortando Papa Francesco a consentire ai dalit cattolici e ai sacerdoti di avere la propria messa di “rito dalit” con tutte le facoltà sotto il diretto controllo della Santa Sede, seguendo il modello dei riti siro-malabaresi e siro-malankaresi dell’India.

Anche “nei riti indiani latino, siro-malabarese e siro-malankarese, nella Messa sono incluse forme brahminiche come Bharata Natyam, la pentola dell’acqua del Karagam che trasporta la danza e la sottomissione della pentola dell’acqua decorata del Kumbam”, ha detto Franklin Caesar Thomas, coordinatore del National Council of Dalit Christians (NCDC) a Church Militant.

“Ecco perché i dalit cattolici vogliono avere il proprio rito indigeno privo di discriminazioni sotto il diretto controllo del papa, in modo che possano avere i propri vescovi e l’emancipazione spirituale e sociale”, ha sottolineato Thomas.

La liturgia di rito indù continua anche a dividere cattolici conservatori e liberali poiché tutti i suoi “riti liturgici, forme d’arte e architettura sono stati adattati dalla religione maggioritaria, che è l’induismo”, scrive Prabhu nel suo libro di 600 pagine.

L’approvazione del Vaticano è arrivata un mese dopo che 51 vescovi su 71 avevano approvato il nuovo rito, nonostante il 30% dei vescovi lo avesse rifiutato. La pagina della Commissione Liturgica della Conferenza dei Vescovi Cattolici dell’India (CCBI) sostiene: “Il rinnovamento liturgico lanciato dalla Conferenza e dal compianto padre Amalorpavadass deve essere raggiunto al popolo e al clero”.

Padre Amalorpavadass, teologo e fondatore dell’Anjali Ashram, è stato una figura chiave dietro la creazione e la promozione della Messa di rito indù. Prabhu ha affermato che una direttiva del CCBI del 2016 ha esortato che “la celebrazione dell’‘Ordine della Messa per l’India’ non deve essere continuato”, ma “non ci sono altre prove a sostegno della loro affermazione”.


Idolatria, profanazione eucaristica

Un’anafora indiana, gravida di teologia indù, fu approvata da un’assemblea dei vescovi cattolici a Madras nell’aprile 1972, ricevendo 60 voti su 80 vescovi presenti. Anche in questo caso, il 25% dei vescovi ha votato contro.

“I ‘12 punti’ sono stati senza dubbio una grave frode perpetrata contro i fedeli della Chiesa in India dalla Conferenza episcopale indiana (CBCI) e dal loro strumento insidiosamente malvagio, il Centro Nazionale, Biblico, Catechetico e Liturgico (NBCLC) di Bangalore”, sostiene Prabhu.

La Messa indù include spesso versi delle scritture indù come il mantra Om e il canto in sanscrito del mantra vedico Pavamana della Bṛhadāraṇyaka Upanishad così come il mantra Gayatri del Rig Veda.

I bhajan (cori indiani) sono cantati da una congregazione accovacciata sul pavimento con il celebrante che indossa uno scialle indiano e un’angavastram (stola). I bhajan sono cantati nelle lingue indiane e in sanscrito, quest’ultimo adottato direttamente dagli equivalenti indù.

Il Vaticano ha permesso l’uso di “aarti” – un rito liturgico indù in cui fiamme di canfora, fiori e bastoncini d’incenso vengono offerti alla divinità mediante una rotazione in senso orario mentre si trova davanti a un idolo.

Le cinque luci di canfora simboleggiano i cinque elementi di terra, aria, fuoco, acqua ed etere, che rappresentano la totalità del cosmo nella teologia indù. Il cerimoniale è anche usato per accogliere una personalità o un ospite importante, poiché nell’induismo monistico l’intera creazione è un unico principio di divinità.

“Qui abbiamo introdotto una cerimonia puramente indù”, scrive Victor JF Kulanday nel suo libro La chiesa cattolica paganizzata in India.

Il Vescovo di Belgaum Derek Fernandes ha provocato reazioni negative da parte dei cattolici e indù nel 2019, dopo aver celebrato la Santa Eucaristia con vesti color zafferano indossate dai sacerdoti indù davanti ad un tabernacolo, sotto forma di uno Shivalinga - il fallo del dio indù Shiva, ha riferito Church Militant.


Permeato dal paganesimo

Nel dicembre 2020, Francesco ha elogiato un rito zairese post-Vaticano II anche se la liturgia eucaristica africana incorpora l’usanza pagana dell’“invocazione degli antenati”.

“Il rito zairese suggerisce una via promettente anche per la possibile elaborazione di un rito amazzonico”, scrive Francesco nella prefazione a un nuovo libro intitolato Papa Francesco e il Messale Romano delle diocesi dello Zaire: un rito promettente per altre culture.

L’approvazione da parte di Francesco della messa dello Zaire arriva un anno dopo che il pontefice ha celebrato una messa speciale per i cattolici congolesi nella Basilica di San Pietro usando il rito zairese.

I liturgisti indicano elementi pagani nella Messa dello Zaire, in particolare il rito dell’“Invocazione degli Antenati del Cuore Retto” – insieme ai santi nei riti di apertura della Santa Messa – permettendo alla congregazione di invocare anche i loro antenati pagani.

“Possiamo assumere nella liturgia molti elementi propri dell’esperienza dei popoli indigeni nel loro contatto con la natura, e rispettare le forme di espressione autoctone nel canto, nella danza, nei riti, nei gesti e nei simboli”, ha scritto Francesco nella sua esortazione apostolica Querida Amazonia.

“Durante il Sinodo [amazzonico] c’è stata la proposta di sviluppare un ‘rito amazzonico’”, ha spiegato il Pontefice in una nota.

Church Militant ha contattato la NBCLC e la CBCI per un commento, ma non ha ricevuto risposta al momento della stampa.

2 commenti:

  1. sinceramente leggendo questo articolo mi sono fatto l'idea che per l'autore la cristianizzazione si possa fare solo trapiantando la religiosità occidentale in terra dove molti suoi elementi sono totalmente alieni
    per esempio lo scandalo del fatto che i cristiani zairesi invochino gli 'antenati con il cuore retto', perchè questo significa invocare anche dei pagani, senza provare un istante a capire quanto i giusti defunti siano importanti nella cultura africana, perchè considerati 'compagni di Dio' e collegamento con i 'tempi ancestrali del mito'. i giusti pagani poi attendevano anche loro l'annuncio del Vangelo

    RispondiElimina
  2. L'India è sincretica da sempre, non può attecchire se non in minima parte un culto cattolico che non tenga conto delle sue radici. Come fu fatto per Roma antica, per l'India si deve fare uguale e sarà così per l'Amazzonia. Alcune Terre hanno una tradizione inespugnabile. L'India è uno zoccolo duro. Il cristianesimo lì si incultura, poi con il tempo si vedrà come purificarlo ma non è una cosa di giorni o decenni. Sono luoghi con una cultura completamente diversa. Intanto si piantano i semi

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.