Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

sabato 5 giugno 2021

Sabato 19 giugno a Bergamo: conferenza «Difesero la fede, fermarono la Rivoluzione»

Dopo la lunga interruzione causata dall’epidemia, il Comitato Summorum Pontificum di Bergamo riprende le sue attività con una interessante conferenza organizzata in collaborazione con la Comunità Opzione Benedetto ed inizialmente programmata per maggio dello scorso anno.
Su indicazione degli organizzatori, suggeriamo a chi voglia partecipare di prenotare all’indirizzo info@summorumpontificumbergamo.it.

L.V.

Sabato 19 giugno 2021, ore 15:30
Bergamo (BG) - Aula Magna Santa Geltrude Comensoli (via Sant’Antonino, 8) (parcheggio interno)

DIFESERO LA FEDE, FERMARONO LA RIVOLUZIONE

Programma:
- introduzione dell’avv. Lorenzo Vitali, presidente del Comitato Summorum Pontificum di Bergamo;
- avv. Giovanni Formicola, Comunità Opzione Benedetto - LA CRISTIADA, MESSICO 1926-1929;
- don Santiago María Gassín Ordóñez S.D.B., docente dell’Università Pontificia Salesiana - LA CRUZADA, SPAGNA 1936-1939;
- avv. Giovanni Formicola, Comunità Opzione Benedetto - LA RESISTENZA CATTOLICA, ITALIA 1948-2021.

Prenotazione all’indirizzo info@summorumpontificumbergamo.it.


In occasione della conferenza, sarà presentato il libro Difesero la fede, fermarono il comunismo di Giovanni Formicola.

Con questo libro dedicato a due episodi cruciali del rapporto tra cattolicesimo e politica nell’era delle ideologie e dei totalitarismi, Formicola affronta le vicende connesse alla resistenza dei cattolici messicani contro il laicismo di radice massonica, e poi alla sanguinosa persecuzione dei cattolici spagnoli ad opera del Fronte popolare. Esse sono per lui essenzialmente due exempla, due reperti privilegiati presi dal recente passato in cui si può osservare quasi “in purezza” un epico confronto tra visioni del mondo, tra filosofie della storia: da un lato la tradizione politica cattolica, imperniata sulla stabilità sociale, sul principio di autorità, sullo sviluppo ordinato delle comunità; dall’altra la destabilizzazione portata alla civiltà euro-occidentale dalle forze sovversive, che egli individua in una catena che dalla Riforma protestante conduce all’illuminismo settecentesco, al socialismo e al comunismo, fino al progressismo radicale sviluppatosi dal Sessantotto al post-guerra fredda.
(dalla Prefazione di Eugenio Capozzi)


Giovanni Formicola (Napoli, 1957), sposato con cinque figli, è avvocato penalista. È stato socio fondatore di Alleanza Cattolica. Ha tenuto almeno duemila tra riunioni e seminari di formazione e circa cinquecento interventi pubblici. Collabora a vari giornali e riviste. Per Edizioni Cantagalli ha pubblicato Il Sessantotto (2018) e Difesero la fede, fermarono il comunismo (2019).

Don Santiago María Gassín Ordóñez S.D.B., sacerdote salesiano, è docente presso la facoltà di Lettere cristiane e classiche dell’Università Pontificia Salesiana di Roma.

1 commento:

  1. Difesero la fede in modo superbo affrontando il martirio.Fermarono la rivoluzione ?ni.Senza le truppe del generale Franco e gli aiuti di Italia e Germania credo che non ci sarebbe stata partita.E' vero che almeno la metà degli spagnoli era per la Chiesa ma anche i partiti di ispirazione cattolica che avevano tanti voti,in parlamento e sulle piazze erano inconsistenti.Eccetto la Navarra dove i cattolici si armarono immediatamente e cominciarono subito a combattere nelle altre regioni i rossi erano molto più agguerriti ed armati.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.