Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 4 luglio 2021

Müller: libertà di Fede minacciata da Europa, Biden, stati islamici e atei.

Una bella intervista, pubblicata da Stilum Curiae, al card. Gerhard Müller.
Luigi



25 Giugno 2021,Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, il card. Gerhard Müller ha concesso a Lothar Rilinger di Kath.net un’importante intervista su un tema che ci riguarda molto da vicino: e cioè il pericolo che corre la libertà di pensiero, di opinione e con essa la libertà religiosa, in particolare quella dei cristiani, attaccata non solo da fondamentalisti religiosi, ma anche dalle leggi dettate dal “politically correct”, come il liberticida DDL Zan. Ve la offriamo nella nostra traduzione. Buona lettura.


Nessun essere umano può “decidere della vita e della libertà di coscienza e di fede degli altri”

Il cardinale Müller: “Attualmente la libertà di fede dei cristiani … è minacciata da aggressive agende di scristianizzazione nelle istituzioni dell’UE, nell’amministrazione Biden, negli stati islamici e atei”. kath.net intervista di Lothar C. Rilinger.

Vaticano (kath.net) La base di uno stato costituzionale democratico è la concessione dei diritti fondamentali e umani. L’uso di questi diritti trova il suo limite nei diritti fondamentali e umani di terze persone. Il limite è fissato dalla legge o dalle decisioni della corte costituzionale nazionale e – così in Europa – dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Sia la legislazione che le decisioni delle corti costituzionali sono soggette al discorso sociale, per cui i confini possono cambiare. Ciò che è insolito, tuttavia, sono gli sviluppi noti come cultura della cancellazione e correttezza politica, che cercano di stabilire questi confini al di là del processo legislativo o delle decisioni giudiziarie. Un’élite ideologica dètta ciò che deve essere considerato buono e ciò che deve essere considerato cattivo davanti al tribunale autoproclamato dell’ideologia. Ne vogliamo parlare con il dogmatico e storico del dogma ed ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede Gerhard Ludwig Cardinale Müller.


Lothar C. Rilinger: Il diritto alla libertà di espressione è considerato un diritto umano. Potete immaginare che questo diritto umano costituisca la base inalienabile di uno stato costituzionale democraticamente costituito?

Cardinale Gerhard Ludwig Müller: Ciò che lo Stato è e ciò che può fare nei confronti dei suoi cittadini è controverso. Dopo le esperienze negative con l’invasione di uno stato totalitario, la Costituzione della Repubblica Federale di Germania parte dall’inviolabilità della dignità umana, che è la base e il limite dell’esercizio di ogni potere statale. A causa delle differenze filosofiche e religiose nella concezione dell’uomo, però, non c’è una concezione dei diritti fondamentali che ne derivano che sia condivisa da tutti. Ciò che noi consideriamo non negoziabile dalla tradizione del diritto naturale e del cristianesimo è disprezzato in alcuni stati islamici o nella Cina del Partito Comunista come un’importazione culturale dall'”Occidente”.
Penso, tuttavia, che non c’è modo di aggirare la verità della ragione: Lo Stato esiste per il popolo e non il popolo per lo Stato. Il cittadino non è la proprietà di chi è al potere, ma il popolo è il sovrano a cui il governo deve rendere conto. Nessun uomo ha il diritto di decidere sulla vita, l’integrità corporea e la libertà di coscienza e di credo di un altro. Né si deve parlare di una limitazione dei diritti fondamentali.
Dal momento che ci vengono per natura o, secondo noi, sono concessi dal nostro Dio e Creatore, non possono essere abrogati o limitati. Solo il loro abuso o uso a danno di altri può essere sanzionato. In caso di guerre, catastrofi o pandemie, le misure necessarie devono essere prese dall’autorità legittima nell’interesse del bene comune. Ma la crisi del Corona non deve essere l’occasione gradita per minare la democrazia e la libertà della società civile in favore del paternalismo di un’élite autoproclamata che vuole insegnare alla grande massa del popolo cosa è bene per lui. Lo Stato non è come un – cattivo – insegnante che tratta o maltratta i suoi cittadini come “stupidi scolari”.


Rilinger: Lo Stato deve concedere ai suoi cittadini il diritto umano alla libertà di opinione non solo per ragioni legali, ma anche per permettere loro di sviluppare la loro personalità?

Cardinale Müller: Uno Stato strutturato secondo i principi di una democrazia parlamentare non ha il diritto di concedere nulla a persone libere. Concedere e ritirare viene dal dizionario delle dittature educative autocratiche. Gli opinionisti, in nome della loro ragione superiore, si considerano autorizzati e persino moralmente obbligati a esercitare un controllo assoluto sulle menti e sulle coscienze dei loro oggetti di cura. In uno Stato costituzionale – distinto da uno Stato unitario ideologico – spetta ai suoi tre poteri separati proteggere e garantire l’esercizio dei diritti naturali dei cittadini. Né abbiamo bisogno di politici, giudici o dei loro portavoce nei media statali che, come bambini minorenni, a volte ci trattano duramente, a volte ci lasciano correre al guinzaglio. Si vorrebbe augurare a certi propagandisti della felicità umana prima una “laurea” nei loro studi o una più lunga esperienza professionale, prima di pensare a sempre nuovi divieti o a tasse più alte e fornire falsifità del linguaggio di genere come le loro “saggezze” superiori.



Rilinger: Il diritto alla libertà di opinione deve essere concesso senza alcuna restrizione?

Cardinale Müller: L’opinione è una costruzione intellettuale che avviene nella nostra testa. L’epistemologia filosofica, da Aristotele a Kant e alla linguistica moderna, ha lottato con la questione dell’origine e dei criteri del pensiero. Ed ecco che arrivano i politici, che non sanno nemmeno dichiarare correttamente i loro redditi secondari, e vogliono limitare e limitare la libertà della mente. Bisogna essere limitati se non si sa che i pensieri sono intrinsecamente liberi. Se esterniamo le nostre opinioni in parole e azioni dipende dalla nostra libertà. La legislazione e la giurisprudenza, nei limiti del potere statale, hanno il compito di giudicare se un’offesa o addirittura un crimine è stato commesso contro un terzo o il bene comune. Devo sopportare un’altra opinione, filosofia, religione, così come gli altri devono sopportare le mie convinzioni metafisiche e morali di base, senza arrogarsi il diritto di terrorizzarmi perché si sentono offesi da esse. In alcuni stati c’è il diritto di fare causa se mi sento offeso dall’opinione di un altro e mi sento insultato solo perché non ho argomenti contro. Questa, però, è dittatura dell’opinione, anche se si veste di diritto formale. È assurdo che oggi si debbano difendere di nuovo contro i limiti del potere statale le opinioni pubblicate e, in Europa, la libertà religiosa. Secondo la testimonianza di padre Alfred Delp SJ, il combattente della resistenza del “Circolo di Kreisau”, Helmut James Graf von Moltke (1907-1945), fu condannato a morte dal Tribunale del Popolo tramite Roland Freisler a causa di “Rechristianisierungsabsichten” (intenzioni di ri-cristianizzazione) contro lo stato unificato (vedi Alfred Delp, Mit gefesselten Händen, Frankfurt a. M. 2007, 226).
In una società civile pluralista e in uno stato democratico, io come cristiano devo sopportare il fatto che un non cristiano non condivida la mia fede nella Trinità di Dio o addirittura la consideri logicamente contraddittoria. Ha anche il diritto di dirmi la sua opinione se gliela chiedo. Ma si rende moralmente o addirittura legalmente punibile se mi chiama personalmente pazzo per questo e vuole proibirmi di insegnare ai bambini cristiani una fede che considera contraddittoria.
Dopo tutto, la libertà di parola ha due lati, la coscienza della verità e la tolleranza dei terzi. Attualmente, attraverso l’aggressiva agenda di scristianizzazione nelle istituzioni dell’UE, nell’amministrazione Biden, negli stati islamici e atei, la libertà di credo e di culto dei cristiani è inconfutabilmente minacciata in modi sottili o brutali.
È contrario all’etica naturale, così come all’ethos cristiano, insultare una persona omosessuale come persona per questo motivo. Ma è anche un crimine dello Stato rendere la proclamazione della verità biblica della peccaminosità degli atti sessuali extraconiugali, specialmente tra persone dello stesso sesso, punibile con multe o pene detentive, come è dichiarato “lecito dallo Stato” dalle cosiddette leggi anti-discriminazione. Quando le leggi statali minano i diritti fondamentali naturali, non si può più parlare di democrazia in senso classico.


Rilinger: Anche se lo stato è autorizzato a porre limiti alla libertà di opinione, dove devono trovare la loro giustificazione questi limiti?

Cardinale Müller: Come ho detto, la libertà di fede, di coscienza e di opinione non ha limiti, perché è metafisicamente fondata nella natura dello spirito umano. Per “opinioni” qui non intendiamo i gusti, sui quali è inutile discutere. Si tratta di un’opinione fondamentale sul significato dell’esistenza e sull’origine delle nostre azioni morali, che si fondano nella filosofia e nella religione – indipendentemente dalla forma che gli individui seguono. Ma anche nella vita quotidiana, non si può dire che il rosso del semaforo sia una restrizione della libertà di movimento. Certamente, il simbolismo dei tre colori del semaforo è positivamente stabilito dall’autorità legittima. Ma l’obbedienza civica si osserva abbastanza facilmente qui, perché la mia ragione morale mi proibisce di comportarmi in un modo che mette in pericolo gli altri, oltre che me stesso. La mia libertà di movimento serve allo scopo costruttivo di muovermi verso, diciamo, la mia famiglia, la chiesa, il posto di lavoro o il meritato luogo di vacanza. Ma non mi muovo per urtare gli altri, per ferirli o per contestare il loro spazio legittimo. Tutti i nostri diritti fondamentali sono collegati alla considerazione per gli altri. L’uomo è una persona, ma anche un essere comunitario. Il mio diritto all’autoconservazione e all’auto-realizzazione è interiormente connesso al rispetto per la vita degli altri e, in termini cristiani, all’amore per il prossimo. Il vicino non è il concorrente, ma anche l’amico. Così anche un po’ di umorismo ed empatia entrano nelle lotte accanite per il mio diritto contro il tuo diritto e i nostri politici resistano un po’ alla loro voglia di regolamentare e patrocinare.


Rilinger: Lo stato deve anche accettare quelle espressioni del diritto alla libertà di opinione che feriscono, scioccano o preoccupano lo stato o una parte della popolazione?

Cardinale Müller: Come ho detto, i crimini contro un’altra persona e contro l’intera comunità meritano un ostracismo morale e una punizione legale. Sulle parole è già più difficile decidere. Se si tratta di inviti ad atti criminali, la questione è chiara. O se i crimini più gravi, come Auschwitz, lo sterminio degli armeni, Katyn, o i genocidi, tra gli altri, sono sfacciatamente negati, bisogna anche intraprendere un’azione penale. Tuttavia, bisogna essere cauti nelle valutazioni di eventi che hanno avuto luogo molto tempo fa. Chi può perseguire moralmente o anche penalmente qualcuno che descrive in modo positivo o critico la sanguinosa conquista della Gallia da parte di Cesare? Contro qualcuno che difende o minimizza i campi di concentramento staliniani, non si dovrebbe chiamare il pubblico ministero, ma lo storico, e gli si dovrebbe ricordare che c’è una giustizia ultima con Dio, alla quale non si può sfuggire nemmeno con le bugie della propaganda.


Rilinger: Lei considera il diritto di esprimere la propria opinione come il contenuto centrale di un dibattito intellettuale?

Cardinale Müller: Spirito e libertà non possono essere separati. Non posso immaginare che la polizia e il pubblico ministero siano i pilastri della discussione accademica. Questa è pura decadenza, quando i professori sono invitati e poi buttati fuori dalla misura intellettuale degli attivisti di genere, dei fanatici di Black Lives Matter e dei fanatici LGBT. Dopo tutto, Socrate è stato condannato a morte da mediocri politici di potere, e Aristotele ha evitato la democrazia, che era degenerata in un governo della folla, “per non dare agli ateniesi una seconda opportunità di peccare contro la filosofia”.


Rilinger: Lo Stato può determinare i limiti della libertà di parola. Potete immaginare un’élite ideologica che determina ciò che può essere considerato politicamente corretto, e quindi applicato, senza che questi standard siano codificati nella legge o stabiliti da decisioni giudiziarie?

Cardinale Müller: Questo è un tentativo su larga scala. I supermiliardari americani, i grandi giganti della tecnologia e l’industria farmaceutica, attraverso le loro fondazioni e le opportunità del Grande Reset dopo la crisi del Coronavirus, stanno cercando di imporre al mondo intero la loro povera concezione dell’umanità e la loro visione del mondo economicamente limitata in relazione al modello Partito Comunista-Cinese. È così bello appartenere a una comunità dove tutti sono uguali, pensano lo stesso, sentono lo stesso, e sono omogenei nell’indignazione vero i dissidenti e sono pieni di ammirazione per gli eroi coraggiosi nel senso dei potenti.


Rilinger: Pensa che sia giustificato epurare le opere della letteratura mondiale nel contesto del fenomeno della cancellazione della cultura, se un’élite ideologica pensa che certi passaggi non corrispondano al politicamente corretto?

Cardinale Müller: Questa è semplicemente barbarie, vandalismo intellettuale, l’imitazione dei regimi totalitari del XX secolo nello stile degli incubi di Orwell. Si dovrebbe piuttosto parlare di “annullare l’avvoltoio”, la cultura dell’avvoltoio, o di “senza rispetto politico”. La cultura della cancellazione è solo un’altra parola per il lavaggio del cervello che i comunisti in Cina e in Unione Sovietica hanno sviluppato alla massima perfezione. Come sono finiti quelli che hanno gettato nel fuoco i libri di scrittori famosi a causa di passaggi “poco tedeschi”? Invece della pulizia del pensiero, queste persone violente dovrebbero iniziare a pensare da sole per una volta e non sottovalutare le facoltà critiche degli altri. Non ho bisogno di Fouché, Goebbels e Lenin per leggere opere della letteratura mondiale senza pericolo per la mia igiene mentale.


Rilinger: Come emerito dogmatico e storico del dogma, nonché professore onorario dell’Università di Monaco, ritiene giustificabile che criteri come la correttezza politica o l’uso di un linguaggio di genere non ufficiale vengano utilizzati per giudicare il valore delle opere scientifiche?

Cardinale Müller: Il linguaggio del genere non è un criterio scientifico, ma uno strumento di dominazione da parte di mediocri, di leader intellettualmente inferiori e autoritari con una mentalità da guardiano dell quartiere. La stragrande maggioranza dei tedeschi rifiuta categoricamente l’uso improprio della loro lingua per terrorizzare mentalmente la gente.


Rilinger: Vede il pericolo che attraverso la restrizione ideologica della libertà d’opinione il rapporto delle persone tra di loro, così come la libertà della scienza, sarà compromesso e la discussione intellettuale ne soffrirà?

Cardinale Müller: È l’eterno dibattito tra lo spirito di libertà e la grettezza del potere, tra l’individualità e la chiusura forzata.


Rilinger: Grazie mille, Eminenza.