Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

sabato 12 giugno 2021

La risposta di un sacerdote al gesuita padre James Martin che invita a sostenere il gay pride

Ottima risposta al gesuita pro sodomia padre James Martin.
Luigi


Blog di Sabino Paciolla, Giugno 8 2021

Il gesuita padre James Martin, in un video postato su Instagram ha inviato a sostenere il mese dell’orgoglio gay. Un sacerdote domenicano ha osservato che “affermazioni come quelle di P. James Martin causano confusione” e “una sorta di falsa misericordia che cerca di approvare la pratica del peccato in modo che il peccatore non si senta rifiutato”.

Un articolo di Walter Sanchez Silva, pubblicato sul Catholic News Agency, che vi propongo nella mia traduzione.

Padre Nelson Medina, un sacerdote domenicano della Colombia, ha risposto al video Instagram del 2 giugno postato da Padre James Martin (gesuita, ndr) in cui sostiene che un cattolico può celebrare il mese dell’orgoglio gay in giugno.

Questa non è la prima volta che P. Medina ha risposto alle dichiarazioni di P. Martin, che in altre occasioni ha anche espresso posizioni contrarie alla morale cattolica.

Mercoledì, P. Martin ha postato un video che giustifica i cattolici che celebrano il mese dell’orgoglio gay a giugno, lo stesso mese che la Chiesa dedica al Sacro Cuore di Gesù.

Nel video, il gesuita considera due definizioni della parola orgoglio. La prima è “il piacere delle proprie realizzazioni che può trasformarsi in vanità, che è un male”, e la seconda è basata sulla “consapevolezza della propria dignità, che è più vicina a ciò che è il mese dell’orgoglio: una celebrazione della dignità umana di un gruppo di persone che per così tanto tempo sono state trattate come spazzatura”.

Per il gesuita americano, “forse il modo migliore per capire l’orgoglio è immaginare cosa diresti a un giovane che finalmente ha trovato il coraggio di dirti che è LGBTQ. Tu sai che Dio li ha creati, che Dio li ama e sai che Dio vuole che tu accetti quello che sono. “

“Quindi probabilmente diresti ‘Sono molto orgoglioso di te’ per essere stato in grado di dirlo. Questo è il tipo di orgoglio che celebriamo. Quindi, felice orgoglio!”. ha concluso P. Martin.

Giovedì, P. Medina ha detto ad ACI Prensa, partner di notizie in lingua spagnola della CNA, che “affermazioni come quelle di P. James Martin causano confusione”, che hanno preso piede in molti cattolici, e “una sorta di falsa misericordia che cerca di approvare la pratica del peccato in modo che il peccatore non si senta rifiutato”.

“In questo senso, qualsiasi invito a celebrare la giornata dell’orgoglio (es. gay pride, ndr), le marce o il mese dell’orgoglio è escluso per noi cattolici, perché tutte queste cose fanno parte dello sforzo di rimuovere lo stato di peccato dalla pratica delle tendenze omosessuali o di altre tendenze simili o correlate. Non è giusto per noi fare questo, ha detto il frate domenicano.

“Né dobbiamo cercare di umiliare, sminuire o distruggere le persone che hanno queste tendenze, anche se le praticano”, ha sottolineato il sacerdote colombiano.

Medina ha spiegato che “quello che dovremmo fare, per rispetto, è avere l’atteggiamento di presenza, accompagnamento, sincerità, preghiera e invocazione insieme a loro, per la grazia di cui tutti abbiamo bisogno per essere e vivere come veri figli di Dio”.

Per quanto riguarda le conseguenze pastorali delle affermazioni di P. Martin, P. Medina ha detto che “sono in realtà il contrario di quello che lui presenta. Perché se ciò che si vuole offrire è l’amore, l’amore è trasformante e Cristo ce lo mostra nel modo in cui lo ha praticato. Non lascia nella stessa condizione coloro che trova nel peccato, ma li chiama ad una trasformazione, li chiama ad un cambiamento. Tende la mano e dà loro la grazia di cambiare”.

“Quindi queste affermazioni, come molte altre di P. James Martin, sono molto spiacevoli, stabiliscono un punto di vista sbagliato, e come pratica pastorale distraggono dal vero lavoro e dalla vera enfasi della nostra fede cristiana che è sempre quella di predicare e presentare pienamente il messaggio di Gesù Cristo”, ha spiegato il sacerdote colombiano.

Medina ha anche detto che per comprendere meglio le dichiarazioni di P. Martin è necessario capire che “la teologia morale cattolica ci insegna che ci sono tre modi tipici di reagire al peccato”.

Il primo modo è “la disperazione. La persona considera che ciò che sta facendo è male ma non vede una via d’uscita e sprofonda nel senso di colpa, nella tristezza e nell’autodistruzione. Questo non è il vero modo cristiano”.

Il secondo modo di reagire è il “cinismo”. La persona “riconosce l’azione ma nega che sia sbagliata o addirittura perversa. Quando si prende questa strada, la persona trasforma il suo peccato in una fonte di orgoglio. Questa è la reazione psicologica necessaria per chiudere completamente la porta alla tristezza e al riconoscimento di aver fatto qualcosa di sbagliato”.

“La terza via, quella propriamente cristiana, a differenza del cinismo, è la conversione. Con la conversione riconosciamo che c’è il peccato nel mondo e in noi, così come la nostra propria debolezza nell’uscire dalla pratica del peccato e allora prendiamo la via della conversione”, ha detto il sacerdote colombiano.

Tutto questo, ha sottolineato P. Medina, “ci fa vedere dove sta il vero atteggiamento cattolico. Non è un atteggiamento di accusare semplicemente il peccatore per abbatterlo e distruggerlo, ma non è nemmeno un atteggiamento di applaudire e approvare il peccato”.

“Il nostro atteggiamento, sempre per rispetto e comprensione della debolezza umana, è quello di chiedere la conversione attraverso l’azione della grazia divina e la nostra umiltà e sincerità come hanno fatto nostro Signore Gesù Cristo e gli Apostoli”.

Il frate domenicano ha anche detto ad ACI Prensa che “è importante tenere presente che la diversità in sé non è necessariamente una cosa buona”.

Il sacerdote colombiano ha spiegato che due esempi di buona diversità sono nella diversità della creazione di Dio, raccontata nella Bibbia, e la diversità dei doni dello Spirito Santo che “riflettono il modo in cui Dio rinnova la creazione che è stata sottoposta al peccato”. .

Tuttavia, ha detto il frate, “c’è invece una diversità che non è giusta. Così, per esempio, nel primo capitolo della Lettera ai Romani ci viene detto di tutte le pratiche in cui il mondo pagano è caduto. Questo include forme di violenza, di abuso e di perversione; e quella diversità indicata e denunciata dall’apostolo San Paolo, non è naturalmente positiva.”

“Quindi prendere la posizione secondo la quale un cattolico dovrebbe celebrare la diversità è cadere in un errore molto grave” che “può persino fare guerra al Vangelo”, ha avvertito il sacerdote colombiano.

“Noi celebriamo la diversità all’interno del bene della creazione, della redenzione e della santificazione. Queste diversità vanno celebrate perché parlano, come insegna San Tommaso, della molteplicità delle opere divine e ci dicono qualcosa della ricchezza interiore di Dio stesso”, ha concluso il sacerdote domenicano.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna che gli omosessuali “devono essere accettati con rispetto, compassione e sensibilità. Ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti deve essere evitato”.

L’omosessualità come tendenza è “oggettivamente disordinata” e “questa inclinazione costituisce per la maggior parte di loro una prova”.

La tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati” e “non procedono da un’autentica complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati”.

“Le persone omosessuali sono chiamate alla castità” e attraverso “il sostegno dell’amicizia disinteressata, la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono avvicinarsi gradualmente e risolutamente alla perfezione cristiana”.