Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 30 giugno 2021

La Messa Tradizionale nell'arte #1 - A. Orsini, XVII sec. Tolentino (MC) #artesacra, #MTLnellarte

Cari lettori, 
dopo le nostre rubriche "Orrori architettonici" (lunedì ore 15.30) e "Summorum Pontificum nel mondo" (martedì ore 15.30), inauguriamo una nuova rubrica periodica: "La Messa Tradizionale nell'arte".  Ogni mercoledì alle 15.30 uscirà un post con una foto di un'opera d'arte raffigurante una scena della S. Messa tradizionale).    
Speriamo di fare cosa gradita, ritenendola molto istruttiva. 
In molte immagini antiche infatti si noterà come molti dettagli e molti gesti caratteristici del sacerdote o dei ministri (sia in sacris sia non) risalgono addiruttura al Medio Evo, legittimando in questa maniera la cara espressione (tanto avversata da vari ambienti, progressiste e tradi) di "Messa di sempre".  
Sono ben accette segnalazioni e suggerimenti da parte di voi lettori. 
Roberto


Quest'opera si intitola "La visione di San Nicola". Il dipinto rappresenta la visione miracolosa che San Nicola ebbe del Bambino Gesù nell'Ostia consacrata. La scena si svolge su un altare laterale all'interno della chiesa, mentre il sacerdote stava eseguendo l'elevazione maggiore durante la Santa Messa, a quel punto il Bambino Gesù appare tra raggi di luce. 

"Rubriche e prassi della Messa di sempre": 
Si noti la stola incrociata (per il sacerdote) sotto alla pianeta; il chierico che solleva il lembo della pianeta, retaggio di quando le pianete e le casule medioevali erano di stoffa pesante, abbellite con pietre preziose. Si noti il camice senza pizzo (come rimase fino al XIX secolo); il cingolo con le estremità  corte, strette in vita.  

Si tratta di un affresco rinvenuto nel chiostro del convento agostiniano di Tolentino, a Macerata (Italia). I dipinti nel chiostro di Tolentino sono, per la parte decorativa, opera del bolognese Agostino Orsini e per la parte figurativa, del senese Giovanni Anastasi, e sono un tributo di riconoscimento e onore al santo di varie città delle Marche e di famiglie nobili. L'organizzazione spaziale della composizione è chiaramente ispirata alla grande pittura monumentale del Seicento. @Catholicus
Per vedere le altre immagini, cercate nell'elenco a sinistra, l'etichetta: "MTL nell'arte" 

(Sono senz'altro ben accette segnalazioni e suggerimenti, da parte dei lettori, di altre opere d'arte raffigurati scene della Messa Tradizinale in Latino o di altri sacramenti o sacramentali in rito tradizionale. Grazie sin da ora). 
Roberto

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.