Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 16 maggio 2021

Suor Deirdre Byrne: i sostenitori della vita devono essere “pronti alla battaglia”

Un'interessante traduzione da NCR.
Luigi

 4 maggio 2021, Il  Timone 

I cattolici devono essere “pronti alla battaglia” per difendere la famiglia e la loro fede, ha detto suor Deirdre Byrne in una conferenza internazionale per la vita tenutasi il 30 aprile negli Stati Uniti. Sorella Byrne, un membro delle piccole Lavoratrici dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, è un chirurgo e un colonnello in pensione dell’esercito degli Stati Uniti. Serve come superiora della sua comunità e lavora in una clinica medica a Washington, DC. «Dobbiamo essere preparati, pronti per la battaglia» come «soldati per Cristo in questo periodo buio, dove ogni giorno le cose che sono contro la famiglia e la fede sembrano aumentare», ha detto alla 50° conferenza annuale del gruppo pro-vita Heartbeat International; la conferenza è stata trasmessa in streaming online per i partecipanti.

Heartbeat International è un’associazione di centri di risorse per la gravidanza pro-vita, cliniche mediche, case di maternità e agenzie di adozione senza scopo di lucro. La conferenza annuale offre formazione per il personale, i membri del consiglio e i volontari presso le cliniche per la gravidanza e altri ministeri pro-vita, insieme all’assistenza sanitaria e agli assistenti sociali. Sorella Byrne ha parlato apertamente delle sue convinzioni politiche, intervenendo alla Convenzione Nazionale Repubblicana dell’agosto 2020 a sostegno del presidente Trump sulla questione della vita. Venerdì, invece, ha spiegato che la “battaglia” che devono affrontare i cattolici non è di parte.

«Questa battaglia che affrontiamo non è una battaglia tra repubblicani e democratici, non è tra conservatori o liberali, o sinistra contro destra», ha detto la sorella Byrne. «Questa è una battaglia tra il diavolo, che è reale, e Nostro Signore». Suor Byrne ha detto che i cattolici devono «combattere con amore» e continuare a pregare per i funzionari eletti. «Dobbiamo pregare per il presidente, dobbiamo pregare per la portavoce Nancy Pelosi, dobbiamo pregare per tutte queste persone, questi politici che vogliono fare la pillola abortiva da banco, così come se fosse gomma da masticare». L’amministrazione Biden ha recentemente sospeso i regolamenti della pillola abortiva durante la pandemia, consentendo che fosse prescritta e dispensata a distanza invece che in una clinica sanitaria come precedentemente richiesto.

«Dobbiamo pregare per queste persone perché la loro anima è in uno stato mortale», ha aggiunto parlando dei funzionari eletti che sono a favore dell’aborto. Parte del lavoro della sorella Byrne presso la clinica medica del suo ordine a Washington, DC, prevede il tentativo di invertire gli effetti della pillola abortiva. Un aborto chimico è un processo in due fasi; la prima pillola interrompe l’apporto di sostanze nutritive al nascituro e la seconda fa sì che l’utero espella il bambino deceduto. Dopo l’assunzione della prima pillola, può verificarsi «inversione della pillola abortiva» con diversi gradi di successo. Sorella Byrne ha detto venerdì che il suo lavoro sull’inversione della pillola abortiva è stata «un’incredibile benedizione» e che circa il 60% delle donne che cercano di invertire gli effetti del primo farmaco sono in grado poi di continuare la gravidanza.

Durante la sua carriera nell’esercito e come missionaria, la sorella Byrne ha spiegato di aver avuto una vasta esperienza con ferite e morti a seguito di conflitti e disastri naturali. Ha descritto come «orribile vedere la disumanità dell’uomo nei confronti dell’uomo» in contesti di conflitto. L’aborto, tuttavia, è «la più grande” disumanità», ha detto. «È davvero brutto perché le persone non ci pensano nemmeno più, è diventata una cosa naturale». I cattolici saranno costretti a prendere posizione e «prendere posizione» nella battaglia figurativa, ha detto. «Sappiamo che Dio è al comando e che è molto più grande del diavolo», ha detto la sorella Byrne. «È Lui che migliorerà le cose. E quindi dobbiamo essere lì, guerrieri della preghiera, ed essere pronti per la battaglia». (Fonte)

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.