Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 18 maggio 2021

«L’angelica milizia. Gli angeli nel panorama attuale della Chiesa e del mondo», di Plinio Corrêa de Oliveira, venerdì 21 maggio ore 18

Riceviamo e pubblichiamo, unitamente alla newsletter settimanale della TFP italiana.
Luigi


“Credo che l'ora di parlare sugli angeli sia arrivata. Più la situazione contemporanea diventa insolubile, misteriosa e terribile, più sono convinto che la soluzione sia un’apertura all'universo angelico”.

Così esordisce il noto pensatore e uomo d'azione brasiliano in questo volume che ora viene alla luce, pubblicato dalla Cantagalli. Una profonda disamina del mondo angelico, alla luce dei grandi teologi del passato, in primis San Tommaso d’Aquino, ma che è anche, e forse soprattutto, una visione dell’azione nel momento attuale, tesa verso il futuro. Siamo perciò lieti di invitarvi al convegno online «L’angelica milizia» che si terrà Venerdì 21 maggio, alle ore 18:00. Interverranno Mons. Athanasius Schneider, don Marcello Stanzione e Julio Loredo (locandina allegata).

Quo Vadis, Europa? – Samuele Maniscalco

Sul futuro che ci attende le ipotesi attualmente in campo si riducono a due: 1) la realizzazione di una governance globale per meglio gestire crisi sempre più globali 2) il rafforzamento della sovranità degli Stati per fronteggiare la marea della globalizzazione colpevole dell'attuale pandemia. Quali delle due strade verrà imboccata, una cosa è certa: l'Europa sta diventando sempre più debole e incapace di reagire alle sfide del momento. Un’intera Civiltà potrebbe cadere nel caos. Urge un élite all'altezza del compito.


Nel 1991, il mondo occidentale era euforico per la presunta “morte” del comunismo. Molti pensavano che si stesse entrando in una nuova era di pace e progresso. A pochi importava che le idee comuniste continuassero a diffondersi. Oggi, nel 2021, ci troviamo invece in una guerra per la sopravvivenza stessa della Chiesa e della civiltà. Il comunismo, il marxismo e il socialismo sono tornati e si danno da fare per conquistare l'America. L'esito di questa grande battaglia deciderà il destino del mondo per i secoli a venire.


La guerra empia condotta dai “talebani” della sinistra non si basa semplicemente su questo o quell’errore, ma sull’errore più radicale possibile: la negazione dell’evidenza. Inoltre, i liberali intraprendono una guerra implacabile contro le istituzioni, i monumenti e le tradizioni rappresentative della nostra civiltà cristiana occidentale. Peggio ancora, cercano di sostituirle con una caotica anti-civiltà. La potrebbero chiamare civiltà del politicamente corretto. Noi preferiamo chiamarla Civiltà della Menzogna.


Poche istituzioni oggi ispirano più disprezzo tra gli americani timorati di Dio come Hollywood. Solo il nome “Hollywood” evoca immagini di celebrità degenerate. Molto più sottile di questa immoralità sessuale e, in definitiva, più dannosa, è però la diffusione di una mentalità rivoluzionaria che contraddice la Fede Cattolica negando gli effetti del Peccato Originale di Adamo e considerando che lo scopo della vita sulla Terra è la ricerca della felicità fisica e materiale. Pertanto, il peggiore dei mali è la sofferenza in qualsiasi forma e in qualsiasi grado. Secondo questa mentalità, la sofferenza va sradicata con la rapidità ed efficienza che la medicina, la scienza e la tecnologia permettano.


Un gruppo di fedeli portoghesi, che fa capo al sito internet di informazione cattolica Dies Irae, preoccupati dall’andamento dell’attuale cammino sinodale tedesco ha pubblicato oggi un appello in merito alla situazione della Chiesa in Germania. Primi firmatari il Card. Zen e Mons. Athanasius Schneider.


Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.