Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 9 maggio 2021

La neo-Mariologia secondo un Parroco della Diocesi di Bergamo

Da una parrocchia della Diocesi di Bergamo giunge un esempio dei perversi effetti ideologici della nuova invocazione «Solacium migrantium» nelle litanie Lauretane.
Quando in Seminario si stava insegnando Mariologia ed Iconografia sacra, il molto reverendo Parroco (di cui preferiamo tacere il nome) era probabilmente impegnato in una riunione del collettivo agit-prop.

P.S.: per la precisione, la fotografia REUTERS / Damir Sagolj è stata scattata il 30 marzo 1999 (quindi nel XX secolo…) nella regione montuosa vicino al valico di frontiera di Blace (Macedonia).

L.V.


Madonna con Bambino
(opera del XXI secolo, autore… conosciuto) dal web… Nel giorno della festa della mamma un ricordo a tutte la [sic!] mamme che lottano per la vita, per un futuro migliore per il loro figli e per il mondo intero 🌹🌹🌹

4 commenti:

  1. Un'attualizzazione davvero commovente. Anche Maria, Giuseppe e Gesù furono profughi in Egitto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si dice stravolgere la storia...

      Elimina
  2. Non Metuens Verbum10 maggio 2021 16:52

    Questa volta non sono d'accordo, il vostro commento mi sa di gratuitamente acido. Esiste anche la parola "madonna", e non è necessariamente blasfemia, anzi è termine di onore. Di una mamma che nella sofferenza lotta per il suo bambino, credete forse che la Madonna per antonomasia sia gelosa ?

    RispondiElimina
  3. Siete proprio dei bravi cristiani, complimenti. È bello che le vostre messe in latino arricchiscano così tanto il vostro cuore.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione