Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 30 dicembre 2020

Rito di Salisbury (rito di Sarum): alla scoperta di un antico rito inglese medioevale che influenzò molti riti romani europei

Proponiamo in una nostra traduzione un interessante articolo del nostro amico Gregory Di Pippo dell’ottimo sito di NLM (22.12.2020) sul poco conosciuto ma antichissimo rito di Sarum ovvero rito di Salisbury (Sarum in latino) che è una antichissima variante del rito romano che fu in uso in Gran Bretagna dal 1078 al XVII secolo. 
Esso permane anche nella liturgia anglicana del Book of Common Prayer che trae origine da questo rito. 
Per comprendere meglio il post, diamo qualche nota storica su questo particolare rito
cfr. Wikipedia).  
Nel 1078, Guglielmo I d'Inghilterra nominò Osmundo vescovo di Salisbury. Egli apportò alcune modifiche alle liturgie anglo-sassoni e celte, adattandole al rito romano (o meglio alla sua variante “di Rouen”, Normandia, da cui proveniva il duca Guglielmo) ispirandosi nel contempo alle tradizioni locali.
L'opera di Osmundo trovò compimento nella compilazione d'un nuovo messale, di un breviario e di altri libri liturgici, che furono in seguito utilizzati nel sud dell'Inghilterra, in Gallia e in Irlanda. Qualche vescovo adottò gli stessi messali, mentre altri vi aggiunsero preghiere proprie. 
Il rito di Sarum influenzò altri riti latini: il rito di Braga in Portogallo e il rito di Nidaros in Norvegia e anche alcuni ordini religiosi, come i domenicani.
Il rito di Sarum fu adottato dalla Comunione anglicana negli anni 1530, ma fu gradualmente modificato in diverse edizioni successive del Book of Common Prayer in cui è palese l'influenza protestante. Fu reintrodotto per breve tempo dalla regina Maria. Fu utilizzato dai cattolici d'Inghilterra fino al XVII secolo, prima d'essere gradualmente sostituito dal rito romano.
Nel XIX secolo e XX secolo fu utilizzato dal movimento di Oxford, una corrente della Comunione anglicana di tendenza filo-cattoliche. In alcune occasioni è stata adottata anche dai cattolici, fra cui ai nostri giorni l'arcivescovo di Glasgow Mario Joseph Conti.
Paticolaritaà: il rito di Sarum é utilizzato anche dai fedeli ortodossi di rito occidentale della Chiesa Ortodossa Russa fuori dalla Russia.
Roberto
Un nuovo Manuale sul “Rito di Sarum”
Di Gregory di Pippo. NLM 22.12.2020

Marea che sale - come si suol dire - solleva tutte le barche”. Insieme alla crescita lenta ma costante dell'interesse per la Messa romana tradizionale, c'è una crescita lenta ma costante dell'interesse per l'intero nostro patrimonio liturgico cattolico, comprese parti di esso a lungo trattate come irrimediabilmente perdute. Nell'ultimo anno e mezzo, ci sono state due celebrazioni pubbliche dell'Ufficio divino secondo il rito di Sarum: i Vespri celebrati a Oxford lo scorso anno dalla Schola Sainte-Cécile e un altro a Philadelphia lo scorso febbraio. Ora abbiamo ricevuto la notizia dal signor Richard Urquhart della pubblicazione della sua nuova opera intitolata "Cerimonie del Messale di Sarum: una congettura attenta", che è sia uno studio accademico della Messa di Sarum che un manuale cerimoniale utilizzabile. (Vedere il sito Web di T&T Clark per il sommario; disponibile anche tramite Amazon.)

Cattedrale di Salisbury
Quest'opera descrive le liturgie del Messale di Sarum come potrebbero essere celebrate in una grande chiesa parrocchiale. Di conseguenza, sebbene si facciano continui riferimenti alle usanze della cattedrale di Salisbury, dove si svilupparono i riti, sono escluse le cerimonie peculiari della cattedrale, delle funzioni pontificie e del Breviario. Tratta il rito dalla sua prospettiva cattolica e segue la struttura tradizionale dei libri di cerimonie. Il libro descrive l'attrezzatura necessaria per le celebrazioni, convenzioni liturgiche, la celebrazione della Messa bassa e alta come forme base del rito, e le varianti su questi (requiem, matrimoni e messe cantate), processioni e servizi stagionali speciali. La prefazione discute lo status canonico moderno di Sarum e due appendici trattano dei laici in chiesa e la forma delle preghiere dell’offertorio. Un semplice Ordo Missæ con rubriche in inglese conclude il libro.

 Molti dei dettagli sono tratti dagli stessi libri liturgici (messali, manuali e processionali) e dai vari usi. Tuttavia, sono omessi dettagli importanti spesso considerati troppo ovvi per l'inclusione. Pertanto si è fatto ricorso ad altre fonti, come i caratteri intagliati, i codici miniati e gli inventari delle chiese. Alcuni dettagli sono stati dedotti per analogia con altri riti della “famiglia romana”, non ultimi quelli degli ordini religiosi e altri usi medievali inglesi. È stato fatto ampio uso della letteratura secondaria, in particolare degli studi sugli anglicani del diciannovesimo e ventesimo secolo.

Il contributo originale di questo lavoro è quello di raccogliere i dettagli disponibili, interpretarli alla luce delle usanze liturgiche comuni e presentarli come un unico manuale che potrebbe essere utilizzato da un inesperto celebrante che si appresti ad apprendere i meccanismi del rito. Questo spiega la presentazione del risultato: una descrizione diretta dell'esecuzione dei riti supportata da note a piè di pagina insolitamente ampie progettate per consentire ai futuri studenti dei riti di accedere alle fonti dell'autore e per testare le proprie teorie. 

Il signor Urquhart scrive: “Il libro dovrebbe essere accessibile a un prete che cerchi di apprendere il rituale o a un cerimoniere che si proponga di addestrare i ministranti. Un tale lettore potrebbe ignorare completamente le note e trattare il libro come un “Sarum O'Connell”, un manuale di istruzioni, sebbene privo del peso ufficiale di un auctor probatus.
 Lo studente di liturgia vi trova molte note dettagliate. Alcune sono “archeologiche” e servono a giustificare l'inclusione, ad esempio, del purificatore; altre forniscono riferimenti ai libri Sarum stessi in modo da giustificare l'inclusione o l'esclusione di una certa cerimonia; altre ancora si riferiscono ad altri usi (Lione, Hereford, i Domenicani, i Premostratensi...) o autori su fonti cerimoniali o altre, più archeologiche, poiché alcune cerimonie possono essere chiarite solo attraverso il confronto con altri riti. Queste note potrebbero essere un po’ opprimenti per il lettore generale, ma dovrebbero consentire allo studente serio di testare le mie teorie. Spero che con il tempo questo processo conduca a una conoscenza più accurata e anche a devote celebrazioni della Messa di Sarum, che fa parte del patrimonio liturgico della Chiesa latina. È questo aspetto pastorale del lavoro che mi ha portato a considerare brevemente lo stato canonico di Sarum oggi ". 

Ed ecco la recensione di padre Hunwicke: "Questo libro è sia istruito, sia, nel miglior senso della parola, divertente! È strutturato come il manuale O'Connell ... e mostra come celebrare solennemente il Rito di Sarum. Ma anche (questo è molto più difficile da ricostruire dalle rubriche) come "fare Sarum" nel modo semplice della "Messa bassa" alla maniera in cui  era  fatto ogni mattina nelle chiese e nei canti di tutta l'Inghilterra (e gran parte dell'Europa settentrionale). Le fonti sono minuziosamente annotate a piè di pagina e viene fornito un resoconto convincente dello status canonico di questo rito. Un volume che potrebbe cambiarti la vita!

Ci congratuliamo con il meritorio Urquhart per questo straordinario risultato e speriamo di vederlo messo in pratica presto e spesso. Feliciter!

Gregory Di Pippo