Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 23 novembre 2020

Una "perla" nel sussidio " La Domenica" della Solennità di Cristo Re dell'Universo


Presi da colpevole negligenza non si leggono solitamente le catechesi della quarta pagina del noto sussidio liturgico  "La Domenica" diffuso dalle Edizioni San Paolo .
Su quello di ieri, per  il calendario liturgico della "forma ordinaria" era la Solennità di Cristo Re dell'Universo, abbiamo trovato una vera "perla" che desideriamo condividere con gli stimati Lettori. 
AC 
 
 
 
 
La “regalità sociale” di Cristo 
La vita militante del cristiano: gridare al mondo la signoria di Cristo  
 don Michele G. D’Agostino, ssp

 

È da tempo che la riflessione sulla “regalità” di Cristo si muove quasi esclusivamente

nell’orizzonte della teologia della salvezza: Cristo è re perché è il servo che si dona fino alla morte per la nostra liberazione dal male e il suo trono è la croce. 

Se questo è certamente vero, non si può eludere un altro aspetto, che è quello che portò all’istituzione della solennità di «Cristo Re»: il Cristo pasquale è anche il Signore glorificato che siede alla destra del Padre, è Signore del tempo e della storia, è «Re dei re e Signore dei signori» (Ap 19,16), è «la chiave, il centro e il fine di tutta la storia umana» (Gaudium et spes, n. 10). 

Il recupero di questo aspetto della “regalità” di Cristo porta indubbiamente anche a una rivalutazione del carattere “militante” dell’identità cristiana, poiché la fedeltà a Gesù Cristo, il riconoscimento del suo dominio, significa «ridire, anzi “gridare” al mondo» la sua signoria (Rosarium Virginis Mariae). 

Se questo non ci risparmierà lo scontro e la sofferenza, non va però dimenticato il sostegno, allo stesso tempo soave ed energico, di Maria, la «Madre del re» (Ad caeli Reginam): «Per mezzo della ss. Vergine Maria – infatti – Gesù Cristo venne nel mondo, ancora per mezzo di lei deve regnare nel mondo» (san Luigi Maria Grignion da Montfort). 

San Giovanni Paolo II ha sottolineato con vigore l’importanza di una lettura sociale, significativa e incisiva, della centralità cosmica e storica di Cristo (cfr. Enciclica Redemptor hominis n. 1). 

La sua regalità si estende, per risanarla, su ogni realtà storica e umana. 

Per questo, all’inizio del suo pontificato, ricordò ai credenti il loro dovere di fare spazio a Cristo in ogni aspetto della vita sociale: «Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo». 

Don Michele G. D’Agostino, ssp 

 

Il cristianesimo, anche nel terzo millennio, è spinto dallo Spirito di Dio a «prendere il largo» per ridire, anzi “gridare” Cristo al mondo come Signore e Salvatore, come «la via, la verità e la vita», come «traguardo della storia umana, il fulcro nel quale convergono gli ideali della storia e della civiltà» (cf San Giovanni Paolo II, Rosarium Virginis Mariae, 2002).

 

Immagine: Amandola (FM) Christus Triumphans, chiesa di San Francesco