Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 30 novembre 2020

Orrori architettonici… e dove trovarli #12 a Budapest (Ungheria)

Chiesa parrocchiale di San Martino di Tours dell’arch. Tamas Berecz (anno 2017).

Lorenzo

Descrizione del progetto: «Omaggio al modernismo socialista
Monumento a un’epoca
Un importante monumento architettonico risalente al passato non così remoto del socialismo ungherese si trova su una delle arterie più trafficate di Budapest. Il suo progettista, István Szabó, divenne un cultore di chiese dell’epoca alla fine della sua carriera architettonica ampiamente produttiva trascorsa al servizio della dittatura, quando era già pensionato e non chiedeva alcun compenso per il suo lavoro. La sua prima chiesa, che alla fine ha funzionato come punto di partenza per il compromesso concluso tra il Vaticano e il regime di Kádár, ha ricevuto la benedizione di Papa Paolo VI.
La chiesa parrocchiale di San Martino è stato l’ultimo progetto della sua opera. Fu costruito nel 1985 nello stile che gli storici dell’architettura dell’Europa centrale ora chiamano modernismo socialista. Durante i trent’anni dalla sua costruzione, i dintorni della chiesa subirono radicali trasformazioni definite da tre fattori principali: (i) scomparve il quartiere un tempo abitato dalla classe operaia socialista, mentre le fabbriche e gli impianti industriali furono sostituiti da generici, tardivi edifici per uffici postmoderni; (ii) l’edificio stesso si è deteriorato a causa dell’usura e le sue soluzioni tecnologiche sono diventate obsolete in parte come conseguenza della pratica economizzatrice imposta all’industria dall’economia della scarsità e in parte a causa del morale del lavoro generalmente povero che dominava il settore edile del tempo; (iii) ultimo ma non meno importante, anche il ruolo alterato della Chiesa cattolica ha avuto un ruolo. Dopo i cambiamenti del 1989, la persecuzione religiosa che aveva prevalso in Ungheria durante il socialismo fu seguita da una restaurazione sociale e politica. Insieme, queste ragioni alla fine hanno portato alla decisione presa nel 2014 sulla ricostruzione della chiesa parrocchiale.
Il progetto ha fornito agli architetti l’opportunità di riconsiderare le funzioni dell’edificio e di ridefinirne il dialogo con l’ambiente circostante. Hanno fissato due obiettivi principali: (i) in primo luogo, hanno voluto creare una comunicazione trasparente all’interno dell’edificio, quindi a questo scopo hanno terminato la scala esterna che era inadatta all’uso da parte di anziani e disabili fisici. Il nuovo ingresso è stato spostato al piano terra, mentre l’adiacente vestibolo è stato progettato per fungere da punto di partenza per spazi di grande complessità: da qui si apre l’area comune ideale tra le altre per i matrimoni, proprio come la scala di nuova costruzione che conduce al piano superiore livello dell’interno della chiesa. Al di là dell’ammodernamento funzionale e tecnologico, l’altro obiettivo era (ii) ripulire la chiesa, a cui si avvicinavano come una sorta di “oggetto ritrovato urbano”, dagli elementi depositati che vi si aggiunsero gradualmente contrariamente al concetto progettuale originale. Per realizzare ciò, è stato demolito il campanile sul prospetto ovest, l’edificio è stato spogliato delle pensiline ridondanti e sono state murate le aperture prive di funzione.
L’espansione dell’edificio della chiesa può essere paragonata al meglio alla chirurgia di precisione. Poiché i regolamenti consentivano un margine di manovra piuttosto limitato, le nuove funzioni sono state “raggruppate” in un blocco di soli due metri con una struttura spaziale estremamente complessa. Grazie al complemento murario del volume scultoreo della chiesa e alla demolizione della vecchia scala esterna, l’edificio ha riacquistato la sua originaria monumentalità cristallina che aveva perso nello stretto abbraccio degli edifici per uffici costruiti successivamente intorno ad esso. Questo aspetto fondamentale del progetto è ulteriormente migliorato dall’integrazione del crocifisso precedentemente indipendente nel corpo della chiesa.
Gli architetti non hanno voluto modificare drasticamente l’interno della chiesa ma hanno apportato tre aggiunte significative: (i) hanno completato l’altare, (ii) hanno eretto una nuova cappella al posto del vecchio ingresso, (iii) e installato un sistema di controsoffitto ricorda la struttura del tetto inclusa nei progetti architettonici originali ma mai effettivamente realizzata.
La chiesa è stata inaugurata nell’autunno 2017 ed è stata benedetta dal cardinale Péter Erdő, arcivescovo di Esztergom-Budapest e primate d’Ungheria. All’inaugurazione del cerimoniale ha partecipato anche Orsolya Szabó, la figlia del progettista originale dell’edificio, che ha partecipato attivamente al progetto, aiutando il team a evocare lo spirito di István Szabó, soddisfacendo le aspettative contemporanee.
Gli architetti hanno ricevuto il premio Pro Architectura per il design nel 2018 e nello stesso anno l’edificio ha vinto il premio House of the Year nella categoria edifici pubblici.» (trad. it.)

Foto esterni:





Foto interni:






5 commenti:

  1. Non la trovo così brutta, anzi alcuni dettagli sono suggestivi come la vetrata con le immagini dei santi in facciata. L'interno ha una netta distinzione tra lo spazio per i fedeli e quello riservato all'officiante. Forse una più evidente identità ecclesiale all'esterno sarebbe stata più opportuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la trovi così brutta? Se Dario Argento scopre un luogo del genere ci gira un film horror!

      Elimina
  2. "Omaggio al modernismo socialista"... Lì mi sono fermato a leggere. Non bastavano i vescovi che giocano a fare i piccoli Fidel, ci si mettono pure gli architetti! Allucinante lo stato in cui versano quelli che hanno abbandonato la Fede cinquant'anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai fermarsi di leggere, perché leggere è cultura e aiuta a spazzare via i pregiudizi. Se invece di interrompere la lettura scandalizzato dal riferimento al modernismo socialista, poche righe più sotto avresti appreso che la chiesa è stata costruita nel 1985, sotto la dittatura comunista, nello stile che gli storici di oggi chiamano modernismo socialista. E non poteva essere altrimenti, visto che il socialismo allora comandava. Nessun vescovo emulo di Fidel, nessun architetto che ha perso la fede 50 anni prima: il Concilio era finito da 20 anni e vescovi e architetti si trovavano a vivere la loro fede sotto la dittatura comunista ed è già tanto che la chiesa gliel'abbiano lasciata fare. Nel 2014 hanno fatto dei lavori di restauro, hanno apportato delle midifiche, ma la struttura fondamentale è rimasta quella del 1985. Dunque nessun vescovo-Fidel e nessun architetto che ha voluto omaggiare il modernismo socialista: questo è il nome dello stile che c'era sotto la dittatura. E questa chiesa è una testimonianza del fatto che sotto la dittatura comunista la fede cattolica era ancora viva. Poi sulla bellezza o no dell'edificio si può discutere, ma invece di farsi prendere dai sacri furori e partire lancia in resta ad accusare vescovi e architetti di essere comunisti e infedeli, senza sapere nemmeno di cosa si sta parlando, sarebbe meglio leggere e informarsi per cercare di capire la realtà dei fatti e cercare di sgombrare la mente dall'odio preventivo.

      Elimina
    2. È arrivato l'immancabile maestrino stizzito?
      Nel 1985 i vescovi erano già ampiamente modernisti, come testimonia il fatto che potessero costruire "chiese" come quella in oggetto. Se fossero stati cattolici, avrebbero dovuto nascondersi, come ancora oggi fanno i cattolici cinesi. Ricordo che, all'indomani della sciagurata distruzione liturgica postconciliare, in Polonia venivano perseguitati dallo stato i preti fedeli alla vera Messa, mentre chi officiava il rito di Bugnini veniva lasciato in pace.
      Ora, se il risultato del "restauro" è un altare che sembra più un tavolo da centro congressi, vuol dire che l'andazzo non è affatto cambiato. Quell'hangar di cattolico non ha niente.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.