Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

sabato 7 novembre 2020

Francia: continua la decapitazione delle statue della Madonna e dei Santi

Forse può sembrare eccessivo che molti siti cattolici denuncino  sistematicamente la  persecuzione anticristiana in terra di Francia quando purtroppo episodi analoghi di profanazione degli oggetti di culto e dei simboli cristiani avvengono anche in altre parti d'Europa e del mondo. 
L'accettazione silente dei crudeli atti di cristianofobia è anche figlia del "dialogo con il mondo" che mutando  geneticamente generazioni di cattolici li ha fatti diventare né carne, né pesce: un ottenebramento collettivo che ha consentito il passaggio dal sì sì, no no al 'ni'. 
Nel 2018  "nel mese di giugno più di cento tombe sono state rovesciate e danneggiate nel principale cimitero cattolico di Tolosa. Mentre la Francia ha subìto più attacchi di qualsiasi altro paese in Europa..." "Gli attacchi prendono di mira edifici, cimiteri e altri oggetti fisici. I simboli del cristianesimo. L’arcivescovo di Marsiglia, George Pontier, ha minimizzato il caso, dicendo che la Chiesa non vuole parlare di persecuzione. Certamente si tratta di parole usate per non infiammare lo scontro sociale, ma è un dato di fatto che il cristianesimo in Francia è sotto attacco. E tutti sappiamo da parte di chi. ( Cfr.Vox QUI)
Dall'inizio di questo anno è stata elevata la forte, inascoltata, denuncia "Chiese e istituti privati di educazione cattolica vandalizzati, pellegrini attaccati da militanti mascherati: diversi atti di violenza anticattolica sono stati perpetrati in Francia, il 19 gennaio 2020, con indifferenza quasi generale." (Cfr. Chiesa e post Concilio QUI
Da un social abbiamo appreso l'ennesimo orrendo atto di sacrilega profanazione in Francia.
AC
 
In Francia oltre a decapitare le teste al grido Allah Akbar, e su cui piano piano sta scendendo un preoccupante silenzio; in odio alla fede centinaia di statue vengono decapitate come quella della Madonna a Tarn-et-Garonne.
L'allarme è rosso. 
Ma non tutti vogliono vederlo.
 
Foto da Facebook

5 commenti:

  1. la concordatio è un po' traballante... studiate i congiuntivi italiani invece del latino !!

    RispondiElimina
  2. Più si va avanti con l'ecumenismo, più si verificano atti del genere. Sembra un'equazione matematica.

    RispondiElimina
  3. Per favore potete evitare di iniziare gli articoli negli spazi bianchi a fianco delle fotografie?

    RispondiElimina
  4. Chissà che dopo la notte dell'ignavia arrivi finalmente l'alba della ragione!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.