Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

lunedì 26 ottobre 2020

Orrori architettonici… e dove trovarli #7 a Suzuka (Giappone)

Chiesa cattolica di Suzuka dell’arch. Kentaro Takeguchi e dell’arch. Asako Yamamoto (anno 2015).

Lorenzo

Descrizione del progetto: «Il progetto presentato è una chiesa situata nella città di Suzuka, l’area dell’industria automobilistica Honda, e consiste in una cappella, una sala conferenze e attività sociali insieme alla residenza del sacerdote. Poiché una più ampia comunità cattolica straniera è in rapido aumento, è stato richiesto di fornire non solo uno spazio di preghiera e meditazione, ma anche uno spazio comunitario per gli stranieri nella città di Suzuka. Due chiese esistenti erano sepolte nei quartieri situati all’incrocio tra la vecchia via che collegava Tokyo e Osaka sin dal periodo Edo e la nuova autostrada, per questo ne abbiamo proposta una più grande con un tetto espressivo, che ricorda la bellissima catena montuosa che circonda questa zona, per unire tre diversi edifici d’uso. Utilizzata per le riunioni comunitarie e le messe la domenica, l’intera chiesa viene innalzata per ottenere un parcheggio sufficiente. Il tetto è suddiviso ogni cinque metri nel modulo del parcheggio, per realizzare lucernari che introducono la luce naturale da sud verso l’interno dove sono situate stanze di varie dimensioni dalla cappella alle camere da letto. I piloti e le due lobby d’ingresso al secondo piano sono collegati da due scale leggermente inclinate e formano una piazza sotto il tetto dove le persone si riuniscono creando un’atmosfera non separata dalla città motorizzata. L’architettura comprende la strada tra gli edifici e la comunità ed è riempita di finestre ecocompatibili tagliate dal modulo parcheggio. Con riferimento al fenomeno di inversione della “teoria figura / sfondo di Nori”, abbiamo creato una lobby come estensione del passaggio, manipolando il rapporto tra la quantità di spazio “dentro e fuori” mirando a una “chiesa” dove i visitatori possono sentirsi facilmente raccolti. Così questo edificio della comunità cattolica legittima l’architettura europea sposata con il contesto di parcheggio suburbano americano in Giappone.» (trad. it.)

Foto esterni:





Foto interni:






2 commenti:

  1. L'interno non mi pare malvagio. I giochi di luce mi ricordano le creazioni di Aalto

    RispondiElimina
  2. Ma non vi sta bene niente. Ma se andate alla messa montiana, vi volete lamentare delle chiese fatte apposta per meglio celebrarle. Ma neanche adesso che il pifferaio vi sta buttando tutti al fiume siete arrivati alla fine della fiera vi sta bene, anche voi appartenete a coloro che sono di dura cervice e pertanto maledetti da Nostro Signore

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.