Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 30 ottobre 2020

Lettera aperta di alcuni sacerdoti, al Card. Bassetti, sull'aborto

Diamo pubblicità a questa coraggiosa lettera di settembre.
QUI la lettera di uno di loro, NON pubblicata da Avvenire.
Luigi

17 Settembre 2020 
Marco Tosatti

[...]


Eminenza,

siamo un gruppo di sacerdoti e di fedeli di varie città italiane, da tempo impegnati nella battaglia culturale e politica perché abbia termine lo sterminio dei nascituri nel nostro Paese.

Le scriviamo per confidarLe anzitutto il nostro sconforto e il nostro sconcerto, che perdura ormai da molto tempo, di fronte al pressoché totale disinteresse del mondo cattolico italiano verso la strage degli innocenti che viene portata avanti da 42 anni con accanimento ideologico, politico e giudiziario nella nostra Nazione.

Tutti i movimenti, le associazioni e le nuove comunità laicali non intervengono più pubblicamente da decenni, non intraprendono iniziative pubbliche, non mobilitano i loro aderenti, non interpellano la politica, non scrivono sui giornali, non fanno conferenze o azioni pubbliche, non fanno insomma assolutamente nulla di fronte a questo massacro. Solo alcuni piccoli gruppi pro-life, di cui anche noi facciamo parte, si dibattono disperatamente per fare tutto ciò che possono in questo silenzio generale, come voces clamantium in deserto.

Lei sicuramente conoscerà le cifre di questo genocidio, che, con lo sviluppo dell’aborto farmacologico (pillole e spirale), ha superato ormai nella sola Italia il milione di feti o embrioni uccisi ogni anno , pari a 2700 bambini nascituri uccisi ogni giorno.

Negli anni Sessanta nascevano di media in Italia 953 mila bambini all’anno; l’anno scorso i nati da italiani sono stati meno di 350 mila: un terzo. Se facciamo il conto di quanti italiani mancano dal 1969 ad oggi – cioè di quanti ne sarebbero nati in più se si fosse continuato come negli anni Cinquanta e Sessanta – il totale è di 19 milioni, di età compresa tra 0 e 50 anni: uccisi dall’aborto chirurgico e farmacologico o non concepiti con la contraccezione. Non fa meraviglia che l’Italia sia un ricovero per anziani a cielo aperto e costringa i sessantasettenni a lavorare ancora per mancanza di base giovanile contribuente.

Ma queste cifre spaventose, che farebbero inorridire anche il più freddo e insensibile osservatore, lasciano del tutto indifferente il mondo cattolico, che si dimostra persino infastidito e sdegnato verso chi osa sollevare il problema dell’aborto e della contraccezione e rompere così il bel clima di intesa con il mondo contemporaneo.

A fronte di questo vergognoso silenzio, che per varie ragioni supera di gran lunga quello imputato a torto o a ragione ai cattolici tedeschi verso la Shoah (per loro parlare costava la vita, per noi non costerebbe nulla, salvo qualche protesta isterica), sta la furia ideologica e omicida dei gruppi e partiti abortisti, che non perdono occasione per promuovere l’educazione sessuale opposta a quella cristiana, la contraccezione, l’aborto chirurgico, l’aborto farmacologico, l’aborto post partum – legalizzato in alcuni stati americani –, la fecondazione artificiale (che comporta la soppressione di 163 mila embrioni all’anno ), l’eutanasia, il suicidio assistito, il divorzio lampo, le ‘famiglie omosessuali’, l’educazione gender e via dicendo.

Alla loro base non sta semplicemente qualche anima peccatrice che diffonde l’immoralità, ma una operazione ideologica enorme, che pone le sue basi nella visione materialistica dell’uomo, nelle dottrine marxiste, nell’immanentismo hegeliano, nel progressismo culturale e politico, nel relativismo, nel nichilismo e nell’egoismo pratico di tutti. Non a caso questa operazione ideologica è sostenuta con incrollabile determinazione e vigilanza dai partiti materialisti e progressisti (in Italia soprattutto dal PD ed anche dal M5S), nonché da certi sindacati di tradizione marxista (soprattutto la CGIL). E i cattolici non esitano a dare ad essi il loro voto e persino a fare propaganda per essi. E’ poi del tutto probabile che, oltre che da questi gruppi essoterici, questa enorme operazione ideologica sia voluta e sostenuta anche da potenti gruppi esoterici, cioè fondamentalmente dalla massoneria.

Tutto questo fronte ideologico domina ormai sulla quasi totalità delle coscienze grazie al fatto che non incontra nessuna resistenza rilevante sul suo cammino. I suoi assiomi fondamentali risuonano indiscussi e scontati per tutti i cittadini evoluti: “difendiamo il diritto della donna ad una maternità libera e consapevole”, “la società si fonda sulla libertà di scelta dei cittadini”, “lo Stato non può imporre alla donna di trascinare una gravidanza che non vuole”, “siamo già troppi in questo mondo”, “far nascere un figlio disabile significa condannarlo all’infelicità”, “la società democratica promulga leggi che tutelano la laicità dello Stato e la libertà di tutti i cittadini”, “la vita umana comincia quando c’è uno stato di coscienza e di autonomia”, “imporre di continuare una gravidanza è fascismo”, e via dicendo.

I cattolici non condividono esplicitamente tutti questi assiomi, ma sono giunti a farsene degli altri molto favorevoli ad essi se non addirittura peggiori: “Dio non toglie all’uomo la libertà di compiere il male”, “la legge civile non può imporre la morale cristiana”, “ogni persona va rispettata nella sua libertà di scelta personale”, “la legge 194 è una legge fatta bene, che concede quello che è strettamente necessario per evitare il peggio, cioè l’aborto clandestino”, “ci sono problemi più importanti dell’aborto”, “noi cattolici dobbiamo dare testimonianza con l’esempio e non con i proclami ideologici”, “dobbiamo occuparci della formazione religiosa e lasciare allo Stato le sue responsabilità sulla società”, “non è questo il momento di intervenire sulle questioni etiche, perché sono crollate tutte le evidenze morali”, “il Regno di Dio non è di questo mondo”, “non dobbiamo allontanare la gente con la nostra rigidità dottrinale”, “non è con i divieti che si converte il mondo”, “il Cristianesimo non è una morale ma una vita”, “il Vangelo non parla di aborto, omosessualità, embrioni”, e via di seguito.

Questi pseudo-assiomi-cattolici, che non sono per nulla cristiani ma del tutto mondani, denotano una ignoranza molto triste e grave nei cattolici della Dottrina Sociale della Chiesa, particolarmente rispetto al ruolo dell’autorità civile e della legge civile in difesa della persona umana innocente. E’ l’ignoranza di tutto il rapporto tra legge civile e legge morale, descritto perfettamente da San Tommaso e ripreso sistematicamente dalle encicliche sociali.

Ciò che rende ancora più grave la questione è il fatto che questa ignoranza si manifesta in tanti pastori e in tanti leader di associazioni cattoliche. Basti pensare all’articolo di Angelo Moretti (presidente di varie realtà cattoliche) pubblicato sul quotidiano della CEI, Avvenire, il 27 agosto, in cui si sostiene ripetutamente apertis verbis che “la legge 194 non è una legge contro la vita e può essere accettata dai cattolici”, senza alcun commento o correzione da parte del direttore.

Di più, questi assiomi segnano il gravissimo cedimento su un principio fondamentale della morale cattolica e universale, ribadito da San Paolo VI:

In verità, se è lecito, talvolta, tollerare un minor male morale al fine di evitare un male maggiore o di promuovere un bene più grande, non è lecito, neppure per ragioni gravissime, fare il male, affinché ne venga il bene, cioè fare oggetto di un atto positivo di volontà ciò che è intrinsecamente disordine e quindi indegno della persona umana, anche se nell’intento di salvaguardare o promuovere beni individuali, familiari o sociali. (Enc. Humanae vitae, n. 14)

Non si può in nessun modo legittimare l’uccisione di un bambino, per evitare che venga ucciso clandestinamente:

– primo, perché è ignobile, mostruoso e demoniaco farlo; l’aborto clandestino è un omicidio e lo si deve impedire, non autorizzare, così come si deve impedire la violenza sulle donne e non legalizzarla per il fatto che continua a essere praticata illegalmente;

– secondo, perché la legalizzazione dell’aborto non solo ha legalizzato gli omicidi clandestini, ma li ha moltiplicati a dismisura, come dimostrano le curve demografiche (dal 1978 in poi si è verificato in pochissimo tempo un crollo enorme delle nascite da 750 mila a 550 mila, senza più riprese: se la legge avesse solamente ‘sistemato’ gli aborti clandestini, la curva delle nascite sarebbe continuata come prima, a 750 mila all’anno; e invece la mattanza si è estesa spaventosamente, con grande soddisfazione dei promotori della legge).

Il risultato, come si è accennato sopra, è che la suddetta enorme operazione ideologica non trova obiezioni, proteste e resistenze da parte del mondo cattolico, né tantomeno da parte del resto della società che non aderisce alla verità del Vangelo. Gli interventi del Santo Padre contro l’aborto sono chiari, ma i cattolici in Italia non ne tirano nessuna conseguenza.

Ciò vale non solo per la questione dell’aborto, che è la più grave e tragica, ma anche per le altre ad essa connesse, come l’educazione sistematica della gioventù all’utilizzo degli anticoncezionali (anche abortivi, ovviamente) e alla sessualità totalmente separata dal matrimonio. Lo Stato, infrangendo la sua conclamata neutralità, ha fatto una opzione ideologica ben precisa – promossa e sostenuta dalle forze sopra menzionate –, imponendo a tutti gli studenti italiani un certo tipo di educazione sessuale in netto contrasto con la fede cattolica di milioni di famiglie.

Contro questo abuso, che viola il dovere del rispetto delle diverse posizioni culturali e religiose e i diritti delle minoranze, il mondo cattolico non ha nulla da dire, limitandosi – quando va bene – a organizzare degli incontri alternativi di educazione affettiva negli oratori che non raggiungono nemmeno un decimo degli studenti italiani e non mettono minimamente in discussione la determinazione dello Stato di imporre a tutti una visione opposta delle cose.

Un altro esempio del disinteresse del mondo cattolico verso l’operazione ideologica contro la vita e la famiglia è quello della legge sul divorzio breve, che ha reso il divorzio facile e rapido: questa legge nell’aprile 2015 ha avuto alla Camera 398 voti favorevoli e solo 28 voti contrari, nel pressoché totale disinteresse delle associazioni e dei movimenti cattolici.

L’ultimo gravissimo passo di incremento del genocidio abortista è stato fatto, come è noto, dal ministro della salute Speranza, con una ulteriore liberalizzazione dei farmaci abortivi. Speranza è cresciuto nel mondo marxista italiano: non stupisce quindi il suo provvedimento contro la vita umana nascente, che egli ha preso con la massima naturalezza e tranquillità. Ciò che ancora una volta stupisce sono le reazioni da parte cattolica: poche e deboli, per di più improntate a far rispettare la legge abortista 194 invece che a proclamare le verità fondamentali sulla vita umana esposte con la massima chiarezza nell’Enciclica Evangelium vitae, che il Papa ha anche recentemente raccomandato di riprendere. La preoccupazione di molti cattolici è quella che l’uccisione del proprio figlio non venga fatta in solitudine dalla donna: perché, se viene fatta in compagnia, non è più un abominevole delitto?

E’ bene evitare un equivoco: chi scrive e firma questa lettera non parte da una posizione politica o partitica, né di destra, né di sinistra, né di centro. Siamo cristiani, semplicemente cristiani, umilmente ma appassionatamente cristiani. Non vogliamo la morte dei peccatori, ma che si convertano e vivano. Non vogliamo condannare il mondo, ma salvare il mondo. Appunto per questo non accettiamo di vederlo autore di crimini orrendi e assurdi, che distruggono le società e le anime.

Che ci siano sempre stati gli assassini, lo sappiamo. Il realismo cristiano ci impedisce di essere sognatori. La nostra epoca non è peggiore delle altre perché abitata da queste bande di sanguinari e di nemici di Dio e dell’umanità, ma è in una posizione molto più grave delle altre epoche perché per la prima volta nella storia gli sterminatori di bambini e i sanguinari vengono approvati e autorizzati dal popolo nei referendum, dalla legge nei parlamenti, dallo Stato democratico, dalle coscienze libere, dalla cultura, dai mass media, dalla società. Questo fenomeno, in queste proporzioni, non si era mai realizzato prima nella storia dell’umanità: i popoli hanno sempre subito la violenza e gli assassini, ma mai li hanno approvati a suon di maggioranze e di milioni di morti.

Venticinque anni or sono l’Enciclica Evangelium Vitae, che recentemente il Santo Padre ha raccomandato nuovamente come punto di riferimento più che mai attuale, ha riassunto così la situazione:

Il ventesimo secolo verrà considerato un’epoca di attacchi massicci contro la vita, un’interminabile serie di guerre e un massacro permanente di vite umane innocenti. I falsi profeti e i falsi maestri hanno conosciuto il maggior successo possibile. Al di là delle intenzioni, che possono essere varie e magari assumere forme suadenti persino in nome della solidarietà, siamo in realtà di fronte a una oggettiva «congiura contro la vita» che vede implicate anche Istituzioni internazionali, impegnate a incoraggiare e programmare vere e proprie campagne per diffondere la contraccezione, la sterilizzazione e l’aborto. Non si può, infine, negare che i mass media sono spesso complici di questa congiura, accreditando nell’opinione pubblica quella cultura che presenta il ricorso alla contraccezione, alla sterilizzazione, all’aborto e alla stessa eutanasia come segno di progresso e conquista di libertà, mentre dipinge come nemiche della libertà e del progresso le posizioni incondizionatamente a favore della vita. (EV 17)

Davanti a tutto questo non è forse necessaria più che mai la voce forte e coraggiosa dei discepoli di Cristo? Non è forse più urgente che mai il richiamo autorevole della Chiesa alla verità e al bene? Non è forse più unico che mai il messaggio cristiano che smaschera i falsi profeti e gli operatori di iniquità e indica la strada del vero bene?

Come scriveva il Santo Padre all’inizio del suo pontificato:

[…] la conversione cristiana esige di riconsiderare «specialmente tutto ciò che concerne l’ordine sociale ed il conseguimento del bene comune». Di conseguenza, nessuno può esigere da noi che releghiamo la religione alla segreta intimità delle persone, senza alcuna influenza sulla vita sociale e nazionale, senza preoccuparci per la salute delle istituzioni della società civile, senza esprimersi sugli avvenimenti che interessano i cittadini. Chi oserebbe rinchiudere in un tempio e far tacere il messaggio di san Francesco di Assisi e della beata Teresa di Calcutta? Essi non potrebbero accettarlo. Una fede autentica – che non è mai comoda e individualista – implica sempre un profondo desiderio di cambiare il mondo, di trasmettere valori, di lasciare qualcosa di migliore dopo il nostro passaggio sulla terra. Amiamo questo magnifico pianeta dove Dio ci ha posto, e amiamo l’umanità che lo abita, con tutti i suoi drammi e le sue stanchezze, con i suoi aneliti e le sue speranze, con i suoi valori e le sue fragilità. La terra è la nostra casa comune e tutti siamo fratelli. Sebbene «il giusto ordine della società e dello Stato sia il compito principale della politica», la Chiesa «non può né deve rimanere ai margini della lotta per la giustizia». Tutti i cristiani, anche i Pastori, sono chiamati a preoccuparsi della costruzione di un mondo migliore. (Evangelii Gaudium, 182-184)

Possiamo dire che questa voce, questo richiamo e questo messaggio risuoni sulla tragedia dello sterminio degli innocenti nel nostro Paese? No, onestamente, in nome di Dio, non possiamo dirlo. Dobbiamo piuttosto confessare l’opposto, che il silenzio domina. Un silenzio voluto, purtroppo, deliberatamente voluto, nonostante anche le recenti numerose condanne dell’aborto da parte del Santo Padre.

Monsignor Camisasca lo ha riconosciuto recentemente scrivendo ad Avvenire il 25 agosto 2020:

“Caro Direttore, un buon numero di fedeli mi scrive: “Perché voi vescovi parlate così poco, intervenite così raramente sulle questioni che turbano la nostra coscienza, sulla deriva anti-umanistica che in tema di aborto, eutanasia, identità sessuale ecc. sta producendo un cambiamento antropologico devastante?”. Naturalmente è un mio riassunto, ma veritiero, delle lettere e dei messaggi che ricevo. Non si tratta di credenti ai confini dell’ortodossia, di vittime di polarizzazioni (come oggi purtroppo accade), di oppositori del Papa. No, sono credenti che pongono una domanda a cui dobbiamo rispondere”.

Non ci si dica che in realtà la comunità ecclesiale agisce con l’educazione delle coscienze che viene portata avanti in tutte le nostre parrocchie e associazioni, preparando così un futuro migliore. Questa educazione è un dovere e un’ottima cosa, ma non basta: se ci fossero ancora i campi di sterminio degli Ebrei, potremmo noi disinteressarcene dicendo che noi provvediamo già ad educare i ragazzi nella catechesi al rispetto degli altri? Non saremmo come il sacerdote e il levita della parabola del Buon Samaritano, troppo impegnati a fare le nostre predicazioni per fermarci a raccogliere l’uomo ferito dai briganti? O non saremmo come quelli a cui il Giudice dirà “tutto quello che non avete fatto a uno di questi miei fratelli più piccoli non l’avete fatto a me”?

L’Enciclica Evangelium Vitae indica quattro compiti irrinunciabili per porre fine a questo orrore:

– l’evangelizzazione, che insegna le verità grandiose danno la giusta visione della vita;

– la battaglia culturale, che confuta la cultura della morte e sostiene le ragioni della vita;

– la battaglia politica, per far abrogare le leggi abortiste e far promulgare leggi a difesa della vita e della famiglia;

– il lavoro caritativo, per correre in soccorso alle donne incinte.

Il mondo cattolico ha accettato di portare avanti solo il quarto compito (delegandolo per la verità al Movimento per la Vita, assai poco considerato), perché nemmeno l’opera di evangelizzazione è stata fatta su queste questioni bioetiche, se non da una minoranza volenterosa. Pare che persino nella Giornata annuale per la Vita alla prima domenica di febbraio in quasi nessuna chiesa si ricordi la strage dei nascituri e si inviti a impegnarsi per porvi fine. In ogni caso resta il fatto imponente che il secondo e terzo compito sono stati totalmente rifiutati e respinti al mittente.

Di più: come si è detto sopra, si è veramente diffusa tra i cattolici la convinzione odiosa che la legge 194, che ha permesso lo sterminio chirurgico di 6.300.000 bambini – fatti letteralmente a pezzi e buttati nelle immondizie –, sia una buona legge, necessaria per evitare l’aborto clandestino, doverosa per rispettare la libertà di tutti, semmai (dicono timidamente alcuni) da applicare un po’ meglio nella prima parte.

Ma quale cattolico può dire, in nome di tutta la Dottrina Sociale della Chiesa e di tutto l’insegnamento del Magistero, che l’uomo ha diritto alla libertà di uccidere e che la società deve garantire questo diritto? Quale uomo di buona volontà può dire che bisogna rispettare la libertà delle madri di uccidere i propri figli? Possiamo noi cattolici condividere una opinione così infame condannata da qualsiasi coscienza non delirante e ancor più da S. Giovanni Paolo II con una formula tipica del pronunciamento infallibile ex-Cathedra (cfr Evangelium vitae n. 62)?

In un articolo apparso su “Il Giornale” del 9 aprile, in cui lodevolmente si stigmatizza l’ostinazione degli abortisti durante l’emergenza Covid, il bravo articolista Felice Manti esordisce con queste parole: “L’aborto è un dramma e un diritto. Nessuno lo nega”. Ora, se un bravo giornalista che si oppone agli abortisti, arriva a dire che l’aborto è un diritto e che nessuno lo nega, significa evidentemente che non ha mai avuto sentore del fatto che la Chiesa nega assolutamente che l’aborto sia un diritto e afferma che sia necessario abrogare la legge che lo permette. Al massimo ha sentito dire che la Chiesa raccomanda ai suoi fedeli di non usufruire del diritto civile ad abortire, ma non ha mai sentito dire che la Chiesa grida alla società che:

– questo diritto è in realtà un delitto (Ev. vitae n. 11),

– un ‘abominevole delitto’ (Conc. Vat. II, Gaudium et Spes, n. 51 e Ev. vitae n. 58),

– la legge che lo approva è un “sopruso” e “un atto di violenza” (Ev. vitae n. 72), “destituito d’ogni valore giuridico” (Ev. vitae n.71),

– “l’aborto e l’eutanasia sono crimini che nessuna legge umana può pretendere di legittimare” (Ev. vitae n. 73),

– “nessuna circostanza, nessuna finalità, nessuna legge al mondo potrà mai rendere lecito un atto che è intrinsecamente illecito, perché contrario alla Legge di Dio, scritta nel cuore di ogni uomo, riconoscibile dalla ragione stessa, e proclamata dalla Chiesa” (Ev. vitae n. 62).

Anche Papa Benedetto e Papa Francesco hanno ribadito più volte la condanna delle leggi civili abortiste, ma i loro interventi sono rimasti totalmente inascoltati dai cattolici, impegnati e non impegnati che siano.

Sì, questa è la verità: né i cattolici, né i laici hanno mai sentito dire che la Chiesa proclama queste verità sulle leggi civili che autorizzano l’aborto (e pure lo finanziano e lo fanno eseguire gratuitamente nelle strutture sanitarie pubbliche), sia chirurgico che farmacologico.

Ma come possono il mondo laico, la società civile e la politica arrivare a togliere queste leggi criminali (n. 194/1978 e le altre che autorizzano l’uso di farmaci abortivi e la fecondazione artificiale) dal loro ordinamento se nemmeno la comunità cattolica, che è la massima autorità morale al mondo, le condanna a gran voce e richiama tutti alle verità fondamentali di cui è custode e promotrice?

Il mondo cattolico interviene con prontezza e a volte con furore contro certi politici che frenano o bloccano l’immigrazione (anche noi siamo impegnati concretamente nell’accoglienza agli immigrati, sia chiaro a scanso di equivoci): come mai invece esso mantiene l’assoluto silenzio sulla strage spaventosa dei nascituri, i cui numeri sono matematicamente 10 mila volte superiori alle vittime del mare?

Oltretutto si noti che non esiste in Italia nessuna legge che consenta di uccidere gli immigrati e che non è mai stata mandata la marina militare a sparare contro i poveri barconi dei disperati, mentre nel caso dell’aborto siamo di fronte a uccisioni dirette e violente, a esecuzioni capitali previste da una legge civile e firmate dai funzionari dello Stato, a stragi quotidiane dei più indifesi tra gli esseri umani legalizzate e volute deliberatamente, alla negazione persino della sepoltura dei cadaveri dei condannati, alla proclamazione di tutto ciò come di un diritto umano fondamentale e inviolabile, alla volontà di proseguire incrementando ancora di più il numero delle vittime.

Il nostro silenzio di fronte a tutto questo è abominevole, esattamente come il delitto di cui non vogliamo parlare.

Si noti ancora che l’esistenza di una legge che sancisce il diritto ad uccidere gli innocenti è talmente odiosa che bisognerebbe farla abrogare immediatamente anche se non fosse applicata da nessuno e non procurasse nessun morto. Il motivo è evidente: sarebbe comunque una affermazione solenne e collettiva di un principio malvagio e orrendo, in totale opposizione al bene comune, alla coscienza più elementare, alla legge morale naturale, al senso di umanità minimale di tutti i popoli e alla legge religiosa condivisa da moltissimi cittadini.

Esattamente come le leggi razziali contro gli Ebrei: se fossero ancora in vigore, senza essere applicate da nessuno, non esiteremmo un istante a chiederne l’immediata cancellazione. E invece, nel caso dell’aborto, stiamo zitti di fronte non solo all’odiosità in sé della legge, ma anche ai milioni di morti che procura.

La verità è che una cultura non cristiana, che riduce l’uomo a un grumo di cellule e afferma il diritto della maggioranza di decidere il bene e il male, è entrata anche nelle coscienze dei cattolici e li porta ad affermare l’opposto di ciò che dice la fede della Chiesa. Ma possono i Pastori permettere questa impostura su una materia tanto grave? Possono i Pastori accettare silenziosamente che i cattolici siano in così grande errore e in disinteresse o complicità con il male più orribile?

Il Decreto Conciliare Apostolicam Actuositatem insiste oltre 15 volte nel dire che il compito dei fedeli laici è quello di plasmare secondo gli ideali cristiani la realtà temporale, e al numero 6 fa una affermazione che più chiara non potrebbe essere sul loro compito in questo tragico sterminio:

Siccome in questo nostro tempo nascono nuove questioni e si diffondono gravissimi errori che cercano di abbattere dalle fondamenta la religione, l’ordine morale e la stessa società umana, questo sacro Concilio esorta vivamente tutti i laici, perché secondo la misura dei loro talenti e della loro formazione dottrinale, e seguendo il pensiero della Chiesa, adempiano con diligenza anche maggiore la parte loro spettante nell’enucleare, difendere e rettamente applicare i principi cristiani ai problemi attuali.

E non possiamo non citare altre espressioni di questo Decreto tanto dimenticato dal nostro laicato contemporaneo:
… con animo generoso si dedicano totalmente ad estendere il regno di Dio e ad animare e perfezionare con lo spirito cristiano l’ordine delle realtà temporali. … cercano di piacere più a Dio che agli uomini, sempre pronti a lasciare tutto per Cristo (cfr. Lc 14,26) e a soffrire persecuzione per la giustizia (cfr. Mt 5,10)
L’apostolato dell’ambiente sociale, cioè l’impegno nel permeare di spirito cristiano la mentalità e i costumi, le leggi e le strutture della comunità in cui uno vive, è un compito e un obbligo talmente proprio dei laici, che nessun altro può mai debitamente compierlo al loro posto. In questo campo i laici possono esercitare l’apostolato del simile verso il simile. Qui completano la testimonianza della vita con la testimonianza della parola
Immenso è il campo di apostolato che si apre nell’ordine nazionale e internazionale … i cattolici si sentano obbligati a promuovere il vero bene comune e facciano valere il peso della propria opinione in maniera tale che il potere civile venga esercitato secondo giustizia e le leggi corrispondano ai precetti morali e al bene comune.
Il sacro Concilio scongiura perciò nel Signore tutti i laici a rispondere volentieri, con generosità e con slancio alla voce di Cristo, che in quest’ora li invita con maggiore insistenza, e all’impulso dello Spirito Santo. In modo speciale sentano questo appello come rivolto a se stessi i più giovani e l’accolgano con gioia e magnanimità.

Eminenza, conoscendo la Sua grande sensibilità verso la vita dei cristiani nella società italiana, dopo aver esposto a grandi linee la situazione ci rivolgiamo a Lei con fiducia di fedeli e di figli. Crediamo che Lei possa fare molto per risvegliare le coscienze del mondo cattolico italiano su questo problema così grave. Ogni ora che passa lo sterminio avanza. E come potrebbe Dio ascoltare le nostre preghiere per la pandemia se il nostro desiderio fosse quello di riavere la salute per continuare ad andare avanti come prima, cioè a fare il male più atroce o ad essere consenzienti di fronte ad esso? Le parole di Dio attraverso il profeta Isaia risuonano chiare:

13Smettete di presentare offerte inutili; l’incenso per me è un abominio, i noviluni, i sabati e le assemblee sacre: non posso sopportare delitto e solennità. 14Io detesto i vostri noviluni e le vostre feste; per me sono un peso, sono stanco di sopportarli. 15Quando stendete le mani, io distolgo gli occhi da voi. Anche se moltiplicaste le preghiere, io non ascolterei: le vostre mani grondano sangue. 16Lavatevi, purificatevi, allontanate dai miei occhi il male delle vostre azioni. Cessate di fare il male, 17imparate a fare il bene, cercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova. (Isaia 1)

In questo momento, mentre noi siamo silenziosi, gli attivisti pro-aborto stanno lavorando per promuovere “l’aborto chimico a domicilio” in tutto il mondo. Si sono già coordinati per attuarlo in Olanda, Francia, Germania, Inghilterra. In Italia, la piattaforma Pro-choice, sostenuta dalla deputata Laura Boldrini (PD) e dallo scrittore Roberto Saviano, ha promosso una petizione rivolta al nostro governo affinché sostenga l’aborto chimico a domicilio. In sostanza non tollerano che con la scusa dell’emergenza covid ci sia un solo bambino che possa sfuggire alla soppressione a cui sarebbe stato destinato in tempi di normalità: uno zelo per la morte che fa ghiacciare il sangue e che non trova da parte nostra uno zelo né maggiore né uguale per la vita.

A reagire a questa iniziativa è stato il mondo cattolico? Neanche una parola, ovviamente. Solo il piccolo gruppo di pro-life, ancora una volta, pronto a raccogliere firme, a non arrendersi agli assassini. Ma perché non è l’intera Chiesa italiana ad alzare la sua voce? Perché non sono i Pastori insieme ai fedeli laici a pronunciarsi per la più sacrosanta giustizia come vorrebbe la Evangelii Gaudium? Perché devono essere pochi fedeli sparsi per l’Italia a reagire da soli, come se fosse un loro problema o una loro fissazione, contro un male orrendo che dovrebbe far alzare in piedi l’intera comunità ecclesiale a cui è stata affidata la verità del Vangelo?

C’è anche un’altra notizia che sta circolando e che è confermata da molte fonti. Pare certo che per il vaccino anti-covid si stia lavorando in alcuni grandi laboratori anche sui feti abortiti. Se le cose stanno così, per i cattolici sarebbe in arrivo una prova durissima. Tanto più è necessario che essi si diano da fare subito per orientare la società sulla strada della verità e del bene.

Come vorremmo che le parole sacrosante di San Giovanni Paolo II fossero lo Statuto permanente delle associazioni laicali cattoliche:

“Quindi ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana è minacciata.

Quando il carattere sacro della vita prima della nascita viene attaccato, noi ci alzeremo in piedi per proclamare che nessuno ha il diritto di distruggere la vita prima della nascita.

Quando si parla di un bambino come un peso o lo si considera come mezzo per soddisfare un bisogno emozionale, noi ci alzeremo in piedi per insistere che ogni bambino è dono unico e irripetibile di Dio, che ha diritto ad una famiglia unita nell’amore.

Quando l’istituzione del matrimonio è abbandonata all’egoismo umano e ridotta ad un accordo temporaneo e condizionale che si può rescindere facilmente, noi ci alzeremo in piedi affermando l’indissolubilità del vincolo matrimoniale.

Quando il valore della famiglia è minacciato da pressioni sociali ed economiche, noi ci alzeremo in piedi riaffermando che la famiglia è necessaria non solo per il bene privato di ogni persona, ma anche per il bene comune di ogni società, nazione e stato.

Quando poi la libertà viene usata per dominare i deboli, per sperperare le ricchezze naturali e l’energia, e per negare agli uomini le necessità essenziali, noi ci alzeremo in piedi per riaffermare i principi della giustizia e dell’amore sociale.

Quando i malati, gli anziani o i moribondi sono abbandonati, noi ci alzeremo in piedi proclamando che essi sono degni di amore, di sollecitudine e di rispetto”.

(S. Giovanni Paolo II, Omelia nella S. Messa a Washington, 7 ottobre 1979, a Capitol Mall, la spianata davanti alla Casa Bianca)

Eminenza, le abbiamo aperto con franchezza il nostro cuore. Vogliamo sperare, con tutta la nostra anima, che con il suo aiuto i Vescovi italiani alzino la loro voce e scuotano le coscienze dei fedeli laici, perché agiscano concretamente nella società civile per porre fine al genocidio più grande e orrendo di tutta la storia umana.

Una Chiesa coraggiosa, che parla chiaro, desta sicuramente reazioni avverse e forse anche persecuzioni di vario genere, ma suscita ancor più l’ammirazione di coloro che hanno ancora un po’ di amore alla verità: “Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce”, ha detto Gesù a Pilato (Gv 18,37). Da questa ammirazione viene il riavvicinamento alla Chiesa per molte anime disperse.

Come ha scritto recentemente il Papa emerito Benedetto, occorre smascherare la “dittatura mondiale di ideologie apparentemente umanistiche”, con le quali si sta “formulando una fede anticristica, cui non ci si può opporre senza essere puniti con la scomunica sociale”. E’ esattamente la “colonizzazione ideologica” di cui ha parlato molte volte Papa Francesco.

Smascherare la menzogna di queste ideologie è il più grande servizio che la Chiesa possa fare oggi ai poveri del nostro tempo, vale a dire ai giovani, plagiati profondamente nelle loro coscienze da queste ideologie e resi incapaci di accorgersi della loro iniquità. Solo la voce forte della Chiesa li può liberare e può aprire a loro un orizzonte ben diverso da quello della cultura della morte, dello scarto, dell’egoismo, dell’ateismo, della negazione della famiglia e della comunità.

Ci consideri a Sua disposizione per approfondire in un dialogo questi temi e per qualsiasi azione volesse intraprendere col nostro ausilio e la Sua benedizione.

Assicurandole la nostra costante preghiera e contando sulla Sua per noi, invochiamo la Sua benedizione e La salutiamo cordialmente.

Don Gabriele Mangiarotti, Ufficio Diocesano per la cultura, la scuola e l’insegnamento della religione cattolica (IRC), Diocesi San Marino-Montefeltro

Dott. Giuliana Ruggieri, Medico chirurgo

E altri 14 firmatari

30 agosto, 2020

4 commenti:

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.