Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

martedì 29 settembre 2020

Rassegna stampa di Fatima oggi a settembre 2020


Dagli amici della TFP italiana l'usuale interessantissima rassegna stampa.
Luigi


L'amore delle attuali gerarchie ecclesiastiche per la Cina rossa si trascina da tanto tempo. Risale all’epoca dell’Ostpolitik di Papa Paolo VI e di mons. Casaroli. Allora un alto esponente della diplomazia vaticana già strizzava l'occhio a un presunto modello cinese che avrebbe favorito il bene comune, così come fa oggi mons. Sánchez Sorondo.


Gli Stati Uniti rimangono la nazione più potente del mondo e l'unica con i mezzi necessari per difendere l'eredità occidentale dai suoi nemici. L'annuncio del presidente Trump di ritirare 12.000 truppe statunitensi dalla Germania e di limitare arbitrariamente l'impegno americano con la NATO rischia di danneggiare la capacità dell'America di difendere i suoi alleati e di indebolire ulteriormente una civiltà occidentale già indebolita.


Tanti americani sono allarmati nel vedere gli USA esplodere per la violenza. Molti non hanno mai visto in vita loro questo genere di disordini. La triplice combinazione di virus, rivolte e recessione economica sta mettendo alla prova anche i nervi degli ottimisti più irriducibili. Tuttavia, nulla sembra sufficiente a scuotere quanti assumono una posizione “moderata” di fronte a tutto.


Da quasi mezzo secolo, il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira poneva già i termini di una scottante questione attuale: l'Unione Europea, o verrà fatta in modo autentico, sulla scia di Carlo Magno e sotto l’influsso delle sue radici cristiane, oppure sarà una tappa rivoluzionaria e laicista per la costruzione della Repubblica Universale di stampo massonico.


Sulla questione aborto non c'è solo la fuga in avanti di Avvenire. In una intervista al quotidiano americano Crux, monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, nega l'esistenza di princìpi morali non derogabili e accusa di strumentalizzazione politica chi usa il diritto alla vita come criterio di voto. Il riferimento implicito è alle elezioni americane, ma le affermazioni di Paglia sono coerenti con un'impostazione ormai consolidata che stravolge le basi fondamentali della teologia morale cattolica.


Dal 1° settembre al 4 ottobre torna il "Tempo del creato", iniziativa ecumenica per spingere a una riflessione sulla creazione. In realtà è la celebrazione di un nuovo panteismo oggi in voga tra i cristiani, compresa la Chiesa cattolica. 

Cordialmente,

Samuele Maniscalco - Ufficio TFP Roma

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.