Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

lunedì 21 settembre 2020

National Catholic Register: "Coronavirus e contese liturgiche tornano a crescere in Italia"


In questa chiesa parrocchiale di Bellagio, in Italia, il 22 luglio, i banchi vengono sigillati per evitare di inginocchiarsi, anche fuori dalle Messe. (foto: Edward Pentin)
Una drammatica situazione liturgica italiana descritta da Edward Pentin, di National Catholic Register (di EWTN) con una traduzione provvisoria dall'inglese.
Luigi


In una recente lettera, il cardinale Robert Sarah ha sottolineato che le misure "date dai vescovi e dalle conferenze episcopali scadono quando la situazione tornerà alla normalità".

Edward Pentin Blog 20 settembre 2020

Le diocesi in Italia stanno continuando ad attuare le restrizioni COVID-19, comprese regole generalmente rigorose su come ricevere la Santa Comunione, poiché i registri mostrano un numero crescente di casi di coronavirus nelle settimane che precedono l'autunno.

Al 18 settembre, 2.387 persone erano ricoverate in ospedale con il virus nel paese, solo lo 0,004% dei 60 milioni di abitanti italiani, con 208 in terapia intensiva. Nelle 24 ore precedenti, sono stati registrati 1.907 nuovi casi, per un totale di 42.457 casi attivi, e il numero continua a crescere lentamente. (Il numero più basso di nuovi casi, appena 113, è stato registrato il 23 giugno).

Come quando l'Italia ha avuto il maggior numero di casi di COVID-19 in Europa all'inizio di quest'anno, la Lombardia rimane la regione con il maggior numero di infezioni, ma i casi sono in crescita anche in Lazio (la regione in cui si trova Roma), Veneto e Campania. Complessivamente il numero di contagi da COVID nelle regioni centro-meridionali d'Italia sta aumentando più velocemente del nord, il contrario di quanto avvenuto in primavera.

L'ex primo ministro del paese, Silvio Berlusconi, è stato tra i contagiati ed è stato colpito in modo relativamente duro. Il magnate dei media 83enne miliardario ha dichiarato il 18 settembre: “Avevo paura, ho sofferto e sono ancora sopraffatto, ma non ho mai smesso di fidarmi dell'aiuto di Dio e della professionalità di medici e operatori sanitari che sono stati straordinari". Ha detto che sapeva cosa stavano passando gli altri pazienti con COVID-19, ma li ha esortati a non "perdere la fede".
"È una brutta malattia ma puoi vincere", ha detto.

In una nota inviata alle parrocchie l'8 settembre, il Vicariato di Roma e altre diocesi hanno sottolineato la necessità di continuare a mantenere una distanza di almeno un metro tra i fedeli durante le celebrazioni liturgiche (a meno che non si tratti di una famiglia o di assistenza ai disabili ecc.) e, nonostante alcuni contestino le teorie scientifiche  dietro di esso, indossare una maschera che copre sia il naso che la bocca.

I cori parrocchiali hanno finalmente avuto il via libera per riprendere l'accompagnamento delle liturgie. Nel frattempo, continuano ad applicarsi le regole prescritte a giugno, come la pulizia quotidiana accurata delle chiese, la fornitura di disinfettanti per le mani e un'adeguata segnaletica, compresi i diversi percorsi di ingresso e di uscita. Per i corsi di catechesi, le famiglie sono obbligate a firmare un “patto di co-responsabilità” con il loro catechista.

E' sostanzialmente  mancante dalle direttive, tuttavia, qualsiasi istruzione su come ricevere la Santa Comunione. Eppure a Roma e, secondo quello che alcuni hanno detto al NCR, nel 90% delle diocesi del Paese, la Comunione si riceve solo per mano, nonostante tale regola non sia esplicitamente dichiarata nel protocollo della conferenza episcopale emanato congiuntamente con il governo in maggio.

Ciò ha portato a segnalazioni di molti fedeli che ricevono solo sulla lingua scegliendo di non ricevere la Santa Comunione sulla mano, secondo la loro coscienza.

Tuttavia, tali restrizioni non si applicano ovunque e in alcune diocesi, come Sanremo, nel nord della Liguria, questa regola non è stata applicata e  sono state applicate solo le distanze di sicurezza, lasciando i sacerdoti liberi di distribuire la Santa Comunione come desiderano.

"Per essere precisi, quasi tutti i sacerdoti lì distribuiscono la Santa Comunione sulla lingua", ha detto Luigi Casalini, redattore del blog Messainlatino, aggiungendo che  praticano anche il modo "orientale" di usare le pinzette.

“Quasi ovunque, d'altra parte, i vescovi non solo hanno obbligato 'legalmente' i sacerdoti a distribuire la Santa Comunione in mano, come Cremona e Mantova, ma perseguitano anche i parroci che, dopo o in sacrestia, danno la Comunione sulla lingua”, ha detto Casalini.

Ha aggiunto che sono emersi anche rapporti di “richiami formali” emessi dai vescovi a quei preti che non obbediscono. “In alcune chiese è addirittura proibito a inginocchiarsi (anche al di fuori della liturgia eucaristica”, ha detto Casalini, cosa che ho anche riportato sulla recente durante la visita alla parrocchia nord di Bellagio.

Casalini ha detto che alcuni vescovi “tollerano” eccezioni se sono “poco pubblicizzate”, ma che alcune parrocchie e santuari che hanno cercato di continuare a distribuire sulla lingua hanno “rinunciato per ordine dei loro vescovi”.

Sono emerse anche segnalazioni di alcune diocesi con messe in forma extraordinaria che hanno avuto la Santa Comunione in ginocchio e sulla lingua proibita, o addirittura la Messa bandita del tutto. A luglio, il principale liturgista della diocesi settentrionale di Cremona, situata in una delle regioni italiane più colpite sei mesi fa, ha dichiarato che la Comunione sulla lingua era un abuso liturgico, nonostante la pratica risalisse a 800 anni fa e la Comunione in mano fu consentita da Papa Paolo VI solo come eccezione negli anni '70.

Secondo il vaticanista italiano Aldo Maria Valli, i parrocchiani che hanno frequentato la Messa in Forma Extraordinaria a Cremona hanno scritto al liturgista, don Davide [Daniele] Piazzi, chiedendo di continuare a ricevere la Santa Comunione in ginocchio e sulla lingua. Hanno notato che il regolamento del governo non specificava alcun metodo di distribuzione della Santa Comunione per le liturgie orientali, né alcuna regola era esplicita nel protocollo di maggio dei vescovi italiani con il governo.
I parrocchiani hanno anche affermato che i medici hanno detto che la distribuzione in mano non è un metodo più sicuro. "Possiamo discuterne serenamente e trovare una soluzione?" hanno chiesto. “La nostra è una bellissima esperienza e non vogliamo che sia turbata da diatribe o conflitti, solo per sapere quando potremo finalmente riprendere la celebrazione pubblica della Santa Messa”.
Ma il liturgista ha risposto informandoli che il vescovo lo aveva autorizzato a sospendere la Messa in Forma Exraordinaria, sostenendo che i parrocchiani vedevano il metodo di ricevere la Santa Comunione "più vincolante" rispetto alla questione della comunione stessa - "tanto", ha aggiunto, "per indurvi a non obbedire al comando del Signore, 'Prendi ... mangia'".
Valli ha detto che, insomma, la Chiesa aveva “sbattuto la porta in faccia ai fedeli” e sembrava dire: “Non fate come dico? Io vi porterò via la Messa. Non sono obbligato a celebrarla ".

Questo tipo di approccio, che ha chiamato "nordcoreano", è abbastanza comune, ha detto Casalini, raccontando come un parroco è stato denunciato perché ha distribuito la Santa Comunione sulla lingua a circa 30 persone. Il sacerdote ora distribuisce l'Eucaristia in sacrestia. “Nel Sud, quasi tutti i vescovi distribuiscono la Comunione per mano in modo 'coreano'”, ha detto Casalini. "So che in Liguria è meglio".

Nella sua recente lettera ai vescovi sul ritorno all'Eucaristia, il cardinale Robert Sarah non ha affrontato esplicitamente la controversia sulla Comunione nelle mani, ma ha invece fatto una dichiarazione più generale. “Si deve riconoscere ai fedeli il diritto di ricevere il Corpo di Cristo e di adorare il Signore presente nell'Eucaristia secondo le modalità previste, senza limitazioni che vadano anche oltre quanto previsto dalle norme di igiene emanate dalle autorità pubbliche o vescovi ", ha scritto.

Il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha aggiunto che "un principio sicuro per non sbagliare è l'obbedienza", aggiungendo che "nei momenti di difficoltà", i vescovi e le conferenze episcopali "possono dare norme provvisorie che devono essere obbedite. L'obbedienza custodisce il tesoro affidato alla Chiesa ".
Ha anche sottolineato che i provvedimenti “impartiti dai vescovi e dalle conferenze episcopali scadranno quando la situazione tornerà alla normalità”.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.