Pagine

giovedì 10 settembre 2020

La (già) Cattolicissima Spagna: nel 1952 ordinati 842 sacerdoti simultaneamente



Foto dell'ordinazione di 842 sacerdoti al XXXV Congresso Eucaristico Internazionale di Barcellona allo stadio olimpico di Montjuich il 31 maggio 1952. Sono stati eretti 21 altari su cui 21 vescovi hanno celebrato messe simultanee. 

Ogni vescovo ha ordinato 40 sacerdoti. 
Una Schola Cantorum di 300 seminaristi provenienti da tutto il mondo della Spagna cantò i canti.
Fonte: Profilo Facebook "La Iglesia de siempre"
Roberto
qui per altre foto:






12 commenti:

  1. Peccato che, pochi anni dopo, tutti questi avrebbero parlato di manifestazioni simili come vacuo trionfalismo della chiesa dei ricchi piena di sovrastrutture barocche e ridicole e lontana dal cristianesimo delle origini.
    Solo questo basterebbe a capire che col concilio non ci fu nessun "aggiornamento", ma una vera e propria rivoluzione volta a spazzare via tutto e a rifondare qualcosa di nuovo.

    RispondiElimina
  2. Magnifico ...
    Vergine Madre aiuto dei cristiani , soccorrici !

    RispondiElimina
  3. Non molti anni prima, un decreto della Sacra Congregazione dei Riti ribadì il divieto più assoluto della celebrazione di messe sincronizzate ovvero simultanee. Che bella cosa gioire per un "tradizionalissimo" abuso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche perchè un vescovo non ha limiti numerici nel numero di presbiteri/diaconi che può consacrare, almeno nel rito latino, copto ed etiopico

      Elimina
    2. Ma magari fossero tutti così gli abusi liturgici! E scommetterei che i vescovi spagnoli prima di quella celebrazione chiesero alle congregazioni vaticane una sorta di permesso speciale

      Elimina
    3. Certo, alcuni abusi liturgici fanno sollucherare i "tradizionalisti", ma sempre abusi sono. Comunque si può guardare in AAS se c'è il permesso, e - se ci fosse, ma personalmente tenderei a dubitarne - rimarcare l'incompetenza di quanti lo diedero contro le prescrizioni tradizionali della Chiesa.

      Elimina
    4. Gli abusi liturgici di ieri sono stati i Padri di quelli di oggi
      Anche perché probabilmente il motivo delle ordinazioni sincronizzate è il risparmio di tempo, che è anche uno dei principali motivi della sciatteria liturgica attuale

      Elimina
  4. Si gioisce alla vista di quei sacerdoti tanto numerosi e si rimpiange quella Spagna cattolicissima .Adesso quanti ne vengono ordinati di sacerdoti in Spagna,in Francia(orrore),in Belgio (?)ed in Germania?Dopo il cv2 a migliaia i sacerdoti buttarono la talare alle ortiche.

    RispondiElimina
  5. Il male oscuro e terribile dei nostri angosciosi giorni è la scomparsa della fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. E la perdita della fede sta avvenendo soprattutto in occidente. Io qualche domanda me la porrei, soprattutto su una Chiesa che anziché andare controcorrente avalla una società degradata come la nostra.

      Elimina
  6. Era tutta apparenza. Molti di costoro poi sarebbero finiti con la teologia della liberazione, come costui:
    https://www.lazio900.it/oggetti/190340-jose-ramos-regidor/
    e il resto con la Spagna secolarizzata di oggi.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.