Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

sabato 5 settembre 2020

Il tabernacolo in molte chiese: "Il Salone del Trono senza più il Trono e il Re"

Una bella riflessione mandataci da un amico.

I destino del Tabernacolo in molte nostre chiese: "il popolo viene informato che, d'ora in poi, data l'età e la salute di Sua Maestà, il re non sarà presente a questi atti di omaggio. Il trono reale verrà trasferito in una piccola stanza".
"La presunta primavera della Chiesa è diventata in realtà un inverno rigido. E alcune persone si chiedono perché sia ​​successo".
Luigi


(Tratto da Infovaticana del 19-7-20. Pedro Abellò) 
 Immagina la Sala del Trono di un Palazzo Reale, dove il re riceve i suoi sudditi. Il loro portavoce si fa avanti e, avvicinandosi al trono, rende omaggio al re a nome del popolo. Ognuno mantiene un comportamento rispettoso e solenne davanti al re, a seconda delle circostanze. I movimenti sono ordinati e silenziosi, in contrasto con il trambusto della vita fuori dal palazzo, al fine di sottolineare che è penetrato in un'altra sfera, diversa dalla sfera della vita comune.

Ora immagina che un gruppo di cortigiani ritenga che sia necessario adattarsi ai nuovi tempi. Pensano che la monarchia appartenga al passato, che i tempi siano cambiati e che oggi gli uomini non debbano inchinarsi a nessuno superiore a loro stessi. Non vogliono una rivoluzione, perché quella gente potrebbe ribellarsi a loro, e preferiscono introdurre sottilmente i cambiamenti, in modo che penetrino gradualmente nella mentalità degli uomini fino a diventare la "nuova normalità", come la vera normalità.

Per questo, emanano una legge in base alla quale il popolo viene informato che, d'ora in poi, data l'età e la salute di Sua Maestà, il re non sarà presente a questi atti di omaggio. Il trono reale verrà trasferito in una piccola stanza annessa alla Sala del trono, da cui il re sarà in grado di ascoltare comodamente l'omaggio dei suoi sudditi. Di conseguenza, il portavoce leggerà il suo tributo al popolo, poiché il re non è più presente (quindi, in effetti, il vero onore sarà il popolo stesso). Per quanto riguarda l'etichetta da conservare nella "sala del trono senza trono", si ritiene che non sia necessaria una formalità eccessiva, in modo che le persone possano comportarsi in modo naturale. Saranno in grado di parlare e muoversi liberamente, sempre su misura, ovviamente, perché non dovrebbe più esserci una distinzione tra la vita del palazzo e quello della vita comune.

D'altra parte, le formule di protocolo saranno semplificate e tradotte in un linguaggio molto più comprensibile, eliminando le parti più tradizionali che non corrispondono alla mentalità di oggi, in modo che tutto sia molto più semplice e al passo con i tempi.

Posso immaginare il sentimento del re in quel modo oltraggiato e la perplessità delle brave persone che devono accettare questa nuova situazione e persino supporre che sia migliore della precedente, poiché è fatta in loro nome.

Se sostituiamo il trono con il Tabernacolo, in cui il vero Re del mondo è sempre presente, e sebbene l'analogia non sia perfetta (non può essere), è quello che è successo con il Novus Ordo Missae. Il tabernacolo, che presiedeva alla chiesa dalla sua posizione centrale sopra l'altare, è stato trasferito in qualsiasi angolo della navata o in una cappella adiacente, non chiarendo più chi o cosa presiede il luogo di culto. Il celebrante che, in nome di tutto il popolo, era rivolto al re, ora gira le spalle e si rivolge al popolo, il che implica, nel mio modesto modo di vedere, una grande mancanza di rispetto per chi dovrebbe essere il centro di tutti gli occhi e il punto focale di tutte le preghiere. Il celebrante ora è diventato quel centro, ma dovrebbe essere? La modestia e la solennità del comportamento dei fedeli nel luogo sacro sono state sostituite dalle conversazioni rumorose, a discapito della sacralità del luogo e di ciò che succede in esso.

La semplificazione della liturgia ridotta alla sua minima espressione, togliendo lo spirito che l'ha permeato per più di duemila anni e che ha costituito il ponte che è saltato nel corso dei secoli e che ha portato alla sua unità attraverso i tempi.

La presunta primavera della Chiesa è diventata in realtà un inverno rigido. E alcune persone si chiedono perché sia ​​successo. Altri, d'altra parte, non si chiedono nulla e continuano a parlare di Primavera.

Pedro Abelló