Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 28 agosto 2020

Libri liturgici cattolici scoperti a Oxburgh Hall, nel Norfolk: furono nascosti durante il regno Elisabetta I Tudor quando il Cattolicesimo fu messo a bando

Il popolo inglese, profondamente religioso, ha sofferto in modo traumatico lo smantellamento violento della cattolicità e la conseguente instaurazione del protestantesimo in Inghilterra "come paradigma tipico di ogni rivolta eretica" ( Cfr. Hugh Ross Williamson : The Beginning of the English Reformation). 
"Le case dei cattolici potevano essere perquisite dalla polizia in ogni momento e senza alcun preavviso, poiché essi erano considerati come traditori del regno al servizio di una potenza straniera, il Papato. I preti e i frati erano stati banditi dalle isole britanniche: se uno di essi veniva scoperto in Inghilterra, veniva condannato a morte per squartamento. Nonostante ciò, molti gesuiti sbarcarono clandestinamente in Inghilterra per mantenere viva la fede cattolica. 
Essi dovevano vivere in clandestinità, ma contemporaneamente dovevano visitare le varie comunità sparse nel paese. Perciò fu organizzata una rete segreta tra i cattolici inglesi

per nascondere i gesuiti e gli altri preti: nelle case di campagna della nobiltà furono ricavati dei nascondigli molto ingegnosi (alcuni erano dotati di tubi di collegamento con le cucine per poter nutrire coloro che erano nascosti, altri avevano gallerie per fuggire nei boschi vicini). A capo di questa organizzazione vi erano le donne: a causa della loro dipendenza sociale dai mariti, le moglie e le madri cattoliche godevano di una certa immunità, perché non erano in grado di pagare le multe e difficilmente venivano imprigionate in quanto nel loro ruolo di mogli dovevano essere di aiuto ai mariti." (Cfr. Centro Studi Federici QUI )  

AC

Gran Bretagna, ritrovati antichi libri di cattolici perseguitati da Elisabetta I Tudor  

I libri cattolici sono stati ritrovati in un castello nel Norfolk. Testi della liturgia cattolica quasi certamente nascosti dai proprietari del maniero dopo la messa al bando del Cattolicesimo da parte di Elisabetta I Tudor

La storia ricorda quella di Skyfall, la tenuta in Scozia della famiglia di James Bond. 
Una famiglia cattolica che scavò un cunicolo nelle brughiere delle Highlands per sfuggire alle rappresaglie degli uomini di Cromwell. 
Di qui la vocazione per la segretezza e la necessità di essere informati. 
Un vero e proprio tesoro di antichi testi cattolici è stato scoperto sotto le assi di un pavimento in un quattrocentesco castello inglese nel Norfolk. 
Il ritrovamento, riferisce Avvenire ( QUI ), è stato fatto da un archeologo inglese, Matt Champion, durante i lavori di ristrutturazione di Oxburgh Hall, un maniero costruito da Sir Edmund Bedingfeld dopo aver ereditato la tenuta nel 1476. 
Quando i restauratori della proprietà hanno sollevato le assi di legno, si sono ritrovati davanti tessuti di epoca elisabettiana e testi della liturgia cattolica quasi certamente nascosti dai proprietari del castello in seguito alla messa al bando del Cattolicesimo da parte di Elisabetta I nel 1558. La scoperta è stata annunciata dal National Trust, un ente governativo britannico incaricato di proteggere i siti storici.

Dal sottotetto del castello: libri e spartiti cattolici, tessuti elisabettiani...

Il primo oggetto apparso davanti agli occhi dei restauratori è stato il frammento di un manoscritto miniato del XV secolo con la foglia d'oro del testo ancora intatta. 
Uno specialista di manoscritti medievali presso la biblioteca dell'Università di Cambridge ha identificato il frammento come appartenente al salmo 39. 
Probabilmente apparteneva a un piccolo libro di preghiere, ha spiegato lo specialista, che potrebbe essere stato usato per i riti cattolici celebrati in segreto a causa del bando, prima di essere nascosto. 
Tra le centinaia di oggetti e reperti, oltre a tessuti elisabettiani e frammenti di un libro di romanzi spagnoli del XVI secolo, sono emersi anche parti di manoscritti musicali, fatto che potrebbe rivelarsi di estremo interesse perché molti spartiti destinati alla liturgia cattolica furono distrutti e quindi una considerevole mole di musiche è andata perduta. 
Un tempo cittadino di spicco, Sir Bedingfeld venne ostracizzato dopo aver rifiutato di firmare il Queen's Act of Uniformity (la Legge di uniformità del 1559) che vietava il rito cattolico. 
Per generazioni dopo, lui e la sua famiglia hanno continuato a praticare segretamente il cattolicesimo, arrivando a nascondere i sacerdoti in un apposito "priest hole" (buca dei sacerdoti) realizzata nel castello. 
Gli eredi di Bedingfeld vivono ancora oggi a Oxburgh Hall. 

Fonte: Chiesa e post Concilio QUI

da: Affari Italiani QUI 

Immagini: Il Martirio dei tre Priori ( certosini) QUI  

 Il castello di Oxburgh Hall, nel Norfolk - DeFacto/WikiCommons

1 commento:

  1. Che belli questi antichi libri liturgici, come i nostri antichi messali delle messe in latino: https://ilrichiamodellaredazione.blogspot.com/2020/08/quel-latino-vissuto.html

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.