Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 14 agosto 2020

In Vigilia Assumptionis BMV

Prepariamoci all'Assunta.
Luigi

Cum imperator Caesar Augustus mense Sextili et primum consulatum inierit et triumphos tres in urbem intulerit et ex 
Ianiculo legiones deductae secutaeque sint eius auspicia ac fidem. Sed et Aegyptus hoc mense in 
potestate populi Romani redacta sit. Finisque hoc mense bellis civilibus inpositus sit. Atque ob has 
causas hic mensis huic imperio felicissimus sit ac fuerit. Placere senatui ut hic mensis Augustus
appelletur. 
(Macrobio, Saturnalia, I,12-35)

In vigilia assumptionis BMV  læves ferias Augusti ex imis cordis exopto!


LA VIGILIA DELL'ASSUNTA E LA LIBERAZIONE DELLE ANIME TANTE QUANTO È LA POPOLAZIONE DI ROMA 

Era pio uso del popolo romano visitare le chiese con ceri in mano nella notte della vigilia dell’Assunta.

Accadde un anno che una nobile dama, mentre stava inginocchiata nella basilica di Santa Maria in Ara Coeli sul Campidoglio, con grande sorpresa si vide comparire innanzi una dama da lei molto conosciuta e morta in quello stesso anno. Volle attenderla alla porta della Chiesa, per chiarire lo strano fatto.

Appena la vide uscire, la trasse in disparte e le domandò: “Non siete voi la mia madrina Marozia, che mi tenne al fonte battesimale? – Sì, rispose la defunta, sono proprio io! – E come vi trovate fra i vivi, se già moriste da diversi mesi? … E che cosa vi è accaduto nell’altra vita?”

“Sino ad oggi – rispose l’anima – sono rimasta immersa in un fuoco cocentissimo, in pena di tanti peccati, specie peccati di vanità commessi in gioventù; ma in occasione di questa festa della Assunta, essendo la Regina del Cielo discesa in mezzo alle fiamme del Purgatorio, sono stata liberata assieme a molte anime, onde entrassimo in Paradiso nel giorno stesso della sua Assunzione. Ogni anno la Divina Signora rinnova questo miracolo di misericordia ed il numero delle anime che Ella libera in tal modo è circa quanto quello della popolazione di Roma. In riconoscenza di questa grazia ci rechiamo in questa notte nei santuari a Lei consacrati. Che se i vostri occhi vedono me sola, sappiate invece che noi siamo in gran moltitudine”.

E vedendo che la donna restava attonita e dubbiosa, subito la defunta soggiunse:

“In prova della verità che ho detto, vi annunzio che voi stessa morrete da qui ad un anno, in questa stessa festa; scorso il quale termine, se non sarete morta, riterrete come una illusione quanto vi ho detto”.

San Pier Damiani riferisce che la pia donna, dopo un anno trascorso nell’esercizio di molte opere buone, ammalatasi nell’antivigilia dell’Assunta, passò da questa vita all’eternità nel giorno stesso della festa, come le era stato predetto.

Molti altri scrittori, come Gersone, Teofilo, Faber, confermano questa pia credenza, la quale è basata sopra un gran numero di rivelazioni, ed è appunto per questo che in Roma la Chiesa di Santa Maria in Montorio, dove risiede l’Arciconfraternita del Suffragio, è dedicata all’Assunzione di Maria Vergine.

[ *Brano tratto da “Vera devozione a Maria”, di don Giuseppe Tomaselli, Imprimatur Can. Carciotto Vic. Gen., Catania 1952* ].