Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

martedì 7 luglio 2020

Maria Luggau (Carinzia), un pellegrinaggio extra ordinario

Ci giungono belle notizie da parte di un giovane sacerdote friulano, don Alberto Zanier, parroco di Resia (UD), di cui spesso e volentieri MiL pubblicizza le lodevoli iniziative di celebrazioni in rito antico in quel della Carnia (provincia di Udine), QUI1, QUI2 e QUI3 ecc. ecc..


Don Alberto, infatti, è il cappellano del locale Coetus Fidelium Carnorum Regionis "Sanctus Hilarius Martyr" (QUI), molto attivo nell'organizzare in Carnia e dintorni, Messe e altre iniziative, sempre legate alla liturgia vetus ordo.


Ebbene, la Carnia confina con la regione austriaca della Carinzia, dove è ubicato un glorioso e celebre santuario denominato Maria Luggau, affidato ai Servi di Maria. Probabilmente poco noto agli italiani, invece molto conosciuto dai cattolici non solo della Carinzia ma dell'intera Austria.


Ci riferisce il reverendo che, qualche settimana fa, volendo come ogni anno ricordare la sua ordinazione sacerdotale, sondando preventivamente il terreno, ha scoperto che il servita recentemente nominato nuovo parroco "avrebbe" concesso la Basilica anche per una Messa in rito antico.

Purtroppo, lo sappiamo, nonostante il Motu proprio è d'obbligo il condizionale, dinieghi e divieti sono ancora assai frequenti e comuni.


Ebbene, don Alberto, non perdendosi d'animo, ha ben pensato di scrivere al nuovo parroco priore e così, ottenuto il permesso, la scorsa domenica 21 giugno (non prima perché c'erano le frontiere chiuse) è riuscito a celebrare nella Basilica di Maria Luggau la Messa in Rito Romano antico nella festa esterna del Sacro Cuore (giorno della Herz Jesu Sonntag, domenica del Sacro Cuore), festa grande in Tirolo, ma anche nel lembo estremo della Carinzia dov'è ubicato il suddetto paese.


L'accoglienza è stata ottima e per di più il Priore ha fatto intendere che problemi proprio non ce ne sono riguardo il Rito antico
Tutto ha fatto presumere che fosse proprio la prima Messa antica dopo anni... speriamo la prima di una lunga serie!


MiL ha ritenuto di dare lodevole pubblicità a questa bella iniziativa, così che anche altri gruppi di pellegrini, italiani, austriaci ed europei, possano seguire l'esempio di don Alberto.

Qui di seguito proponiamo qualche foto, per gentile concessione e autorizzazione di don Alberto. 

AMDG

AZ