Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 17 luglio 2020

Il cerchio si stringe attorno ai cattolici. I vescovi si sono autodistrutti. #restiamoliberi

Ecco perchè è necessario pregare perchè il DDL non venga approvato! (che già ora non si può criticare...).
Ricordiamo che non si potrà parlare più di "famiglia naturale" e nemmeno di "mamma e papà"... figuriamoci poi chi oserà dire "peccato contro natura" o  "comportamento disordinato".  
Commento di Campari e de Maistre (17.07.2020)
Roberto


La proposta di legge Zan, che potete leggere qui, con tanto di premessa che fa ben capire quale sia lo spirito dei proponenti, agita gli animi di molti cattolici, inesorabilmente colpiti dalla vacuità di una modifica al codice penale che prevede il carcere per chi propagandi "l'omofobia" e la "transfobia". 

Non sta a noi ancora una volta chiedere se affermare la necessità di avere un papà e una mamma sia omofobia, fatto sta che dopo l'approvazione di questa proposta non sarà più possibile. Pena la denuncia e la fedina penale sporcata, con conseguenti difficoltà ne
l mondo del lavoro. Un pregiudicato non lo vuole nessuno, dopo tutto... Vai a spiegare che ti sei preso una condanna solo perché hai parlato di mamma e papà...
Fatto sta che ora non è possibile neanche criticare la proposta di legge, la quale non è ancora legge, ma per qualcuno è già libro sacro. 
Il sindaco di Lizzano, Antonietta D'Oria ha pensato bene di chiedere l'identificazione del parroco del paese, perché in chiesa si stava svolgendo un Rosario per la famiglia. Una pessima figura da parte del primo cittadino, che si è unita alla manifestazione LGBT di fronte alla chiesa, nel modo che potete vedere qui
Nel frattempo, i vescovi provano timidamente a dissentire da questa proposta di Legge, ma non hanno più la forza di dire nulla, si sono autocastrati in anni e anni di sottomissione al potere temporale. Il governo sta provocando la chiusura delle scuole cattoliche e sta progettando di incarcerare i cattolici che semplicemente proclamano la loro fede. 
Se dovessimo cercare i colpevoli di questa situazione, i primi da indicare sarebbero proprio loro, chiusi nelle curie e spaventati.
E che dire dei fedeli cattolici? Quelli che durante il lockdown denunciavano i parroci che dicevano messa?
E' chiaro che il cattolicesimo ufficiale in Italia non è più in grado di produrre nulla, figuriamoci una protesta per la propria libertà. 
Probabilmente, i primi a denunciare i cattolici per omofobia, saranno i cattolici stessi!


8 commenti:

  1. Maledetto 8 per mille. Quella che è stata presentata come una scelta di libertà, in realtà diventa una prigione (dorata) per la Chiesa Italiana. Opporsi allo Stato per la Chiesa sarebbe deleterio. E se si desse l'indicazione ai CAF, in primis quelli dei sindacati,vedi CGIL, di sconsigliare di dare l'8 per mille alla Chiesa Cattolica? Quanti miliardi in meno arriverebbero? E i Vescovi lo sanno bene ed hanno scelto "la parte migliore". La Chiesa in Italia non esiste più e non aspettatevi di sentire la sua voce. Sono tutti chiusi codardemente nelle loro case, impauriti, intimoriti come novelli don Abbondio. Hanno paura che manchi loro il pane quotidiano, tanto l'annuncio, marchiato come proselitismo, dice il Papa che non bisogna più farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'8 per mille non credo c'entri. Ruini non si faceva problemi a parlare chiaro.

      Elimina
  2. Bisogna avere il coraggio (la Chiesa dovrebbe avere il coraggio) di sollevare un Dubium allo Stato. La domanda da fare è semplice: "Lo Stato italiano persegue penalmente chi rispetta il Catechismo della Chiesa Cattolica?" Insomma, bisogna togliere allo Stato l'alibi delle nuove sensibilità, i nuovi diritti, il nuovo spirito che aleggia in Vaticano. la nuova morale (nuova de che?). Se lo Stato nicchia, si deve rivendicare la libertà di seguire, anche con le parole, il Catechismo fino a quando non verrà abrogato (dallo Stato. L'eventuale rinuncia da parte della Chiesa al CCC non è sufficiente perchè chi è nato e cresciuto con il CCC ha il diritto di seguirlo, anche a costo di disobbedirle, almeno fino a quando non ci sarà una legge che stabilisce che il CCC è fuorilegge). Ma la Chiesa nei confronti delle domande troppo dirette, dei Dubia, è da un po' di tempo latitante, come sappiamo. Comunque, in mancanza di una risposta chiara dello Stato, nessuno può impedirmi di pensare e agire come lo Stato stesso mi ha educato fino ad ora o ha consentito che venissi edicato ed educassi i miei figli. E' col nostro silenzio che hanno imposto il loro rumore, vale a dire il politichese corretto che ci sta murando vivi nella cella di Ugolino.

    RispondiElimina
  3. Non Metuens Verbum17 luglio 2020 18:23

    Un libro di anni fa (invero alquanto fazioso) trattava"I Volenterosi Carnefici di Hitler". Aspettiamoci di trovare sulla nostra strada tanti Volenterosi Carnefici.

    RispondiElimina
  4. Non Metuens Verbum17 luglio 2020 18:26

    a proposito di volenterosi carnefici, Microsoft Edge molto volenterosamente mi segnala in rosso che aprire www.blog.messainlatino.it è Non Sicuro.

    RispondiElimina
  5. Finalmente un post serio, ma temo che questo avrà meno commenti di quelli in cui si discute di Comunione in mano o sulla lingua.

    RispondiElimina
  6. Non Metuens Verbum18 luglio 2020 05:50

    Parlate del vescovo di Taranto e dei fedeli di Lizzano.

    RispondiElimina
  7. Un giorno dovremo rendere conto a Dio dei nostri silenzi.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.